980false dots bottomright 230false false 0http://www.lamadredellachiesa.it/wp-content/plugins/thethe-image-slider/style/skins/white-rounded
  • 5000 random true 768 right 0
    Slide1
    Messaggio del 25 marzo 2014

    "Cari figli! Vi invito di nuovo: iniziate la lotta contro il peccato come nei primi giorni, andate a confessarvi e decidetevi per la santità. Attraverso di voi l'amore di Dio scorrerà nel mondo, la pace regnerà nei vostri cuori e la benedizione di Dio vi riempirà. Io sono con voi e davanti a mio Figlio intercedo per tutti voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Le testimonianze sulla risurrezione sono storicamente attendibili? – di Mirko Testa

La scoperta della tomba vuota e le apparizioni di Gesù vennero annunciate in pubblico a meno di due mesi dalla sua morte, quando molti a Gerusalemme avrebbero sicuramente potuto smentire tutti i fatti. Come primi testimoni vennero indicate proprio delle donne, che per il diritto ebraico di allora non erano attendibili. E infine, solo un evento storico sconvolgente può motivare il “Big Bang” che spinse gli apostoli, dubbiosi, a volte increduli, ma comunque smarriti per la morte ignobile del loro maestro, a rischiare la vita pur di annunciarlo.

Bartolomeo, la missione del cristiano è la liberazione dell’uomo dal potere delle tenebre

Istanbul (AsiaNews) – La fede in Dio non deve significare ricerca per la conquista del potere, perché la missione del cristiano non consiste nella liberazione di una nazione dal giogo di un’altra,  ma nella liberazione del genere umano dal signore delle tenebre. La ricerca del potere è logorio, morte eterna.

Divorziati risposati, così nella Chiesa primitiva

(Walter Brandmüller su Avvenire.it) In previsione del prossimo Sinodo dei vescovi, la discussione sulla posizione dei divorziati risposati all’interno della comunità della Chiesa ha acquistato nuova urgenza. In tale contesto vengono citate una serie di testimonianze dell’era patristica che deporrebbero a favore di una ammissione di questo gruppo di persone all’Eucaristia.

Franco Nembrini “L’orso siberiano”, ovvero la stoltezza di certi ambientalisti

Il Papa: il diavolo c’è anche nel XXI secolo, impariamo dal Vangelo come combatterlo

Impariamo dal Vangelo a lottare contro le tentazioni del demonio. E’ quanto affermato da Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta (11 aprile, ndr). Il Pontefice ha sottolineato che tutti siamo tentati, perché il diavolo non vuole la nostra santità. Ed ha ribadito che la vita cristiana è proprio una lotta contro il male. “La vita di Gesù è stata una lotta. Lui è venuto a vincere il male, a vincere il principe di questo mondo, a vincere il demonio”.

Lieto fine per l’edizione spagnola di “Sposati e sii sottomessa” di Costanza Miriano

Dopo circa sei mesi di controversie legali ed editoriali è stato archiviato in Spagna il caso di Cásate y sé sumisa. La traduzione del bestseller Sposati e sii sottomessa, opera prima di Costanza Miriano, era stata pubblicata lo scorso autunno dalla casa editrice Nuevo Inicio, di cui è titolare la diocesi di Granada. Con la scusa di un titolo che avrebbe istigato alla violenza sulle donne e talora senza nemmeno entrare nel merito degli effettivi contenuti del libro, numerose istituzioni iberiche si erano scatenate contro la pubblicazione, chiedendone addirittura il ritiro dal commercio, come aveva fatto il ministro della Sanità, Ana Mato.

Cosa significa crescere con due mamme? Storia di Robert Oscar Lopez: «”Basta l’amore”, dicono. Ma non è vero»

«Mi fa impressione che si debba usare la scienza per dimostrare che un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà». Le parole sono dell’americano Robert Oscar Lopez (foto a fianco), che lo scorso martedì, ad un incontro (foto in fondo) organizzato da Fondazione Tempi, Alleanza Cattolica e Obiettivo Chaire ha raccontato il suo dramma. Cresciuto da una madre lesbica e dalla sua compagna, oggi Lopez è docente di letteratura inglese alla California State University. «Mancante». Così si è sentito per trent’anni della sua vita. Dopo anni di silenzio lo ha voluto raccontare a tutti, incominciando dai parlamentari degli Stati Uniti impegnati nella corsa frenetica per la legalizzazione del matrimonio gay.

Il Papa: il seminario non è un rifugio, guai ai pastori che pascolano se stessi e non il gregge

Non state diventando “funzionari di un’azienda”, ma “pastori ad immagine di Gesù”. E’ l’esortazione che Papa Francesco ha rivolto ai seminaristi del Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, fondato nel 1897 da Leone XIII e che forma i futuri sacerdoti della regione Lazio. Dal Papa, in un intervento più volte a braccio, anche un severo richiamo a quei pastori che “pascolano se stessi e non il gregge”.

Papa Francesco dona 1.200 copie del Vangelo tascabile ai detenuti di Regina Coeli

I detenuti nel carcere romano di Regina Coeli riceveranno come dono pasquale di Papa Francesco milleduecento copie del Vangelo tascabile. Le consegnerà mercoledì prossimo – fa sapere l’Osservatore Romano – l’arcivescovo elemosiniere Konrad Krajewski nel corso di una visita alla struttura detentiva di via della Lungara. Si tratta dello stesso volumetto che contiene anche gli Atti degli Apostoli, regalato ai fedeli presenti all’Angelus di domenica 6 aprile e alla Messa celebrata dal Pontefice lo stesso pomeriggio nella parrocchia di San Gregorio Magno alla Magliana.

Chi non voleva Wojtyla santo… – di Antonio Socci

Andrea Riccardi ha rivelato, in un suo libro, il contenuto della “deposizione” che il cardinale Carlo Maria Martini rese al processo per la canonizzazione di Karol Wojtyla. Le sue parole hanno fatto una triste impressione, non solo perché egli giudica inopportuna l’elevazione agli altari di Giovanni Paolo II (desideratissima invece dal popolo cristiano: avverrà in piazza San Pietro il 27 aprile prossimo). Ma soprattutto per il modo e per gli argomenti usati.

Più Dudù per tutti. Da Forza Cane a Forza Foca, utili iniziative partitiche per sfruttare il “voto animalista”

Nel quadro del tentativo generalizzato di trasformare l’arco costituzionale in arca di Noè, offro anch’io un contributo all’adeguata valorizzazione del ruolo politico dei nostri amici animali. Incombono le elezioni europee, che chiameranno alle urne circa venti milioni di italiani proprietari di bestiole che li riempiono di affetto, li consolano, li leccano, li graffiano, li mordono, li fanno uscire alle quattro del mattino per la pipì, li impoveriscono col racket dei croccantini, li costringono a trascorrere buona parte del tempo libero a lanciare palline sbavate e li commuovono rosicchiando ogni giorno capi pregiati di abbigliamento e imprescindibili documenti di lavoro.

Papa Francesco: Omelia della Domenica delle Palme 2014

Questa settimana incomincia con la processione festosa con i rami di ulivo: tutto il popolo accoglie Gesù. I bambini, i ragazzi cantano, lodano Gesù. Ma questa settimana va avanti nel mistero della morte di Gesù e della sua risurrezione. Abbiamo ascoltato la Passione del Signore. Ci farà bene farci soltanto una domanda: chi sono io? Chi sono io, davanti al mio Signore? Chi sono io, davanti a Gesù che entra in festa in Gerusalemme?

Angelus della Domenica delle Palme

[dopo l’Orazione dopo la Comunione]
Al termine di questa Celebrazione, rivolgo un saluto speciale ai 250 delegati – vescovi, sacerdoti, religiosi e laici – che hanno partecipato all’incontro sulle Giornate Mondiali della Gioventù organizzato dal Pontificio Consiglio per i Laici. Comincia così il cammino di preparazione del prossimo raduno mondiale, che si svolgerà nel luglio 2016 a Cracovia e che avrà per tema «Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia» (Mt 5,7)

Tra Wojtyla il santo e Francesco il rivoluzionario, ecco Benedetto XVI, il costruttore di papi

Quando al monastero Mater Ecclesiae in Vaticano, residenza di Joseph Ratzinger, squilla il telefono, è possibile che dall’altro lato della cornetta ci sia papa Francesco. Il segretario particolare di Benedetto XVI, ma anche prefetto della Casa pontificia, monsignor Georg Gänswein, trait d’union tra i due papi, riceve la telefonata e subito avvisa il padrone di casa: «È il Santo Padre». A quel punto il viso del Papa emerito s’illumina e una delle prime parole rivolte a Bergoglio è sempre: «Grazie del pensiero»

Tornati dall’Aldilà – di Antonio Socci

“C’è uno scetticismo triste e superficiale che si esprime nella vulgata popolare con la frase: ‘dall’aldilà non è mai tornato nessuno’. S’intende dire che, in fin dei conti, quelle sull’oltretomba sono tutte congetture, ipotesi, magari anche vere, ma chi lo sa davvero se c’è qualcosa?”. È forse la domanda più importante dell’esistenza. Ma sono proprio giustificati i dubbi? A partire dalla tragica sera in cui il cuore di sua figlia Caterina ha smesso di battere, Antonio Socci si è interrogato a lungo su quella condizione al confine della vita: un’esperienza di pre-morte al culmine del quale è avvenuta una resurrezione.

ASIA/BRUNEI – In vigore il Codice penale islamico che “viola i diritti umani”

Bandar Seri Begawan (Agenzia Fides) – E’ entrato in vigore in questi giorni in Brunei il nuovo Codice penale basato sulla “sharia” (la legge islamica) che include arcaiche sanzioni come la flagellazione e la lapidazione a morte, alcune applicabili anche ai non musulmani. Come appreso da Fides, il nuovo Codice, che sarà introdotti in tre fasi, nel corso dei prossimi due anni, ha ricevuto critiche all’interno e fuori dal paese.

Udienza generale del 9 aprile 2014 – I doni dello Spirito Santo: 1. La Sapienza

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
Iniziamo oggi un ciclo di catechesi sui doni dello Spirito Santo. Voi sapete che lo Spirito Santo costituisce l’anima, la linfa vitale della Chiesa e di ogni singolo cristiano: è l’Amore di Dio che fa del nostro cuore la sua dimora ed entra in comunione con noi. Lo Spirito Santo sta sempre con noi, sempre è in noi, nel nostro cuore.  Lo Spirito stesso è “il dono di Dio” per eccellenza (cfr Gv 4,10), è un regalo di Dio, e a sua volta comunica a chi lo accoglie diversi doni spirituali.

Il Papa: il cristianesimo non è per essere educati, la Croce non è un ornamento

Non esiste un cristianesimo senza Croce”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nella Messa di stamani a Casa Santa Marta. Il Pontefice ha sottolineato che “non c’è possibilità di uscire da soli dal nostro peccato” e ha ribadito che la Croce non è un ornamento da mettere sull’altare, ma il mistero dell’amore di Dio. In cammino nel deserto, il popolo mormorava contro Dio e contro Mosè. Ma quando il Signore mandò dei serpenti, il popolo ammise il suo peccato e chiese un segno di salvezza. Papa Francesco ha preso spunto dalla Prima lettura, tratta dal Libro dei Numeri, per riflettere sulla morte nel peccato.

Il Papa: Sinodo importante, ho bisogno del consiglio dei vescovi

Papa Francesco ha nominato oggi vescovo mons. Fabio Fabene, sottosegretario del Sinodo dei Vescovi. In una lettera, il Papa motiva la nomina con la volontà di conferire ulteriore valore alla collegialità che l’istituzione del Sinodo ha sempre rafforzato e diffuso in mezzo secolo di esistenza.

Gesuita indiano: L’omicidio di p. Frans è una perdita per i musulmani della Siria

Homs (AsiaNews)“Padre Frans è stato ucciso nel giardino del monastero. Gli hanno sparato due colpi alla testa, è stato un gesto deliberato”: lo afferma all’edizione in arabo della Radio Vaticana p. Said Ziad Hilal sj, gesuita che viveva con p. Frans Van der Lugt, ucciso ieri a Homs.

torna su▲