980false dots bottomright 230false false 0http://www.lamadredellachiesa.it/wp-content/plugins/thethe-image-slider/style/skins/white-rounded
  • 5000 random true 768 right 0
    Slide1
    Messaggio del 25 giugno 2014

    "Cari figli! L’Altissimo mi dona la grazia di poter essere ancora con voi e di guidarvi nella preghiera verso la via della pace. Il vostro cuore e la vostra anima hanno sete di pace e d’amore, di Dio e della sua gioia. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate e nella preghiera scoprirete la sapienza del vivere. Io vi benedico e intercedo per ciascuno di voi davanti al mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Il Papa abbraccia Meriam e la sua famiglia: grazie per la vostra fede!

Il Papa ha incontrato stamani, a Santa Marta, Meriam, la cristiana sudanese condannata a morte per apostasìa da un tribunale di Karthoum, e l’ha ringraziata per la sua testimonianza di fede. Il direttore della Sala Stampa vaticana, Padre Federico Lombardi, ha dichiarato ai microfoni di Radio Vaticana:

Cristiani in Iraq. Mons. Warduni all’Occidente: perché state zitti? Arrivo di mercenari anticristiani dall’Europa

In Iraq il parlamento ha rinviato ad oggi il voto per l’elezione del presidente della repubblica. Attesa anche per la visita del segretario generale dell’Onu, dopo che l’inviato speciale dell’organizzazione ha denunciato “atrocità” compiute dai miliziani islamici.

Con la tua firma salviamo i cristiani d’Iraq!

Oggi, davanti ai nostri occhi, nel 2014, i cristiani d’Iraq sono vittime di un vero genocidio. Gli ultimi cristiani hanno lasciato adesso Mosul, dopo che lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) ha dato loro come scelta: l’esilio o la morte.

Irak : ن , Siamo tutti nazareni! Mettiamo il simbolo in rete!

Siamo tutti cristiani iracheni! Per la prima volta da circa duemila anni non c’è alcun cristiano a Mosul. I cristiani iracheni, discendenti diretti degli assiro-caldei, hanno dovuto scegliere tra la morte e l’esilio dopo l’ultimatum dei fanatici dell’ISIL. Prima di far loro scegliere tra la conversione, l’imposta, la fuga o la morte, gli islamisti hanno iniziato a marcare tutte le case dei cristiani con un ن, spesso inscritto in un cerchio. Questo simbolo è di fatto una lettera dell’alfabeto arabo, il “nome”, che corrisponde alla “N” dell’alfabeto latino, una N per “Nasarah”, ovvero nazareno, il termine peggiorativo con cui sono designati i cristiani nel Corano.

Iraq: come i nazisti con gli ebrei, così i mussulmani marchiano le case dei cristiani per sterminarli

di Luigi Santambrogio – Una “N” che a prima vista potrebbe essere scambiata per il faccino sorridente di uno smile: invece è una lettera in arabo, racchiusa all’interno di un cerchietto. Quella “N” sta per “Nasara”, seguace del Nazareno, cioè cristiano, cioè nemico da distruggere, da estirpare e sterminare. 

«Iraq, perché Dio permette la strage dei cristiani?» – di Amal Marogy

Alcune settimane fa, mentre cercavo disperatamente di avere qualche notizia su Mosul e su mia zia suor Utuur, mi sentii come una bomba che stava per esplodere nel momento in cui mi imbattei nella notizia che più temevo: “Due suore, due giovani orfane e un ragazzino nelle mani dell’Isis”.  La mia mente è stata subito travolta dagli interrogativi: “Perché stanno rischiando la vita, per amor del cielo?”, “Come può Dio permettere tutto questo?” Tuttavia la domanda più importante e appropriata di tutte era: “Dov’è Dio?”

La preghiera dell’imam all’incontro col Papa: “Allah, facci battere gli infedeli” – di Sergio Rame

Non si trova in mosche, ma nei Giardini vaticani e, a qualche metro da lui, c’è anche papa Francesco. È l’8 giugno, domenica di Pentecoste. In Vaticano, a pregare col Pontefice per la pace in Medioriente, ci sono Abu Mazen e Shimon Peres. Ma la Sura II pronunciata dall’imam non è stata concordata.

Matrimonio, divorzio e decristianizzazione – di Gabriella Cotta

Avvenire del 18 luglio 2014 – Su questo giornale sono apparsi autorevoli commenti attorno alla questione del divorzio, a quarant’anni dalla vicenda referendaria che ne suggellò la definitiva introduzione in Italia nel 1974. In uno di questi Francesco D’Agostino sottolinea giustamente, con toni amari, la connessione della modifica dell’istituto matrimoniale con il processo di dematrimonializzazione e con la drammatica denatalizzazione che ne è il risultato.

Papa Francesco. Angelus del 20 luglio 2014

Cari fratelli e sorelle, buongiorno.
In queste domeniche la liturgia propone alcune parabole evangeliche, cioè brevi narrazioni che Gesù utilizzava per annunciare alle folle il Regno dei cieli.
Tra quelle presenti nel Vangelo di oggi, ce n’è una piuttosto complessa, di cui Gesù fornisce ai discepoli la spiegazione: è quella del buon grano e della zizzania, che affronta il problema del male nel mondo e mette in risalto la pazienza di Dio (cfr Mt 13,24-30.36-43).

Scaduto l’ultimatum dei terroristi: «Non ci sono più cristiani a Mosul». Bruciato l’arcivescovado, occupato un monastero

Non ci sono più cristiani a Mosul. Alle 24 di sabato è scaduto l’ultimatum esplicitamente lanciato dai terroristi dello Stato islamico: o vi convertite all’islam o pagate la tassa di sottomissione o ve ne andate. «Altrimenti l’unica opzione resta la spada». Domenica dagli altoparlanti delle moschee i cristiani sono stati incitati a scappare e così hanno fatto.

Perché la Chiesa non può ordinare le donne? Perché il sacramento non si produce

Siamo nell’epoca del “siamo tutti uguali e abbiamo gli stessi diritti”, che a più di un avvocato (di quelli che hanno senso comune) ha portato vari grattacapi, visto che si è cercato in più modi di forzare le leggi perché regolamentassero situazioni di per sé irregolari.

«L’albero inglese tornerà alla sue radici cattoliche». Si sta avverando la profezia di Edoardo il Confessore?

Tra una generazione, di noi non resterà più traccia. Estinti o quasi. A dirlo è stato l’anno scorso George Carey, già arcivescovo di Canterbury, ovvero leader della Chiesa anglicana nel Regno unito e primus inter pares fra i dignitari della comunione anglicana nel mondo.

Nel 2013 aumentano le esecuzioni: il boia colpisce di più in Cina, Iran e Iraq

Roma (AsiaNews) – Il numero delle esecuzioni in tutto il mondo è cresciuto lo scorso anno, nonostante vi sia un fronte sempre più ampio di nazioni, movimenti e organizzazioni attiviste che si batte per la moratoria della pena di morte. È quanto emerge dal Rapporto 2014 intitolato “La pena di morte nel mondo”,

Carne avariata, McDonald’s e KFC “ingannati” da un fornitore cinese

Shanghai (AsiaNews) – Carne macinata verde e puzzolente che torna “nuova” dopo un procedimento chimico, pezzetti di pollo caduti a terra in mezzo alla spazzatura e riposizionati sui rulli di produzione, date di scadenza falsificate per andare avanti di anni: è quanto emerge da un reportage girato dalla Dragon Tv di Shanghai su un’industria alimentare, la Husi, che fino a oggi ha rifornito i maggiori fast food mondiali.

In nome del popolo italiano: i cani sono individui – di Luigi Santambrogio

Pagina 17 del Giornale di lunedì 21 luglio 2014.Il pezzo di apertura racconta di una recente sentenza pronunciata da un Tribunale italiano. Leggiamo: «Si volta pagina, s’apre un nuovo capitolo. Il titolo? Civiltà». Indovinello: qual è il “nuovo capitolo che si apre” e a quale nuova “civiltà” allude l’entusiasta cronista?

C’era una volta…

Tanto, ma tanto, tempo fa nelle famiglie c’era sempre qualche nonna che, rimasta vedova, era finita ad abitare con un figlio o una figlia sposati e si rendeva utile in mille faccende domestiche, una delle quali era l’intrattenimento dei nipotini.

Non essendoci la televisione, i computer e le altre diavolerie moderne, la nonna raccontava ai bimbi, talvolta leggendole, delle favole che incominciavano sempre con un “C’era una volta…”

12 ore di preghiera no stop per la pace in Terra Santa

Si continua a morire a Gaza ed i giovani a Roma si metteranno in ginocchio di fronte all’Eucarestia per chiedere al Signore di intervenire: accadrà questo giovedì, dalle ore 18 fino alle ore 6 della mattina, per una preghiera di intercessione no stop di 12 ore.

ASIA/IRAQ – A Mosul il Califfato Islamico ordina: niente aiuti a cristiani e sciiti, mentre le loro case vengono espropriate

Mosul (Agenzia Fides) – I miliziani jihadisti dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL), che dallo scorso 9 giugno controllano Mosul e hanno proclamato il Califfato Islamico, hanno ordinato ai funzionari pubblici di sospendere ogni fornitura di aiuti in cibo e bombole del gas agli sciiti, ai curdi e ai pochi cristiani rimasti nella seconda città dell’Iraq.

Scuola, genitori contestano corsi promossi da associazioni Lgbt

Preoccupazione e polemiche nella scuola italiana dove le associazioni LGBT (acronimo di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali), premono per attivare corsi di affettività e promuovere iniziative contro le discriminazioni di genere, con il sostegno dell’Unar, l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, che ha già redatto un opuscolo “Educare alla diversità a scuola”, oggetto di aspre critiche.

Parapsicologia: verità o inganno?

L’Osservatore Romano ha reso noto che con decreto del 13 giugno il Vaticano ha riconosciuto giuridicamente l’Associazione internazionale degli esorcisti (Aie). Fu Padre Amorth, religioso della Società di San Paolo, ad avere negli anni Ottanta l’idea di riunire gli esorcisti italiani in una associazione che si costituì nel 1991 e poi si estese ad altri Paesi, si legge sul quotidiano della Santa Sede.

torna su▲