Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

La teologia del moribondo – di don Elia

Transito di S. Giuseppe - Benedetto LutiEmendemus in melius, quae ignoranter peccavimus: ne subito praeoccupati die mortis, quaeramus spatium paenitentiae, et invenire non possimus (dall’Ufficio divino). «Correggiamo in meglio i peccati commessi per ignoranza, affinché, sorpresi all’improvviso dal giorno della morte, non cerchiamo il tempo di far penitenza senza poterlo trovare». Così la liturgia tradizionale ci esorta in questo periodo della Quaresima. È un richiamo di vitale importanza.

Ogni uomo ignora del tutto il momento della propria morte, quando agli occhi dell’anima, che vedrà aprirsi innanzi a sé l’eternità, si svelerà il vero valore di ogni singolo atto compiuto durante la vita terrena. Allora, nella piena luce della perfetta verità ed eccelsa santità di Dio, non più velate allo sguardo della creatura, la subitanea presa di coscienza sarà terribile per chi sarà vissuto lontano da Lui e in modo contrario alla Sua volontà.

Il desiderio di riparare le proprie colpe, che appariranno in tutta la loro gravità, si scontrerà inesorabilmente con la mancanza di tempo per l’imminenza del trapasso.

I demoni accerchieranno la povera anima per indurla alla disperazione e, a meno di una grazia particolare ottenuta in passato o da qualcun altro, ci riusciranno.

Questa preziosa testimonianza della lex orandi include, come oggetto dello sforzo penitenziale, anche le colpe commesse per ignoranza. Questo potrebbe sorprendere chi sa che il peccato richiede la piena avvertenza e il deliberato consenso.

Indubbiamente essi sono necessari perché ci sia un peccato in senso formale, cioè una disobbedienza a Dio consapevole e volontaria; in mancanza, tuttavia, si ha comunque un peccato materiale, perché si è compiuto il male e si è violato l’ordine divino del mondo.

Nell’attuale situazione culturale e religiosa (che ho ultimamente rievocato) di frequente ignoranza pressoché totale dei Comandamenti divini e della loro applicazione, questa eventualità si verifica, probabilmente, abbastanza spesso.

Ma, ammesso che certe persone non perdano lo stato di grazia per il semplice fatto che non si rendono minimamente conto di peccare in materia grave, ciò non le scusa necessariamente del tutto, perché l’ignoranza non sempre è incolpevole: ogni essere umano, essendo dotato di coscienza, ha l’obbligo di cercare la verità e, nella misura in cui può conoscerla, di osservarla nei suoi atti.

Oggi, tuttavia, i dettami della coscienza sono stati talmente oscurati dalla “cultura” dominante e dalla “catechesi” rinnovata che in molti casi l’ignoranza pare effettivamente non imputabile e, con essa, i peccati commessi di conseguenza.

Dobbiamo per questo lasciare la gente nell’oscurità e limitarci a giustificare i loro comportamenti? Ma questa non è carità: quelle persone, molto spesso, vivono in disordini gravi dal punto di vista morale.

Ciò non è certo un bene per loro e, quand’anche non abbiano perso lo stato di grazia, è un ostacolo all’azione della grazia stessa, che non può agire per distoglierli dal male in cui sono immersi, in quanto non trova la minima collaborazione.

E poi, come possiamo esser sicuri che non commettano peccato mortale in senso formale? Vediamo forse nella loro coscienza? Vogliamo metterci al posto di Dio?

Il nostro compito di cristiani – specie se sacerdoti – è quello di strappare le anime al demonio, non quello di avallare la loro condotta sostenendo che non è ipoteticamente imputabile.

Se un peccatore, per morte improvvisa, si ritrova di colpo dall’altra parte, viene immediatamente a conoscenza di ciò che avremmo dovuto dirgli noi.

Quante anime del Purgatorio rimpiangono amaramente di non essere state adeguatamente istruite e avvertite in tempo da chi pur aveva questo compito…

Stare al capezzale di un moribondo è estremamente istruttivo; è una delle esperienze più fruttuose – per quanto sconvolgente – del ministero sacerdotale. Là non ci sono più scuse, sottigliezze, disquisizioni… ma solo il giudizio. Là si impara la vera teologia.

Certo, Dio è Padre misericordioso, ma al contempo infinitamente santo e giusto. Allo schiudersi della visione, la Sua gloria sublime irradia un’irresistibile luce su ogni più piccolo dettaglio dell’esistenza, che in un attimo scorre davanti agli occhi dell’anima in agonia.

Essa coglie così, in un angoscioso sussulto, la propria tremenda responsabilità di creatura dotata di coscienza e libero arbitrio: l’aver lasciato che la prima si atrofizzasse e usato così male il secondo non trova alcuna giustificazione, se non quella fornita, magari, proprio da un prete, che in quel momento è quasi certamente latitante.

Forse sta preparando lo spettacolo della domenica seguente o, semplicemente, sta navigando su Internet; ma i moribondi non li accompagna di certo: nessuno, del resto, gliel’ha insegnato, mentre le struggenti e solenni preghiere di raccomandazione dell’anima sono state abolite… tanto si salvan tutti. Al massimo, si farà vivo per dare una spruzzata al cadavere, quando ormai servirà a ben poco.

Che cosa ha imparato, d’altra parte, quel povero prete (che ero anch’io finché, per un’immeritata quanto inestimabile grazia, non sono tornato alla fonte)?

La teologia che ha studiato non gli serve a nulla per procurare la salvezza alle anime affidate alle sue cure. In essa era tutto un problema, una discussione, un’analisi critica…

La verità perenne era ridotta a sviluppo del dogma, la legge divina a evoluzione della coscienza ecclesiale; gli autori sacri e i Padri della Chiesa (grazie alla “riscoperta” della Scrittura e alla “rinascita” patristica) erano messi sullo stesso piano di qualunque scrittore, cristiano o meno, ortodosso o eretico, in una serie indifferenziata di “fonti” che parevano tutte dotate della stessa autorità…

Prima di arrivare a un’affermazione un po’ meno incerta o condizionata bisognava farsi sfiancare da estenuanti ricostruzioni storiche, che lasciavano in piedi solo qualche rudere delle poche cognizioni di fede che uno aveva acquisito in precedenza…

Concetti chiari e definiti erano aborriti come esecrabile retaggio della teologia manualistica neoscolastica… che orrore!

È per questo che, oggi, se un fedele pone al parroco un semplice quesito di fede o di morale, deve sperare che non abbia tempo o voglia, perché corre il forte rischio di ricevere una risposta erronea o, nel migliore dei casi, di imbarcarsi in un’interminabile disamina che lo lascerà con le idee più confuse di prima.

Se poi, per uscire dalle nebbie, ricorrerà al “magistero” contemporaneo, incapperà in scogli capaci di farlo naufragare. Se risalirà al Magistero recente, dovrà prenderlo con le molle, per evitare di attribuire all’esperienza personale dell’uomo un peso eccessivo rispetto all’oggettiva legge di Dio o di considerare Lui stesso la migliore delle ipotesi, piuttosto che una realtà evidente alla retta ragione…

Alla fine, per non vedersi obbligato allo sforzo di filtrare i testi con cognizioni insufficienti, gli converrà saltare indietro di almeno sessant’anni e, con grande sollievo, ritroverà un’atmosfera respirabile senza precauzioni, non ancora inquinata dai miasmi dell’idealismo tedesco, dell’esistenzialismo cristianizzato e di un personalismo andato un po’ troppo lontano.

Se invece vuol prendere la via direttissima, pensi agli estremi istanti.

Un’efficacissima regola di discernimento, indicata da sant’Ignazio di Loyola nei suoi Esercizi, è la seguente: decidere quello che desidererò aver deciso quando sarò in punto di morte.

Rispetto alla teologia di una Chiesa moribonda, la teologia del moribondo è molto meglio, senza paragone.

La Scure

torna su▲