A differenza degli essere umani, gli uragani rispettano le statue della Madonna.


Dopo aver riportato l’immagine dell’ennesimo atto sacrilego commesso su una statua della Vergine Maria, ci fa piacere pubblicarne un’altra (in basso all’articolo) riferita ad un avvenimento che dimostra come invece gli eventi naturali rispettino le effigi della Madonna.

Infatti il 30 ottobre 2012 un ciclone post-tropicale, soprannominato Sandy, ha investito tra gli altri lo Stato di New York, portando con sè allagamenti, blackout, devastazione e morte. Secondo i metereologi, con le sue raffiche di vento a 154 km/h e il suo  diametro di azione di 1850 km, è stato il più grande uragano della storia e il secondo più distruttivo dopo Katrina.

Nello stesso Stato di New York, precisamente a Queens, si è sviluppato un pauroso incendio che ha distrutto un’ottantina di case. Ma nel quartiere di Breezy Point, fra le macerie di una chiesa e la davastazione circostante è rimasta illesa la statua della Madonna della Medaglia miracolosa.