Amare Dio più della moglie – di Costanza Miriano


Sebbene, si sa, una mamma non vada mai in ferie, e anzi, di solito abbia bisogno di una vacanza, dopo, per riprendersi dalla vacanza, può anche capitare di trovare qualche minuto per leggere. Se poi il libro è la storia di Chiara Corbella Petrillo, Siamo nati e non moriremo più, i minuti volano uno dopo l’altro, e può capitare di passare la notte in bianco (di giorno non si può, i castelli di sabbia hanno le loro urgenze), avvinti dalla storia di questa donna meravigliosa, e del suo coraggioso marito.

I loro amici, Simone Troisi e Cristiana Paccini raccontano la storia di Chiara – Credere ne ha già parlato – semplicemente raccogliendo, proprio come fecero i primi testimoni di Gesù, quello che hanno visto e vissuto e toccato con mano.

C’è qualcosa che mi ha colpita più ancora dell’incredibile avventura di due genitori che accolgono due figli malati, uno dopo l’altro, e li accompagnano con amore nelle loro poche ore di vita. Più ancora della ferma decisione di non danneggiare il terzo bambino, sano, che Chiara si trova in pancia quando scopre di avere un tumore.

Più ancora della tenacia con cui la mamma si è curata ed ha affrontato il dolore, nel primo anno del bambino. Più del racconto della morte accolta col sorriso, e della forza con cui il marito va avanti da solo, amando il loro bambino senza perdere la fede.

Più di tutto, in questo libro prezioso, mi ha colpito il racconto del tormentato fidanzamento, quando i due ragazzi superano le difficoltà che fino ad allora li hanno fatti litigare e prendersi e lasciarsi, e le superano comprendendo la cosa più importante di tutte: “Se riconosci – dice Enrico – che solo in Dio puoi amare, devi amare Dio più di tua moglie, più di tuo marito. Se cerchi la consolazione nell’amore di una persona che ti sta vicino, stai prendendo una strada sbagliata. Perché la consolazione te la deve dare solo il Signore.”

Arrivare a capire una cosa così grande, e prima ancora di sposarsi! Che meraviglia! Non mi stupisce allora che il Signore li abbia scelti, Chiara ed Enrico, per essere un segno profetico del vero matrimonio cristiano. Qualcosa che fa impallidire l’amore romantico e tutto emotivo, spontaneo e impalpabile che va per la maggiore oggi.

fonte: Credere

***

Domenica 15 settembre ad Assisi ci sarà una giornata dedicata a Chiara Corbella Petrillo con le testimonianze di tutte le persone che hanno avuto la Grazia di conoscerla. Ci saranno anche dei bellissimi e toccanti filmati inediti della sua vita.

1186230_10201837592891687_1772297918_n

articolo pubblicato sul blog di Costanza Miriano