Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Apprensione per la salute di Ratzinger – di Giacomo Galeazzi

Preoccupazione per un rapido deterioramento della salute di Joseph Ratzinger.  «Benedetto XVI non ha nessuna malattia specifica e i suoi problemi di salute  sono quelli legati all’età», ha evidenziato Padre Federico Lombardi, direttore  della sala stampa vaticana, nel commentare sull’agenzia cattolica “Aci Prensa”  le voci circolate sulla stampa spagnola su una presunta grave malattia del  Pontefice emerito. Le ultime immagini di Ratzinger documentano un forte  dimagrimento e un generale indebolimento del suo stato fisico.

Secondo quanto si  apprende in Curia, anche papa Francesco si sarebbe informato sulle condizioni  del predecessore attraverso l’arcivescovo Georg Gaenswein che lo ha rassicurato.  Si tratta, infatti, dell’aggravamento di una situazione di generale fragilità,  senza fatti specifici accertati dai controlli medici di routine. Un cedimento  fisco e nervoso piuttosto normale dopo il periodo di straordinaria tensione  provocato dall’abbandono del Soglio di Pietro. Nessuna necessità immediata di  ricovero e, come previsto, il prossimo mese è programmato il ritorno  Oltretevere  nel monastero allestito per lui nei giardini vaticani.

 

Secondo la  giornalista spagnola Paloma Gomez Borrer la salute del Pontefice emerito sarebbe  molto peggiorata nell’ultimo periodo. Intanto Francesco continua a dar prova di  grande considerazione per il suo predecessore mentre si appresta a mutare i  vertici ecclesiastici. Diversi sono i nomi su cui si è incentrata la sua  attenzione per la nomina del nuovo segretario di Stato, che dovrebbe essere  comunque un italiano.

Il cardinale Fernando Filoni è la  figura gradita per  questo ruolo da Benedetto XVI, che pure ha sempre opposto un «no» sdegnato a  chi, nell’imperversare della bufera Vatileaks, gli suggeriva di sostituire  Bertone. Ratzinger, a capo della Segreteria di Stato, avrebbe visto bene l’attuale prefetto del potente dicastero di Propaganda Fide, e prima di allora  (dal giugno 2007 al maggio 2011) sostituto per gli Affari generali proprio in  Segreteria di Stato.

 

Questa preferenza è stata espressa dal Papa emerito anche  durante lo storico incontro avuto col nuovo Pontefice sabato 23 marzo nella  residenza di Castel Gandolfo. Filoni, 67 anni, vanta tra l’altro un’esperienza  internazionale di primo piano, anche in situazioni irte di difficoltà, essendo  stato nunzio apostolico in Iraq mentre infuriava la guerra e poi nelle  Filippine.

Occorrerà vedere se Bergoglio terrà conto di questa preferenza del  suo predecessore, il quale nell’incontro a Castel Gandolfo, come si è potuto  vedere nelle immagini, gli ha consegnato anche un consistente pacco di documenti  e due buste sigillate, evidentemente riguardanti il ministero pontificio.

Ed è  stato Bergoglio stesso a volere che fosse ritratto lo scatolone sul tavolo:  segno dell’avvenuto passaggio delle consegne tra i due pontefici. Insomma la  parola di Ratzinger ha un grande peso per Francesco. E la salute del  predecessore tiene in apprensione anche lui.

 

articolo pubblicato su Vatican Insider

 

torna su▲