Arriva la legge. Il Fisco paga chi fa la spia. Premi in denaro per chi sputtana i colleghi


La spiaMolto presto il Fisco regalerà premi in denaro a chi fa lo spione su amici e colleghi. Arriva in Aula alla Camera la proposta di legge voluta da Partito democratico e Movimento Cinquestelle che premia la delazione su reati di corruzione, ma anche su illeciti e reati fiscali. L’idea, scrive il Giornale, porta il nome di whistleblowing, cioè quel soffiare nel fischietto che avviene quando si deve segnalare un pericolo. La prima firmataria Francesca Businarolo del Movimento Cinquestelle, con il sostegno fondamentale del gruppo Pd.

Il meccanismo – I deputati hanno immaginato un sistema a premi perché lo Stato riceva quante più notizie possibili sui crimini che si consumano a danno dell’erario.

Sulla falsa riga di quel che già succede per i pentiti di mafia, anche il delatore potrà godere dell’assoluto anonimato al momento della segnalazione, almeno fino all’inizio del dibattimento in Tribunale. In questo modo il legislatore spera di incentivare per esempio il funzionario a spifferare eventuali illeciti del proprio dirigente ed evitare che scattino sul delatore “vendette” sul posto di lavoro.

Gli incentivi – Il motivo principale dietro l’iniziativa parlamentare è stato recepire le convenzioni Onu e del Consiglio d’Europa sulla lotta alla corruzione. Di fatto però incentiva anche la delazione su reati e illeciti fiscali, aprendo così scenari conflittuali da guerriglia e vendette negli uffici pubblici italiani: “In un Paese come l’Italia consumata dall’invidia sociale – dice il fiscalista Paolo Duranti – ci vuol poco a insinuare sospetti”.

Il tutto incentivato da premi che saranno definiti in “sede contrattuale” con l’Agenzia delle entrate. E pensare che nella prima proposta dei grillini, i premi da riconoscere dovevano equivalere a valori tra il 15% e 30% rispetto al danno erariale riconosciuto dalla Corte dei conti.

Fonte: Libero.it