Aumenta l’inserimento sottopelle di contraccettivi alle 13enni. «Così si banalizza il sesso»


Negli ultimi tre anni le scuole del Regno Unito hanno applicato sotto pelle a  ragazzine tra i 13 e i 16 anni impianti contraccettivi come rimedio per non farle  rimanere incinta. Per applicare l’impianto le infermerie scolastiche non sono  tenute ad informare i genitori delle ragazzine.


La pratica è stata introdotta  nelle scuole di Bristol, Northumbria, Peterborough, County Durham, West Midlands  e Berkshirex.

BASTA UN BASTONCINO DI 4 CENTIMETRI. Il metodo  contraccettivo utilizzato si chiama Implanon ed è un sottile bastoncino di  4 centimetri che si inserisce sottopelle nei primi cinque giorni del ciclo e  libera gradualmente un ormone che blocca l’ovulazione e riesce a fermare  l’ascesa degli spermatozoi. La sua efficacia comincia dopo 24 ore dall’innesto e  dura circa tre anni. I ricercatori affermano che gli effetti secondari come  acne, cefalea e tensione mammaria scompaiono dopo appena sei mesi. Secondo  dati raccolti dal Daily Telgraph la tecnica, praticata nelle scuole fin dal 2009, si è diffusa nel 2011. A Bristol, a  fronte di 102 impianti inseriti nel 2010, nel 2011 sono stati 330. A County  Durham e Darlington, nel 2010 solo cinque ragazze erano state sottoposte  all’intervento, nel 2011 82. A Dorset si è passati da 49 a 62.

«AUMENTA LA PROMISCUITÀ». La pratica nel Regno Unito è sotto  accusa perché banalizzerebbe l’atto sessuale, incoraggiando la promiscuità nei  rapporti tra ragazzini. Afferma Norman Wells, direttore del Family Education  Trust: «Questo tipo di iniziative dà a ragazzine di 13 anni la licenza di avere  rapporti sessuali illegali e nega loro la protezione della legge. Inoltre,  fornire alle ragazzine la contraccezione senza informare i genitori significa  minare gravemente il loro ruolo. Senza contare che così la promiscuità  aumenta».

«SESSO? COME ANDARE AL MCDONALD’S». Per Anthony Seldon, a  capo del Wellington College, «il rapporto sessuale è la più alta e matura forma  di relazione che ci possa essere tra due persone. Ogni cosa che la banalizzi o  la tratti come qualcosa di semplice, specie per le persone giovani, danneggia la  loro capacità di crescere e formare in un futuro un rapporto d’amore duraturo  nel tempo. Così si svaluta il sesso, lo si rende una cosa ordinaria, come andare  al McDonald’s».

Leone Grotti


Fonte: Tempi.it