Barilla o meno, per Chesterton «solo gli stolti si fanno condizionare dalla pubblicità». Capito Dario Fo?


I cristiani difendono il vino perché fa bene agli uomini. Gli astemi ne  scoraggiano il consumo perché, secondo loro, li distrugge. Le loro  coscienziose conclusioni sono diverse, ma le loro coscienze sono le  stesse. Gilbert K. Chesterton

Dire “Tutti a tavola!” in questi giorni è come una chiamata alle armi.  Ma sarebbe l’unica cosa intelligente da fare.

 

Imbandire un’unica grande  tavolata a cui invitare: la Presidente Boldrini, insieme alle modelle in bikini  di Intimissimi e alla mia vicina con cui ci salutiamo sempre dicendo: “Vado, che  quelli (marito e figli) tra poco reclamano il cibo”; invitare anche il signor Guido Barilla e Dario Fo e ogni sorta di assembramento  umano che condivide lo stesso tetto (la famiglia molto tradizionale, il  bamboccione che vive con la mamma vedova, la coppia gay, il musulmano con le sue  mogli, il single per scelta).

E poi vediamo cosa si dicono, senza usare hashtag (dall’inglese hash – cancelletto – e tag  – etichetta – viene usato nel web, soprattutto Twitter, per rimandare a parole-chiave) .

 

A questa tavolata assisterei con piacere, tutto quel che riguarda il  modo in cui la pubblicità rappresenta la realtà mi interessa un po’  meno. Nella sua recente intervista ad Antonio Spadaro di Civilità  Cattolica il Papa ha detto, a proposito delle grandi  questioni come aborto, matrimonio, omosessualità: «Io non ho parlato molto di  queste cose, e questo mi è stato rimproverato. Ma quando se ne parla, bisogna  parlarne in un contesto». Ecco, la pubblicità è tutto fuorché un contesto.

 

l’articolo continua su Tempi.it