Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Benedetto XVI esorta a vivere intensamente l’Anno della Fede

Commentando il Vangelo di oggi, riguardante l’invio in missione degli apostoli da parte di Gesù (cfr. Mc, 6,7-13), il Santo Padre ha definito quel passaggio come una sorta di “tirocinio” per i discepoli, “in vista della grande responsabilità che li attende”, dopo la Resurrezione del Maestro e la Pentecoste. Le istruzioni che Gesù dà ai suoi discepoli, mettono subito in chiaro la natura impegnativa del compito loro affidato: non dovranno essere “attaccati al denaro e alle comodità”, né aspettarsi “sempre un’accoglienza favorevole”, al punto che talora potranno essere “respinti”, quando non esplicitamente “perseguitati”.

Fonte: Zenit

torna su▲