Benedetto XVI: regnante o emerito, sempre papa è – di Vittorio Messori


Sulle dimissioni di Papa Benedetto XVI e posizione canonica da lui attualmente occupata insieme a Papa Francesco, il vaticanista Vittorio Messori,  per  Il Corriere della Sera, ha scritto un interessante articolo,  di cui qui proponiamo i passaggi più significativi.

………………

Sullo sfondo, comunque, restavano domande che sembravano non avere risposta adeguata: perché non scegliere di chiamarsi “vescovo emerito di Roma“ (come suggeriva la stessa Civiltà Cattolica) bensì “papa emerito“? Perché non rinunciare all’abito bianco, pur avendo tolto la mantellina e l’anulus piscatorius al dito, segno della autorità di governo?

Perché non ritirarsi nel silenzio di un monastero di clausura, invece di  restare nei confini della Città del Vaticano, accanto a San Pietro, confrontandosi spesso – seppur privatamente – con il successore, ricevendo ospiti e  partecipando a cerimonie e a canonizzazioni come quella recente di Roncalli e di Wojtyla? Confesso che io stesso mi ero posto simili interrogativi, restando  perplesso.

 

Una risposta a quelle domande viene ora da uno studio di Stefano Violi, stimato docente di diritto canonico presso le facoltà di teologia di Bologna e di Lugano. Vale la pena di esaminare quelle fitte pagine, poiché con la decisione di Benedetto XVI si sono aperte per la Chiesa scenari inediti e in qualche modo sconcertanti.

È prevedibile che le conclusioni del prof. Violi susciteranno dibattito tra i colleghi, visto che questo canonista ipotizza che l’atto di Ratzinger innovi profondamente e che i papi viventi siano ora davvero due. Anche se uno di loro volontariamente “dimezzato”, per dirla in maniera  un po’ semplicista ma, ci pare, non errata.

Per capire, vanno sgombrati innanzitutto  tutto i deliri di  dietrologi e complottisti, prendendo sul serio Benedetto XVI che ha parlato del  peso crescente  della vecchiaia come motivo primo e unico della sua  decisione: «In questi  ultimi mesi ho sentito che le mie forze erano diminuite….. Le mie risorse, fisiche e intellettuali, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero….».

 

Ma,  studiando in modo approfondito il controllatissimo latino con il quale Joseph Ratzinger ha accompagnato la sua decisione, l’occhio del canonista scopre che essa va ben al di là dei pochi antecedenti  storici e anche al di là della disciplina prevista per la “rinuncia“  dal Codice attuale  della Chiesa.

Si scopre, cioè, che Benedetto XVI non ha inteso rinunciare al munus petrinus, all’ufficio, al compito, cioè, che il Cristo stesso attribuì al capo degli apostoli e che è stato tramandato ai suoi successori.

Il papa  ha  inteso  rinunciare solo al ministerium, cioè all’esercizio, all’amministrazione concreta di quell’ufficio. Nella formula impiegata da Benedetto, si distingue innanzitutto tra il munus , l’ufficio papale, e la executio, cioè l’esercizio attivo dell’ufficio stesso. Ma l’executio è duplice: c’è l’aspetto di governo che si esercita agendo et loquendo, lavorando ed insegnando.

Ma c’è anche l’aspetto spirituale, non meno importante, che si esercita orando et patendo, pregando e soffrendo.  E’ ciò che starebbe dietro le parole di Benedetto XVI : «Non ritorno alla vita privata….Non porto più la potestà di guida   nella   Chiesa ma, per il bene della Chiesa stessa e nel servizio della preghiera, resto nel recinto di San Pietro». Dove “recinto“ non andrebbe inteso solo nel  senso di  un luogo geografico dove vivere ma anche di un “luogo“ teologico.

 

Ecco , dunque, il  perché della scelta, inattesa e inedita, di farsi chiamare “papa emerito“. Un vescovo resta vescovo quando  l’età o la malattia gli impongono di lasciare il governo della sua diocesi e si ritira a pregare per essa.

Tanto più il vescovo di Roma, al quale il munus, l’ufficio, il compito  di Pietro,  è stato conferito una volta per tutte, per l’eternità intera, dallo Spirito Santo, servendosi dei cardinali in conclave solo come strumenti.
 
Ecco anche il perché della  decisione di non abbandonare l’abito bianco, pur privato dei segni del governo attivo. Ecco il perché della volontà di stare accanto alle reliquie del Capo degli apostoli, venerate nella grande basilica.

Per dirla con il professor Violi: «Benedetto XVI si è spogliato di tutte le potestà di governo e di comando  inerenti il suo ufficio, senza però abbandonare il servizio alla Chiesa: questo continua, mediante l’esercizio della dimensione spirituale del munus pontificale affidatogli. A questo, non ha inteso rinunciare. Ha rinunciato non al compito, che non è revocabile, bensì alla sua esecuzione concreta».

 
Forse anche per questo Francesco non sembra amare il definirsi ”papa”, consapevole com’è di condividere  il munus pontificale, almeno nella dimensione spirituale, con Benedetto. Ciò che invece ha ereditato interamente da Benedetto XVI è l’ufficio di vescovo di Roma.

Per ciò che questa, come si sa, è la sua autodefinizione preferita, sin dalle prima parole di saluto al popolo dopo l’elezione. Tanto che molti, sorpresi, si chiesero perché non avesse  mai usato la parola ”papa” o ”pontefice”  in un’occasione tanto solenne, davanti alle tv del mondo intero, e avesse solo parlato del suo ruolo di successore all’episcopato romano.

 

Per la prima volta, dunque, la Chiesa avrebbe davvero due papi, il regnante e l’emerito? «Pare proprio che questa sia stata la volontà di Joseph Ratzinger stesso, con quella rinuncia al solo servizio attivo che è stato un atto solenne del suo magistero», per dirla con il canonista.

Se davvero è cosi, tanto meglio per la Chiesa: è un dono che ci sia, uno accanto all’altro anche fisicamente, chi dirige e insegna e chi prega e soffre, per tutti, ma anzitutto per sorreggere il confratello nell’ufficio pontificale quotidiano.

Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana