Canada: disegno di legge per vietare qualsiasi simbolo religioso. «Il secolarismo è un valore»


Lo Stato era già entrato nelle case dei canadesi residenti nella Provincia  del Quebec, vietando ai genitori di educare i figli secondo il proprio credo.  Così le scuole cattoliche avevano dovuto sostituire l’ora di religione con  quella di morale laica programmata dalla Provincia. Ora il partito di  maggioranza (Parti Quebecois) ha pronto un disegno di legge che vieterà di  indossare qualsiasi simbolo religioso nei tribunali, negli edifici delle forze  dell’ordine, nelle scuole, negli asili e negli ospedali.

Qualsiasi turbante  indiano, velo islamico, crocifisso cristiano o kippah ebreo dovranno sparire.  Non si sa ancora in che termini, ma la norma riguarda anche le attività private  e religiose.

 

CARTA DEI VALORI LAICI. A pubblicare la notizia è stato il  Journal of Montreal pochi giorni fa, ma già l’anno scorso, durante la  campagna elettorale, il Parti Quebecois parlava della necessità di approvare una  “Carta di valori laici” della Provincia. E già tre anni fa sono state vietate le  celebrazioni religiose negli spazi pubblici, anche se affittati, e l’ingresso di  esponenti religiosi negli asili finanziati dalla Provincia per cui non si può  più far alcun riferimento al sacro, neppure nei canti o nei lavoretti  natalizi.

 

LAICISMO IN CASA. «Riconoscere che il secolarismo è un  valore significa prendere consapevolezza dell’evoluzione della popolazione che  negli ultimi cinquant’anni si è sempre più secolarizzata, vietando  l’espressione religiosa nelle istituzioni», così ha commentato la governatrice  del Quebec Pauline Marois.

 

articolo pubblicato su Tempi.it