Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Cardinali: un abbraccio tra canti e selfie

Card. Sturla BerhouetSi tratta di visite di cortesia per congratularsi con i cardinali per la nuova dignità alla quale sono stati elevati con l’imposizione della berretta rossa, ma sono più note con il termine antico di “visite di calore” per indicare l’affetto con il quale i neo-porporati vengono salutati da fedeli e familiari. Abbracci, sorrisi, auguri, foto e anche qualche selfie: l’aula Paolo VI al pomeriggio del 14 febbraio si riempie di allegria e di colori, tra cui spicca il rosso delle vesti dei 14 cardinali che ricevono qui le visite dei propri “fan”.

Il neo-cardinale di Addis Abeba, mons. Souraphiel, è letteralmente avvolto dal verde, giallo e rosso della bandiera dell’Etiopia che un gruppo di fedeli entusiasti tiene alta dietro le sue spalle. Alcuni seminaristi intonano un canto di ringraziamento alla Madonna nella lingua nazionale, l’amarico.

Canti anche per il cardinale Gomes Furtado, vescovo dell’Arcipelago di Capo Verde, una delle più antiche diocesi africane. “Certo la mia famiglia è molto orgogliosa della nomina – dice ai giornalisti a caccia di dichiarazioni – ma è tutto il Paese ad esserne orgoglioso”. E deve essere vero che le famiglie a Capo Verde sono decisamente matriarcali perché ad attendere il cardinale per congratularsi con lui ci sono molte signore.

Il suo “dirimpettatio” di postazione, il cardinale Mafi, delle Isole Tonga è circondato da un tifo da stadio. Basta la sua famiglia di circa 25-30 persone a fare “massa”: vestiti degli abiti tradizionali del Paese, caratterizzati da ornamenti di paglia, cantano ad alta voce un inno che racconta di Gesù con gli apostoli. Un nipote che si chiama come il cardinale, Soane Patita Paini Mafi, porta al collo una foto di tutta la famiglia e indica orgoglioso la somiglianza con il “celebre” zio.

Anche nel giorno di festa i problemi di alcuni dei contesti da cui provengono i nuovi cardinali non riescono a stare fuori dalla porta: “La situazione è tragica – dice il cardinale Suarez Inda, vescovo di Morelia in Messico, un territorio funestato dalla lotta tra narcotraficanti, dalla violenza della polizia e la voglia di farsi giustizia dei gruppi di autodifesa popolare – ma non bisogna abbandonarsi al pessimismo”.

Tra la folla di fedeli che circonda il cardinale Montenegro, vescovo di Agrigento nel cui territorio è compresa Lampedusa, l’isola di approdo dei migranti alla quale Francesco ha dedicato la sua prima visita, c’è un gruppo di poveri arrivati insieme ai familiari del presule e delle donne africane che emettono il caratteristico suono per esprimere gioia.

Secondo la stampa locale agrigentina, al momento di imporgli la berretta papa Francesco gli ha sussurrato: “Non si dimentichi di occuparsi dei poveri che ha servito tanto bene”.

“Servir al Senor con alegria”, “servire il Signore con gioia”, recita il motto episcopale dell’arcivescovo di Montevideo (Uruguay), il cardinale Sturla Berhouet, riportato sull’immaginetta- ricordo che molti tra i nuovi cardinali distribuiscono.

E di certo il neo-cardinale non lesina sorrisi e cordialità ai fedeli in fila. Quando il giovane sacerdote uruguayano Aemilius Gonzalo, un amico di papa Francesco che ha additato ad esempio la scuola da lui fondata per i ragazzi di strada, gli porge il mate, la tipica bevanda sudamericana, l’accetta senza scomporsi e l’assapora soddisfatto: “Più del papa – commenta alludendo agli episodi nei quali il mate è stato offerto anche a Francesco -. Un po’ di energia serviva proprio…”.

Atmosfera più formale ma non meno calorosa nel Palazzo apostolico dove sono ospitati gli altri 5 neo cardinali che hanno ricevuto la berretta oggi a S. Pietro. A mons. Pimiento Rodriguez, arcivescovo emerito di Manizales, cui l’età avanzata ha impedito di lasciare la Colombia, verrà consegnata nei prossimi giorni dal nunzio apostolico.

Tra gli splendidi affreschi della Sala Regia e della Sala Ducale ricevono congratulazioni ed auguri quattro dei nuovi nominati non elettori, che non entreranno cioè in un eventuale futuro conclave per eleggere il papa in quanto hanno superato il limite prescritto di ottanta anni.

Accanto a loro anche l’unico membro della Curia romana tra i nuovi cardinali, il cardinale Mamberti, prefetto del Tribunale della Segnatura apostolica, organo della giustizia vaticana. Il motto che ha scelto e che spicca sull’immaginetta-ricordo è, però, “La misericordia supera la giustizia”.

Anche papa Francesco lo ha detto oggi ai cardinali nell’omelia della celebrazione a S. Pietro: “chi è chiamato nella Chiesa al servizio del governo deve avere un forte senso di giustizia, così che qualunque giustizia gli risulti inaccettabile, anche quella che potrebbe essere vantaggiosa per lui o per la Chiesa”. Al tempo stesso, però, “nella Chiesa ogni presidenza proviene dalla carità, deve esercitarsi nella carità e ha come fine la carità”.

Fonte: Aleteia

torna su▲