Chi siamo noi, che compriamo bimbi in Africa e li uccidiamo negli Usa?


Non so se vi è sfuggita. È sempre così, le notizie che arrivano da lontano passano sotto silenzio, anche se meritano un titolo nei tg. Forse per esorcizzare l’orrore, forse per tacitare l’impotenza, apriamo un file che tutte le contiene, per richiuderlo immediatamente, come un baratro insondabile di orrore e angoscia che abita nel fondo più profondo di noi.

Quando va bene, è perché come ci ha ricordato sabato papa Francesco, durante la veglia di Pentecoste, il dramma degli uomini interessa meno che i problemi delle banche, i dibattiti sulla tenuta dei partiti e l’urgenza di  cercare parità di diritti nostrani quando le diversità appena oltre il nostro piccolo orizzonte gridano indignazione e giustizia.

Mi riferisco alla notizia rilanciata da Al Jazeera qualche giorno fa, della baby factory scoperta dalla polizia nigeriana. Factory, proprio così. Fabbrica di bambini. Funzionava più o meno in questo modo: ragazze apparentemente libere, a confezionare pacchi di acqua minerale, di giorno; di notte, costrette ad essere violentate e impregnated, con questo termine che ricorda l’idea di “essere riempite”, come contenitori, di esseri umani da vendere, e neppure a caro prezzo, 600 dollari all’incirca. Il toro da monta un giovane di 23 anni, che svolgeva il suo lavoro con ordine e precisione, una alla volta, in fila, una davanti all’altra, finché resisteva.

I bambini venivano partoriti sul pavimento, in solitudine, o con l’aiuto delle ragazze una con l’altra. Inutile sottolineare gli aborti spontanei, le infezioni, le percosse. Inutile ricordare che tante ragazze erano sparite da casa e cercate invano dalle loro famiglie. O neppure cercate, da quelle parti puoi partire e senza che nessuno si ricordi che c’eri. Inutile sperare che le famiglie che hanno adottato quei bambini non sapessero, non immaginassero: mi auguro per loro che un truce mediatore le abbia ingannate, ma quando si adotta un bambino ci sono passaggi obbligati, alla luce del sole, documenti a richiedere, visti da ottenere… se le vie sono troppo corte si capisce subito il perché. E non bisogna neppure pensarci.

l’articolo continua su ilsussidiario.net