Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Elezioni 2013. Questo non è un sondaggio, ma una premonizione. Vi diciamo chi vincerà

Buonasera. Sono le ore diciotto di lunedì 25 febbraio e Pier Luigi Bersani ha  vinto le elezioni politiche. «Un’affermazione figlia della massiccia  partecipazione popolare alle primarie del Pd, una grande lezione di democrazia», dichiara a caldo il premier in pectore. Sull’onda emotiva decide quindi di  convocare immediatamente ulteriori primarie per assegnare con eguale  coinvolgimento gli alti incarichi istituzionali. «Saranno gli elettori a  decidere», dichiara il vincitore recandosi al seggio collocato in un autogrill  di Bettola.

Ironia della sorte, per lo scranno più alto del Senato, Anna  Finocchiaro viene bruciata in volata da una commessa di Palazzo Madama  candidatasi come indipendente con lo slogan “Stiamo parlando di bidelle, mica di  parlamentari”. A Montecitorio vince invece a sorpresa Massimo D’Alema: «Ma non  si può, non si è nemmeno candidato!», dice Bersani al popolo dei gazebo; «Ah sì?  Non ce n’eravamo accorti», dice il popolo dei gazebo a Bersani.

L’elezione del  presidente della Repubblica crea qualche scompiglio: al ballottaggio, gli  elettori di centrosinistra scelgono Gianni Letta a discapito del favorito  Roberto Benigni. A posteriori si temono infiltrazioni di sostenitori del  centrodestra abilmente camuffati da accaniti spettatori de La Repubblica delle  Idee.

Idem per la composizione del gabinetto di governo, che a seguito di  primarie blindate risulta composto da sette assessori del Comune di Firenze,  cinque ministri di Sel, tre dei giovani turchi, tre dei giovani curdi, due degli  Inti Illimani, due di Rivoluzione civile, due della Cgil, uno della Fiom, uno  del Pci, uno del Psiup e ben quattro dei Marxisti per Tabacci, la lista  rivelazione della legislatura, oltre agli oriundi Obama, Hollande, Zapatero,  Zeman e Zorro.

Il Pd di stretta osservanza bersaniana, con novantasei  sottosegretari, risulta sottorappresentato ma si piega volentieri all’impeto del  popolo dei gazebo. Per una curiosa combinazione burocratica dovuta a un cavillo  nello statuto del partito, risulta premier Massimo D’Alema. «Ma non si può, non  si è nemmeno candidato!», dice Bersani al popolo dei gazebo; «Bersani chi?», risponde D’Alema giurando nelle mani del capo dello Stato.

No, scusate, ha vinto Berlusconi e torna lo spirito  del ’94: la notizia viene accolta con una certa contrarietà in Ruanda. Col primo  Consiglio dei ministri (che si tiene al Teatro Margherita) torna la lira, col  secondo torna Heather Parisi, col terzo torna Il gioco delle coppie, col quarto  tornano Arrigo Sacchi alla guida della nazionale e Fiorello alla guida del  Karaoke. Interrogato sull’Imu, il Cav. risponde che non esiste; tutt’al più  esiste la Sip.

Gli elettori si riversano festanti per strada dimenandosi al  suono di The rythm of the night ed, ebbene sì, di Come mai degli 883. Si fa  ressa al cinema per guardare Dellamorte Dellamore con Rupert Everett e Anna  Falchi, ripeto: con Rupert Everett e Anna Falchi. Susanna Tamaro vince il Nobel  per la Letteratura grazie a Va’ dove ti porta il cuore. Fabio Fazio e Serena  Dandini tornano a fare trasmissioni decenti.

Tornano le cabine telefoniche, i  mangianastri, Carlo Scognamiglio e lo shangai. La parola dell’anno è “Sega”: si  diffonde un repentino entusiasmo nostalgico fra i nati del 1980, ma viene  spiegato loro che si tratta di una consolle la quale non ha niente a che fare  con Brigitte Nielsen. Quando torna anche Irene Pivetti ci si accorge di avere  esagerato.

No, scusate, ha vinto Monti. WOW!! La cassa per i versamenti resterà aperta  al pubblico dalle ore otto alle ore diciassette del lunedì, del martedì, del  giovedì e del venerdì, e dalle nove alle tredici del mercoledì e del sabato,  osservando nelle restanti ore della settimana la chiusura di rito dovuta ai  corsi di tedesco obbligatori. Di domenica invece lavorerete solo voi: lui sarà  in chiesa a telefonare.

No, scusate, ha vinto Beppe Grillo. Il primo Consiglio dei ministri viene  tenuto via Skype. I decreti legge vengono pubblicati su un blog. Il premier può  essere interpellato su Twitter. Al posto del Parlamento verrà creato un gruppo  Facebook. Potete seguire ovunque l’attività dei ministri grazie a Google Maps  ma, per garantire la loro privacy, verranno diffusi solo i loro nickname.

Cambiano le regole per la lottizzazione della tv di Stato: il primo canale va  agli Avatar, il secondo ai Gremlin, il terzo ai Power Rangers, Rai4 resta a  Carlo Freccero. Il tradizionale messaggio di fine anno verrà tenuto in neolingua  da Hal 9000 in collegamento dalla Grande Nebulosa di Andromeda, dove ha eletto  residenza fiscale il Presidente della Repubblica Virtuale, Gianroberto  Casaleggio, onde tagliare le inutili spese per la manutenzione del Quirinale  reale.

Il taglio dei parlamentari viene trasmesso in streaming su Youtube  nonostante i contenuti truculenti. Pacman viene nominato senatore a vita.  Finalmente lo Stato smette di andare a puttane e inizia ad andare su Youporn. Le  cartelle esattoriali sono consegnate direttamente sul tablet. Gli stipendi  vengono invece versati su Second Life. Gli attentati sono consentiti ma potranno  essere organizzati solo su Angry Birds.

No, scusate, ha vinto Ingroia e adesso devo andare perché c’è l’ora  d’aria.

Antonio Gurrado

Fonte: Tempi

torna su▲