Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Fuga di documenti vaticani: arresti domiciliari a Paolo Gabriele, unico indagato.



Il caso della diffusione di documenti vaticani riservati. A Paolo Gabriele, ex assistente di camera di Benedetto XVI e unico indagato, è stato concesso il beneficio della liberta’ provvisoria con gli arresti domiciliari. La decisione del giudice con altri particolari relativi all’ultimo periodo di indagini, sono state rese note ai giornalisti, oggi, in un briefing del direttore della Sala Stampa della Santa Sede Padre Federico Lombardi, a cui hanno partecipato anche i due avvocati della difesa. Il servizio di Gabriella Ceraso: RealAudioMP3


Una giornata lunga che si conclude con una buona notizia, la libertà provvisoria già notificata a Paolo Gabriele, e che è dunque già una realtà. Così Padre Lombardi ai giornalisti ai quali ha letto il comunicato relativo alla decisione del giudice istruttore del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano, prof. Piero Antonio Bonnet:

“Essendo venute meno, dopo l’interrogatorio di oggi, le esigenze istruttorie per la permanenza dell’imputato in stato di arresto, ha disposto per il signor Paolo Gabriele il beneficio della libertà provvisoria, concedendo gli arresti domiciliari, previa prestazione di idonee garanzie. Il signor Gabriele risiederà quindi nella sua abitazione, con la famiglia, in Vaticano, osservando quanto disposto dal giudice per i contatti e rapporti con altre persone”.

I prossimi passi, specifica padre Lombardi, attesi nello spazio di alcuni giorni, saranno la requisitoria del promotore di giustizia in merito alle responsabilità nel reato di furto aggravato e la seguente sentenza del giudice istruttore o di rinvio a giudizio, probabilmente in autunno, se ci sarà, o di assoluzione. Per quanto riguarda invece il lavoro della Commissione cardinalizia, padre Lombardi ha precisato:

“Ha terminato il suo lavoro, ha fatto un suo rapporto e questo è nelle mani del Santo Padre. Evidentemente, essendo ambedue le piste arrivate dei risultati, poi ci sarà modo da parte del Santo Padre di ricevere le risultanze sia dell’una sia dell’altra e di riflettere su come andare avanti”.

Si è conclusa quindi la fase istruttoria, anche con l’interrogatorio previsto di Paolo Gabriele, che rimane l’unica persona indagata su cui verterà la sentenza. Hanno potuto dunque prendere la parola anche gli avvocati difensori Carlo Fusco e Cristiana Arru, intervenendo per la prima volta, ma solo su questioni non coperte dal segreto istruttorio. Ai giornalisti hanno voluto precisare alcuni elementi: la piena collaborazione nelle indagini sin dall’inizio da parte di Gabriele, le motivazioni che lo hanno portato a compiere determinati atti, definite tutte “interiori” e l’assenza di reti o di complotti interni e esterni, che facciano riferimento al loro assistito. L’avvocato Carlo Fusco:

“Una cosa che Paolo ha ribadito è che è stato sempre mosso, ed è mosso tuttora, dal desiderio di fare qualcosa che fosse un atto di aiuto, un atto di amore – potremmo dire – nei confronti del Santo Padre. Adesso le modalità con le quali ciascuno esprime la propria collaborazione, presta il proprio aiuto, ovviamente sono soggettive e sono valutabili, e stanno per essere appunto valutate, dal giudice istruttore”.

Sui tempi prolungati della carcerazione, gli avvocati sostengono che erano necessari per completare l’attività di indagini. Escludono poi categoricamente la presenza di una personalità forte alle spalle di Paolo Gabriele o che lui stesso abbia ricevuto soldi o benefici personali indiretti. Gli avvocati hanno parlato, infine, di un pentimento relativo alle modalità dell’agire del loro assistito e ad un desiderio espresso, sin dall’inizio, di chiedere perdono al Papa, cosa che comunque – precisano – attiene ad un rapporto personale e non alla vicenda giudiziaria.

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲