I siti che smascherano le “bufale” e i condizionamenti occulti


A chi non è mai capitato di ricevere via web un appello urgentissimo con cui si informa che un bimbo, ricoverato in un precisato ospedale, ha immediata necessità di sangue, oppure la comunicazione della polizia che ci avverte di averci colti a visitare siti che violano il diritto d’autore, o un qualsiasi preoccupante allarme sociale?

 

E a chi non è mai accaduto che una carissima amica al ritorno da un pellegrinaggio, preferibilmente da Medjugorje, ci abbia donato una preziosissima foto con l’immagine di una Croce luminosa che si staglia contro un cielo nero o con la sagoma di una Madonna  materializzata da nuvole azzurrine?

E per finire, quante volte ci siamo sentiti dare dei fissati, se non di peggio, dai giovani che abbiamo messo in guardia dall’ascoltare alcune tipologie di musica?

Come fare quindi a sapere se gli allarmi siano veri, se la foto miracolosa abbia qualche probabilità di avere una provenienza divina, o se certe musiche siano molto pericolose per chi le ascolta abitudinariamente?

Vi  segnaliamo tre siti che forse non tutti conoscono e che non solo contengono una miniera di informazioni utili, ma soprattutto aiutano a capire se siamo di fronte ad un’innocua (o quasi) burla oppure se siamo vittime di un vero e proprio inganno creato ad arte per fini occulti.

 

Il primo che vi proponiamo è il blog Il Disinformatico, il cui poliedrico creatore è Paolo Attivissimo (si chiama proprio così), giornalista e docente sulla sicurezza informatica, conduttore di trasmissioni in radio e tv svizzere (vive a Lugano), richiestissimo come esperto sulle nuove tecnologie e la disinformazione nei media, autore di una decina di libri in materia, che coltiva talmente tanti altri interessi e svolge una tal miriade di attività da dovervi rimandare al “Mi presento” della sua pagina web.

Il merito del Disinformatico è la sistematizzazione per categorie delle “bufale”, vecchie e nuove, che girano sul web. Si incomincia da quelli che lui chiama “I preliminari”, cioè le informazioni di base sul riconoscimento a prima vista di una bufala e sulle motivazioni per cui le persone ci cascano. Dopo aver così acquisito le conoscenze basilari sui meccanismi di inganno informatico, si può consultare il suo archivio, che è organizzato in un indice ragionato per argomenti.

Di ognuno degli appelli  sottoposti ad analisi Paolo Attivissimo riporta il testo, con gli eventuali rimaneggiamenti avvenuti nel tempo, e la sua diagnosi finale i cui giudizi possono essere: autentico ma scaduto; mezza bufala; bufala; sotto indagine.

Dopo che si sono comprese le metodiche per smascherare da soli le trappole il ricaderci ancora diventerà molto improbabile.

 

Il secondo sito che vi suggeriamo si chiama Guarda con me e il suo autore è Daniel Miot, veneto, che ha tre grandi interessi: la motocicletta, che oltre a montare con  notevole perizia gli dà da vivere  con l’attività di vendita di accessori per moto; la fotografia di cui è un grande amatore ed espertissimo produttore di immagini e, dulcis in fundo ma prima di tutto, la Gospa.

Guarda con me non tratta però di motociclismo ma esclusivamente di argomenti inerenti alla fede e al grande amore di Daniel per Medjugorje. In una equilibrata sintesi di foto, video e scritti sono riportate tutte le notizie più rilevanti del mondo cattolico e soprattutto quanto attiene a Medjugorje.

Oltre al resto, particolarmente interessante è la sezione Fotografie particolari o straordinarie: guida tecnica, riguardante cioè quelle fotografie di cui accennavamo all’inizio e che spesso destano perplessità in coloro che hanno un senso critico particolarmente spiccato e che invece vengono prese sempre per vere da chi in ogni occasione cerca di vedere la materializzazione del soprannaturale e i suoi segni.

L’ottimo lavoro di Miot consiste innanzitutto nel ripercorrere, se possibile, la storia della fotografia che sembra non rispettare le leggi della fisica, cercando di scoprirne l’autore, le circostanze in cui è stata scattata e tutto quanto può essere utile alla sua interpretazione. Ma l’analisi fondamentale consiste sempre nello studio tecnico dell’immagine, anche attraverso una strumentazione idonea, arrivando all’attribuzione di una categoria degli effetti che possono essere: naturali, inconsapevoli, artefatti, inventati, fotomontaggi.

Daniel precisa che lo scopo principale della guida è dar la possibilità a tutti di distinguere un’immagine genuina da una ingannevole  e molto onestamente informa che non è sua intenzione esprimere giudizi, perché il suo impegno consiste nella sola analisi delle fotografie da un punto di vista tecnico mentre, nel caso di un “vero” segno, la sua eventuale interpretazione è sempre da ritenersi come un’opinione personale.

Oltre a quelle già presenti nel sito, alcune delle quale molto conosciute, chiunque può inviargli un’immagine da esaminare, anche privatamente.

 

L’ultimo sito che vi proponiamo è il frutto di anni di indagini nel campo del subliminale, che è la metodica con la quale si fanno arrivare al nostro subcosciente, attraverso video e audio, messaggi impercepibili dai nostri sensi.

Stiamo parlando del cattolicissimo sito non ufficiale del Centro S. Giorgio, il cui curatore è il Dott. Antonio Tagliaferro, studioso delle tecniche di comunicazione di massa, che del Centro S. Giorgio è un collaboratore. Infatti i due siti sono in un certo modo  interconnessi per somiglianza di fini e per alcuni argomenti trattati da entrambi.

Qui è possibile scoprire in quanti modi, mezzi e livelli diversi siamo sottoposti a condizionamenti inconsapevoli da parte di poteri sia economici che politici e, dove possibile, quali ne siano i fini.

Ciò che maggiormente ci stupisce è l’immissione di immagini sessuali, sataniche o massoniche nei cartoni animati della Disney, della cui presenza Tagliaferro ci fornisce molte prove.

Dal web sappiamo infatti che la Disney, per evitare un giusto processo, pagò settanta milioni di dollari di multa per aver inserito delle immagini porno-sataniche nel film Bianca e Bernie. Evidentemente negli Stati Uniti, almeno ufficialmente, tali metodiche sono proibite, anche se sono state inventate, nei primi anni cinquanta, proprio da loro a scopo pubblicitario.

Ma se in noi adulti le immagini subliminali inserite nei filmati Disney possono solo destare meraviglia, quelle che riguardano la musica producono invece un tale turbamento che lo stesso sito, in alcuni casi, avverte di farsi il segno della Croce prima e dopo averle visionate.

Non si tratta però solo di immagini su cover o nei video, perché i condizionamenti peggiori arrivano proprio dalle musiche: per scoprire i messaggi subliminali nascosti Tagliaferro ascolta il reverse della canzone sospetta estrapolandone così i testi subliminali, che sono inavvertibili dal nostro udito.

E tali canzoni non sono, come si potrebbe pensare, prodotte solo all’estero o comunque cantate in solo inglese, ma sono anche opere di insospettabili autori italiani.

Le istigazioni contenute in esse sono le più disparate e mortifere: si va dall’incitamento all’uso di droghe, al sesso e al suicidio fino arrivare al satanismo vero e proprio.

Infatti attirando i giovani con i loro ritmi talvolta ossessivi, tali canzoni veicolano messaggi terrificanti che producono un vero e proprio assatanamento nelle personalità più fragili, in genere adolescenti, inducendoli ad azioni perverse ed omicide. Nel sito vengono riportate parecchie storie con esiti estremi, corredate da immagini spesso agghiaccianti.

Ma abbiamo constatato personalmente che, comunque, l’ascolto continuativo di questi generi musicali, perdurando negli anni, produce come conseguenza delle personalità passive, amorfe e bloccate.

Il sito, che ha oltre un decennio di vita e che è stato il primo nel web, almeno quello italiano, a trattare questi argomenti, ha molte sezioni interessanti e a volte proprio sconvolgenti, perché fa luce anche sui condizionamenti indotti da quei poteri occulti che agiscono a livello politico mondiale.

Tutto quanto abbiamo sinteticamente e lacunosamente raccontato è catalogato e documentato in maniera scientifica, anche grazie agli interessanti video della partecipazione del Dott. Tagliaferro a trasmissioni di tv nazionali.

 

Per concludere con una buona notizia: alcuni adolescenti intrappolati da musiche sataniche, avendo avuto disturbi notturni di non ben specificata origine, dopo aver ascoltato i reverse di quelle canzoni se ne sono allontanati definitivamente, tornando in Chiesa e chiedendo aiuto a Gesù. Con ritrovata pace loro e dei familiari.

 

Redazione La Madre della Chiesa