Il boia non va in pensione


Il boia è tornato a lavorare in Giappone, India, Pakistan e Gambia. In altri Paesi – Cina soprattutto, poi Iran, Iraq, Arabia Saudita, Stati Uniti e Yemen – non ha mai smesso. Ma i Paesi in cui vige l’omicidio di Stato sono un gruppo isolato e in calo. È il quadro che emerge dall’ultimo Rapporto di Amnesty International sulla pena di morte del 2012.

«I passi indietro che abbiamo visto in alcuni Paesi sono stati deludenti, ma non hanno invertito la tendenza mondiale contro il ricorso alla pena di morte», spiega Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

«In molte parti del mondo le esecuzioni stanno diventando un ricordo del passato. Nel mondo – dice – solo un Paese su dieci continua a usare la pena di morte.

 

 continua a leggere l’articolo su Avvenire.it