Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Il Papa ai vescovi francesi: difendere la famiglia non è retrogrado, ma profetico

La Chiesa è chiamata a difendere famiglia e matrimonio da ogni possibile equivoco sulla loro verità: è la vibrante esortazione levata stamani dal Papa durante l’udienza ad un gruppo di vescovi francesi, ricevuti a Castel Gandolfo, in occasione della visita “ad Limina”. Nel suo intervento, il Papa si è inoltre soffermato sul ruolo dei laici nella vita ecclesiale e sui rischi di una eccessiva “burocratizzazione” della pastorale nelle diocesi.


Difendere la famiglia minacciata oggi da errate concezioni della natura umana: è l’esortazione di Benedetto XVI che, nel suo discorso ai presuli francesi, si è soffermato sull’importanza della famiglia per la vita della Chiesa e della società:

“Défendre la vie et la famille dans la société…”
“Difendere la vita e la famiglia nella società – ha detto il Papa – non è affatto retrogrado, ma piuttosto è profetico” perché ciò aiuta a “promuovere quei valori che permettono il pieno sviluppo della persona umana, creata ad immagine e somiglianza di Dio”:

“Le bien que l’Eglise et la société tout entière…”
“Troppo grande – ha detto citando la Sacramentum Caritatis – è il bene che la Chiesa e l’intera società s’attendono dal matrimonio e dalla famiglia su di esso fondata per non impegnarsi a fondo in questo specifico ambito pastorale”. Matrimonio e famiglia, ha soggiunto, “sono istituzioni che devono essere promosse e difese da ogni possibile equivoco sulla loro verità, perché ogni danno arrecato ad esse è di fatto una ferita che si arreca alla convivenza umana come tale”. Si è così soffermato sulla vita nelle comunità cristiane, rilevando che “la soluzione ai problemi pastorali diocesani” non può essere limitata a delle “questioni di organizzazione”:

“Le risque existe de mettre l’accent…”
“C’è il rischio – ha osservato – che si metta l’accento sulla ricerca dell’efficienza con una specie di burocratizzazione della pastorale che si focalizza sulle strutture, sull’organizzazione e i programmi, i quali possono divenire autoreferenziali ad uso esclusivo dei membri di queste strutture”. Ciò, ha aggiunto, non avrà allora che scarsi effetti sulla “vita dei cristiani lontani dalla pratica regolare”. L’evangelizzazione, ha avvertito, richiede invece che si parta “da un incontro con il Signore, da un dialogo radicato nella preghiera”. Il Papa ha quindi rivolto l’attenzione ai laici chiamati a svolgere incarichi nella Chiesa:

“Il est donc nécessaire de veiller…”
“E’ necessario – ha detto il Papa – vigilare sul rispetto della differenza tra il sacerdozio comune di tutti i fedeli e il sacerdozio ministeriale di quanti sono stati ordinati”. Differenze “non solo di grado, ma di natura”. Per questo, ha affermato, bisogna custodire “la fedeltà al deposito della fede come è stata insegnata dal Magistero” e “professata da tutta la Chiesa”. E’ importante, ha detto, che la collaborazione tra laici e sacerdoti “si collochi sempre nella cornice della comunione ecclesiale, attorno al vescovo che ne è il garante”. Il Papa non ha infine mancato di ricordare il suo viaggio apostolico in Francia nel 2008. Una visita, ha ribadito, nella quale ha tenuto a sottolineare le radici cristiane del Paese che costituiscono una solida base su cui appoggiare gli sforzi per la nuova evangelizzazione.
Alessandro Gisotti

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲