Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Il Papa all’Angelus: in Maria contempliamo la gloria a cui siamo chiamati

Il Papa, a mezzogiorno, ha presieduto, nel cortile del Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, la tradizionale preghiera dell’Angelus. Nella catechesi ha proseguito la sua riflessione sulla Festa dell’Assunzione ricordando che si tratta di una celebrazione che “affonda le radici nella fede e nel culto dei primi secoli della Chiesa, per quella profonda devozione verso la Madre di Dio che è andata sviluppandosi progressivamente nella Comunità cristiana”. Il servizio di Luca Collodi.RealAudioMP3

Per capire l’Assunzione di Maria al Cielo il Papa invita “a guardare alla Pasqua, il grande Mistero della nostra salvezza, che segna il passaggio di Gesù alla Gloria del Padre attraverso la Passione, morte e risurrezione”. “Maria – ha spiegato Benedetto XVI – che ha generato il figlio di Dio nella carne, è la creatura più inserita in questo mistero. Redenta fin dal primo istante della sua vita e associata in modo del tutto particolare alla passione e alla gloria del suo Figlio”. “L’Assunzione al Cielo di Maria è pertanto il mistero della Pasqua di Cristo pienamente realizzato in Lei”:

“Ma l’Assunzione è una realtà che tocca anche noi, perché ci indica in modo luminoso il nostro destino, quello dell’umanità e della storia. In Maria, infatti contempliamo quella realtà di gloria a cui è chiamato ciascuno di noi e tutta la Chiesa”.

Ricordando il brano del Vangelo di Luca nella Solennità dell’Assunzione, che racconta la visita di Maria ad Elisabetta in cui la Madonna è proclamata benedetta fra tutte le donne, il Papa non ha mancato di ricordare la profonda fede di Maria:

“Ella si colloca tra i ’ poveri’ e gli ‘umilì’, che non fanno affidamento sulle proprie forze, ma che si fidano di Dio, che fanno spazio alla sua azione capace di operare cose grandi proprio nella debolezza. Se l’Assunzione ci apre al futuro luminoso che ci aspetta, ci invita anche con forza ad affidarci di più a Dio, a seguire la sua Parola, a ricercare e compiere la sua volontà ogni giorno: è questa la via che ci rende ‘beati’ nel nostro pellegrinaggio terreno e ci apre le porte del Cielo”.

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲