Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Il Papa: la “grande scuola” per chi si dedica ai malati è la Passione di Gesù

Non c’è tipo di malattia o di sofferenza psicofisica nella quale non si possa riconoscere il valore sacro della vita umana e il segno della Passione di Cristo, che spinge a curare chi soffre con amore, difendendone la dignità. Lo ha detto Papa Francesco ai membri della Plenaria del Pontificio Consiglio degli Operatori Sanitari. C’è un grande abbraccio di Dio che si stringe attorno alla “carne di Cristo”, che consola chi soffre per una malattia, una disabilità, e che spesso, oltre alla sopportazione del male fisico, vive anche il gelo dell’abbandono, dell’indifferenza.

“Carne di Cristo”, come ama definirla Papa Francesco, che ricorda al dicastero degli Operatori Sanitari come l’esperienza del Calvario abbia ribaltato ogni prospettiva legata al dolore, dando un senso anche alla più grave infermità umana:

“E’ vero, infatti, che anche nella sofferenza nessuno è mai solo, perché Dio nel suo amore misericordioso per l’uomo e per il mondo abbraccia anche le situazioni più disumane, nelle quali l’immagine del Creatore presente in ogni persona appare offuscata o sfigurata. Così è stato per Gesù nella sua Passione. In Lui ogni dolore umano, ogni angoscia, ogni patimento è stato assunto per amore, per pura volontà di esserci vicino, di essere con noi”.

“Nella Passione di Gesù – è l’affermazione centrale di Papa Francesco – c’è la più grande scuola per chiunque voglia dedicarsi al servizio dei fratelli malati e sofferenti”:

“L’esperienza della condivisione fraterna con chi soffre ci apre alla vera bellezza della vita umana, che comprende la sua fragilità. Nella custodia e nella promozione della vita, in qualunque stadio e condizione si trovi, possiamo riconoscere la dignità e il valore di ogni singolo essere umano, dal concepimento fino alla morte”.

Papa Francesco ricorda Giovanni Paolo II e la sua Lettera di 30 anni fa, la Salvifici doloris, sul significato della sofferenza in ottica cristiana. Ma soprattutto ne rammenta l’essere stato, sul finire della vita, testimone “esemplare” dei suoi stessi insegnamenti, un “magistero vivente”, amato e venerato da milioni di persone. E dunque, un esempio e un magistero – indica il papa ai membri della Plenaria – che chiede di essere imitato:

“Cari amici, nel quotidiano svolgimento del nostro servizio, teniamo sempre presente la carne di Cristo presente nei poveri, nei sofferenti, nei bambini, anche indesiderati, nelle persone con handicap fisici o psichici, negli anziani”.

Testo proveniente dal sito di Radio Vaticana

torna su▲