Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Il segreto di Padre Pio – di Antonio Socci – Video

Socci1Propongo la visione di questi tre video, consecutivi, in cui Giuliano Ferrara intervista Antonio Socci sul suo ultimo libro allora pubblicato, Il segreto di Padre Pio. Correva l’anno 2007, Socci era reduce dall’avventura di Excalibur, programma fuori dagli schemi convenzionali e troppo originalmente cristiano per avere vita lunga, ma che gli aveva procurato sia la notorietà come giornalista sia la stima dei cattolici per quella sua intelligenza vivace, arguta e schietta sostenuta da una solida cultura umanistica e da una preparazione a tutto campo sulla storia della Chiesa, dottrina compresa.

Il libro, a mio avviso, è uno dei più pregevoli dal punto di vista religioso tra quelli scritti da Socci, perché di Padre Pio svela aspetti affatto noti riuscendo a trasmettere appieno la spiritualità di quel grandissimo Santo e, nel contempo, a far penetrare il lettore nell’intimo di un’anima misticamente unita a quel Salvatore al quale si era offerta per la salvezza del mondo.

Non è però solo per il contenuto altamente edificante del saggio che invito alla visione dell’intervista, ma perché, rispondendo alle domande di Giuliano  Ferrara e Ritanna Armeni, Antonio Socci  dava risposte precise, inoppugnabili e ancora attualissime sulla Chiesa, le sue gerarchie, i fedeli, i Santi e l’opera salvifica di Gesù, offrendo una lettura moderna e insieme antica del cristianesimo. Inoltre, nell’attuale confusione e disorientamento in cui oggi ci troviamo immersi, vale la pena di ascoltare un punto di vista assolutamente condivisibile e per parecchi aspetti chiarificatore dell’azione dello Spirito Santo nell’economia della salvezza.

E, infine, questo a dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, della profonda fede e della coerenza cristiana che da sempre gli appartengono.

 

 

 

 

torna su▲