Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Il sito “La Madre della Chiesa” non complotta contro nessuno

Sembra incredibile ma è assolutamente vero: il nostro sito è stato accusato di complotto da parte di una potentissima lobby omosessualista americana dell’area LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) che sul The New Civil Right Movement online del 29 luglio scorso ci ha accusato di complicità con la Chiesa Cattolica per incitamento all’odio contro i gay.

Tutto ciò per aver pubblicato un articolo che riferisce i risultati dello studio effettuato dal sociologo Mark Regnerus, dell’Università del Texas, sui figli dei gay. Articolo che, per la precisione, abbiamo linkato dal sito Tempi.it.

Ci conforta il fatto di essere in buona compagnia di siti cattolici americani, tedeschi, francesi, portoghesi, olandesi e spagnoli. Noi in particolare siamo citati come “esecutori” del Vaticano per l’Italia.

E così, fra le altre notizie che ci riguarderebbero, abbiamo scoperto di far parte del NOM, National Organization for Marriage, fondato nel 2007 negli Stati Uniti per combattere i matrimoni omosessuali e la susseguente adozione di figli da parte di tali coppie. Peccato che La Madre della Chiesa, seppur assurta ad onore di tale cronaca, abbia solo quattro mesi di vita e che i suoi redattori non siano americani.

Ci diverte molto sapere che lo sprovveduto Scott Rose, autore del chilometrico articolo che ci cita con tanto di link, pensi che ci sia stata affidata la responsabilità di un’impresa di tale contenuto, nonostante la Santa Sede abbia a disposizione i suoi mezzi di comunicazione che sono ben più potenti di questo sito. Ma la verità è che i suddetti media vaticani non hanno nemmeno riportato la notizia della ricerca di Regnerus.

Quello che ci ha divertiti molto meno invece sono le invettive contro la nostra Chiesa e i suoi Pontefici. Nel suo esaltato delirio di ragionamenti e di argomentazioni Scott Rose lancia pesantissime ingiurie e afferma grossolane falsificazioni delle verità storiche e politiche, che non riteniamo di dover riportare per rispetto ai nostri lettori e contro le quali, visto che ci coinvolgono direttamente, abbiamo deciso di non controbattere e di non reagire in alcun modo.

Noi però siamo lieti di condividere la croce delle calunnie e delle menzogne di cui sono quotidianamente bersaglio i cristiani in generale e la Santa Sede in particolare, in quanto cattolici convinti di dover combattere la buona battaglia a qualsiasi costo.

Ma dobbiamo chiarire a nome della Chiesa Cattolica, di cui siamo parte in quanto battezzati e praticanti, che noi tutti non facciamo altro che proclamare e mettere in pratica le verità che ci ha insegnato Gesù Cristo e che sono contenute nelle Sacre Scritture. Anche attraverso la corretta informazione.

Questo sito non fa parte di alcun movimento laico o religioso, è un sito personale che intende solo servire la Verità e in questo caso la verità è che non esistono complicità o complotti e che, soprattutto, non odiamo proprio nessuno, in quanto il mandato di Cristo non è l’odio bensì l’amore per il prossimo, che ci credano o no il The New Civil Right Movement e Scott Rose.

 

torna su▲