Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

In aumento le vittime del gioco d’azzardo. Mons. D’Urso: non c’è più nessun freno

Il gioco d’azzardo sbarca su Facebook. Tra breve tempo, gli iscritti del Regno Unito potranno puntare soldi veri per tentare la sorte. Un test su larga scala dopo il quale bingo, slot machines e poker saranno messi a disposizione degli utenti di tutto il mondo. Allarme per il timore che questa ulteriore operazione di diffusione delle scommesse on-line possa far aumentare il numero dei malati di ludopatia e spingere tra le braccia degli usurai nuove migliaia di giocatori.

 


Federico Piana ne ha parlato con mons. Alberto D’Urso, segretario della Consulta Nazionale antiusura:RealAudioMP3

R. – Sto pensando in questo momento soprattutto alle persone sole che, stimolate, saranno anch’esse ancora di più vittime. Sto pensando in questo momento alla tutela dei minori, sempre più evanescente. Sto pensando in questo momento alla cura dei malati del gioco patologico. Sto pensando che mentre noi predichiamo di rileggere questo fenomeno – per il quale dai 10miliardi di euro del 2001 spesi dagli italiani si è arrivati agli 80miliardi spesi lo scorso anno, con le previsioni dei 100miliardi per la fine di quest’anno e l’anno venturo – qui si è veramente in discesa, non c’è nessun freno. Credo sia arrivato il momento che il governo Monti faccia un esame di coscienza.

D. – Secondo lei come si può evitare che una famiglia, un giovane, una coppia, vengano devastate da questo gioco d’azzardo, ormai senza più freni?

R. – Innanzitutto credo che la pubblicità ingannevole sia una delle prime cause e credo che l’abolizione della pubblicità ingannevole sia doverosa. Inoltre, noi con le fondazioni antiusura in Italia, da tempo, abbiamo segnalato disastri personali legati all’azzardo, disastri familiari e finanziari. Tutte queste cose non sono minimamente un punto di riferimento. Infine, credo che le agenzie educative dovrebbero far sentire di più la loro voce e innanzitutto, certamente, le Chiese. Ma bisognerebbe cercare di dare anche più voce alle famiglie che hanno subìto le conseguenze della pubblicità ingannevole, perché credo che la prevenzione resti la forma migliore per poter combattere l’azzardo.

D. – Quindi per combattere questa pubblicità ingannevole lei propone una campagna per far conoscere le storie tragiche di quanti sono caduti nell’usura…

R. – Queste storie vanno fatte conoscere perché bisogna mettere un po’ in guardia. Credo che abbandonare queste persone sia davvero insopportabile.

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲