In un mondo di tensioni, la pace è in Dio e si costruisce con “verità”, “lavoro onesto”, “a servizio della vita”: così il Papa che benedice tutti su twitter


Ingiustizie sociali, capitalismo sregolato, terrorismo e criminalità: il Papa, all’omelia della Messa nella Solennità di Maria SS.ma Madre di Dio che è anche la 46esima Giornata Mondiale della Pace, cita le tensioni di questo mondo per parlare della pace che viene dall’affidarsi a Dio. All’Angelus incoraggia gli operatori di pace: “coloro – dice – che cercano di vincere il male con il bene”, con “verità”, “lavoro onesto”, “servizio alla vita”. Su twitter Benedetto XVI scrive in varie lingue: “Il Signore vi benedica e vi protegga nel nuovo anno”.

“In ogni persona il desiderio di pace è aspirazione essenziale”. Così Benedetto XVI ricorda che “la pace è il bene per eccellenza da invocare come dono di Dio e, al tempo stesso, da costruire con ogni sforzo”.

“Nonostante il mondo sia purtroppo ancora segnato da «focolai di tensione e di contrapposizione causati da crescenti diseguaglianze fra ricchi e poveri, dal prevalere di una mentalità egoistica e individualistica espressa anche da un capitalismo finanziario sregolato», oltre che da diverse forme di terrorismo e di criminalità, sono persuaso che «le molteplici opere di pace, di cui è ricco il mondo, testimoniano l’innata vocazione dell’umanità alla pace.”

Il Papa si richiama al messaggio per la 46esima Giornata Mondiale per la pace che ricorda beatitudini e Salmi in cui si comprende che “la pace è dono messianico e opera umana ad un tempo”, “è pace con Dio, nel vivere secondo la sua volontà. E’ pace interiore con se stessi, e pace esteriore con il prossimo e con tutto il creato”. “L’uomo – afferma Benedetto XVI – è fatto per la pace che è dono di Dio”.

“Ci possiamo chiedere: qual è il fondamento, l’origine, la radice di questa pace? Come possiamo sentire in noi la pace, malgrado i problemi, le oscurità, le angosce?”

La risposta – dice il Papa – ci viene data da Maria per cui si compiono “tanti avvenimenti imprevisti” ma “Maria – aggiunge Benedetto XVI – non si scompone, non si agita, non è sconvolta da fatti più grandi di lei; semplicemente considera, in silenzio, quanto accade, lo custodisce nella sua memoria e nel suo cuore, riflettendovi con calma e serenità.”

“E’ questa la pace interiore che vorremmo avere in mezzo agli eventi a volte tumultuosi e confusi della storia, eventi di cui spesso non cogliamo il senso e che ci sconcertano”.

Citando il Libro dei Numeri, il Papa ricorda che “dalla contemplazione del volto di Dio nascono gioia, sicurezza e pace.”

“Ecco, cari fratelli, il fondamento della nostra pace: la certezza di contemplare in Gesù Cristo lo splendore del volto di Dio Padre, di essere figli nel Figlio, e avere così, nel cammino della vita, la stessa sicurezza che il bambino prova nelle braccia di un Padre buono e onnipotente”.

Poi, al momento della preghiera mariana, dal Papa la benedizione di Dio “ad ogni uomo e ogni donna del mondo”. Il Papa la esprime anche su twitter scrivendo nelle varie lingue: “Il Signore vi benedica e vi protegga nel nuovo anno”. E all’Angelus il Papa ricorda chi siano gli operatori di pace:

“Sono tutti coloro che, giorno per giorno, cercano di vincere il male con il bene, con la forza della verità, con le armi della preghiera e del perdono, con il lavoro onesto e ben fatto, con la ricerca scientifica al servizio della vita, con le opere di misericordia corporale e spirituale. Gli operatori di pace sono tanti, ma non fanno rumore. Come il lievito nella pasta, fanno crescere l’umanità secondo il disegno di Dio.”

Gesù, che è “il Verbo di Dio fatto carne, è venuto a portare agli uomini una pace che il mondo non può dare, afferma Benedetto XVI. “Il canto di gloria a Dio – afferma il Papa – è il canto dei cristiani sotto ogni cielo”. Ma il Papa sottolinea l’importanza di passare dalle parole ai fatti:

“Un canto che dai cuori e dalle labbra passa nei gesti concreti, nelle azioni dell’amore che costruiscono dialogo, comprensione e riconciliazione”.

Dunque la preghiera di Benedetto XVI a Maria in una espressione tanto semplice quanto significativa:

“In questo primo Angelus del nuovo anno, chiediamo a Maria Santissima, Madre di Dio, che ci benedica, come la mamma benedice i suoi figli che devono partire per un viaggio. Un nuovo anno è come un viaggio: con la luce e la grazia di Dio, possa essere un cammino di pace per ogni uomo e ogni famiglia, per ogni Paese e per il mondo intero.”

Con i saluti alle autorità che hanno fatto pervenire al Papa messaggi augurali, il Papa rivolge un pensiero a tutti e in particolare “ai giovani venuti a Roma per l’Incontro europeo della Comunità di Taizé”. E poi esprime “spirituale vicinanza alle iniziative ecclesiali in occasione dell’odierna Giornata Mondiale della Pace, in particolare la Marcia nazionale a Lecce, quella animata dalla Comunità di Sant’Egidio a Roma, la veglia degli aderenti al Movimento dell’Amore Familiare in Piazza San Pietro, a anche a Milano e L’Aquila.

“A tutti auguro abbondanza di pace e di bene per ogni giorno del nuovo anno!”

Fausta Speranza

 

 

Fonte: Radio Vaticana