Irlanda: per i vescovi la legge sull’aborto altera equilibrio tra i diritti di madre e figlio


Forte preoccupazione dei vescovi cattolici d’Irlanda per la decisione presa ieri dal governo irlandese di regolamentare l‘interruzione di gravidanza, seppure nei limitati in cui la donna sia in grave pericolo di vita. L’annuncio – riferisce l’agenzia Sir – è stato dato ieri al termine di un dibattito interno al Paese, che era diventato infuocato in seguito a un tragico fatto di cronaca: la morte per setticemia, in ottobre, di una trentunenne di origini indiane, Savita Halappanavar, una settimana dopo la richiesta di aborto – respinta – presentata alla clinica universitaria di Galway.

Appresa la notizia, a scendere in campo compatti sono stati ieri sera tardi tutti i quattro arcivescovi cattolici irlandesi che in un comunicato congiunto scrivono: “Se ciò che viene proposto dovesse diventare legge, il delicato equilibrio previsto dalla legge attuale e dalla pratica medica in Irlanda tra l‘uguale diritto alla vita di una madre e il suo bambino non ancora nato potrebbe venire alterato. Si aprirebbe la strada verso l‘uccisione diretta e intenzionale dei bambini non ancora nati. E questo non può mai essere moralmente giustificato in nessun caso”. Una sentenza della Corte suprema del 1992 aveva aperto la strada alla legalizzazione dell‘aborto in caso di grave rischio per la donna, ma la regolamentazione della materia non è mai stata portata a termine.

E i vescovi commentano: “legiferare sulla base di quella sentenza imperfetta sarebbe tragico oltre che inutile”. “Il diritto alla vita – scrivono gli arcivescovi cattolici – è il più fondamentale di tutti i diritti”. I vescovi richiamano quindi la responsabilità dei rappresentanti politici dalla cui scelta di voto dipenderà l’esito della legge. E invocano “su una decisione di tale importanza morale fondamentale” che sia garantita ad ogni rappresentante politico il diritto e il rispetto della libertà di coscienza. “Nessuno ha il diritto di forzare o costringere qualcuno ad agire contro la propria coscienza. Il rispetto di questo diritto è il fondamento stesso di una società libera, civile e democratica”. (I.P.)

Fonte: Radio Vaticana