Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Islam: inizia il Ramadan. Mons. Bianchi: “Una via verso la pace”

Inizia oggi in molti Paesi di fede islamica il Ramadan, mese del digiuno rituale, della purificazione e della preghiera; è anche il mese in cui le famiglie e le comunità si ritrovano insieme, ogni giorno, dopo il tramonto, per il pasto serale consentito. Ce ne parla Roberta Barbi:

È il nono mese del calendario islamico, sacro perché, afferma la tradizione musulmana, vi fu la rivelazione del Corano a Maometto. Il Ramadan è uno dei cinque pilastri dell’Islam e anche se la regola del digiuno dall’alba al tramonto è uguale per tutti, il giorno iniziale e le pratiche che lo accompagnano variano da Paese a Paese. Per tutti, comunque, è il momento più atteso dell’anno, scandito dalla solidarietà familiare e dalla devozione religiosa, come spiega, al microfono della collega Silvia Koch, il presidente dell’Associazione culturale islamica italiana, Mohamed Ben Mohamed:

“Un mese specificatamente di alta spiritualità per la comunità islamica, ma non c’è solo l’aspetto spirituale: c’è anche l’aspetto sociale, che è molto importante e molto significativo, perché in questo mese la comunità si avvicina molto”.

Il Ramadan è iniziato oggi in Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi, Yemen, Kwait, Giordania, Indonesia, Libano, Tunisia ed Egitto, dove il presidente Morsi ha disposto il rilascio di 572 detenuti; domani prenderà il via anche in Oman, Marocco, Iran e Iraq. Anche quest’anno, però, ci sono Paesi che all’inizio del mese sacro sono sconvolti dalla violenza, come la Siria, dove il digiuno dell’opposizione inizia oggi, quello delle autorità domani. Un altro motivo di divisione, dunque, l’esatto opposto a quello che è il vero significato del Ramadan, come sottolinea mons. Mansueto Bianchi, vescovo di Pistoia e presidente della Commissione Cei per l’ecumenismo e il dialogo:

“Dovrebbe essere una risorsa interna all’Islam stesso, per evidenziare quelle componenti pacifiche e di positiva relazione che ci sono all’interno del composito mondo dell’Islam. Quindi proponendo un approccio che non sia pretestuoso per un uso politico o addirittura violento, ma evidenzi la strada di una lettura del messaggio dell’Islam nel senso della pace, nel senso della collaborazione, della fraternità, dell’unità”.

Il presule evidenzia come in Occidente si stia affermando l’errata convinzione che l’esperienza religiosa predisponga all’intolleranza e al rifiuto dell’altro, quando, al contrario, è la strada verso la pace, l’incontro e la “convivialità delle differenze”, come la definiva Giovanni Paolo II. Dall’unione delle famiglie e delle comunità mostrata dai musulmani durante il mese sacro, anche i cristiani possono imparare molto, come conclude mons. Bianchi:

“La modalità in cui il Ramadan viene vissuto e l’intensità di adesione personale credo che possa essere anche una testimonianza e un richiamo per noi cristiani dell’Occidente che, a volte, siamo un po’ più sfrangiati, un po’ più scoloriti, un po’ meno testimoniali”.

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲