Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Italia: salta l’accorpamento delle festività.

Il governo non ha intenzione di fare nuove manovre. Così il premier Mario Monti rassicura gli italiani al termine di un consiglio dei ministri che ha stabilito i criteri fondativi delle nuove province e mantenuto inalterate le attuali festività. Alessandro Guarasci:

Per Monti l’Italia l’Italia è sulla via programmata in merito agli obiettivi di finanza 2012-2013. Una situazione che spinge anche il premier a dire che non c’è bisogno di una patrimoniale per i redditi sopra i 250 mila euro. Sullo spread Monti precisa che “rispetto ai 574 punti di novembre 2011, oggi siamo credo a 490 e quindi c’è una riduzione”, anche se “deludente”. Il Consiglio dei ministri di oggi ha stabilito che si salveranno le province con almeno 350 mila abitanti e una superficie di 2500 chilometri quadrati. Dunque, 43 di quelle attuali. E poi le festività rimangono invariate perché un accorpamento non porterebbe risparmi. Il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni:

R. – Addirittura, molte aziende allungano i giorni di ferie perché non sanno che cosa fare e molte aziende vanno in cassa integrazione: quindi non abbiamo neanche questa esigenza spasmodica di fare straordinari o addirittura di assommare anche un’altra giornata di lavoro. Che il governo ci abbia ascoltato è positivo.

D. – Ha fatto, però, anche appello al vostro senso di responsabilità…

R. – Noi l’abbiamo la responsabilità. Credo che anche il governo dovrebbe mostrare lo stesso senso di responsabilità. Discutere con i soggetti sociali – coloro che sono deputati a rappresentare i lavoratori – farebbe il governo più responsabile.

D. – Il governo ha detto “no” a una patrimoniale, su questo siete delusi?

R. – Dice “no” alla patrimoniale, perché la patrimoniale l’ha fatta già ed è quella dei poveri, quella dell’Imu… Non siamo d’accordo.

Uno degli obiettivi di ogni governo è stato aumentare la produttività. Abbiamo sentito l’opinione dell’economista, Leonardo Becchetti:

R. – Noi per migliorare dobbiamo avvicinarci al modello anche dell’economia tedesca, ma dobbiamo farlo riducendo quelle che sono le strozzature della nostra economia: ritardi dei pagamenti, amministrazione, mancanza di investimenti nella banda larga, aumento del livello di istruzione. Semmai, l’unico settore dove, forse, più ore di lavoro sarebbero utili per tutti è proprio quello della giustizia. Sappiamo che i nostri tribunali civili sono ingolfati e che la durata delle cause è quattro volte superiore a quella tedesca: abbiamo un numero enorme di avvocati, ma un numero di magistrati molto inferiore.

D. – Secondo lei, per rilanciare il Paese bisogna incidere sulla domanda, ma allora bisognerebbe in sostanza agire sui redditi per rilanciare i consumi: questo ad oggi non sembra molto facile…

R. – Bisogna avere il coraggio di farlo. Uno dei motivi della crisi è l’enorme disuguaglianza del reddito e le difficoltà che hanno i ceti medio-bassi. Quindi, una politica fiscale che ridistribuisca tra i ceti alti e i ceti medio-bassi sicuramente avrebbe effetti espansivi sui consumi. E’ quello che in parte sta cercando di fare Hollande da quando è andato al potere: ha aumentato moltissimo il prelievo fiscale sui redditi più alti e ha usato questi soldi per creare nuova occupazione.

Fonte: Radio Vaticana

torna su▲