Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Kit di sopravvivenza per pecore senza pastore – di Fra Elia

Black_scorpionCum scorpionibus habitas (Ez 2, 6).

I tradizionalisti puri e duri mi sospettano di eresia. I sedicenti conservatori mi danno addosso per la comunione sulla lingua. I progressisti mi farebbero la pelle non fosse che per la talare. C’è proprio di che stare allegri, in un Paese dove anche le pugnalate alle spalle si danno in modo cortese, pulito e ordinato.

Ma, lungi dal cadere in quella misera forma di egocentrismo che è l’autocommiserazione vittimistica, faccio tesoro dell’esperienza per dare qualche indicazione che possa risultare utile alla sopravvivenza in tempi tanto calamitosi.

La confusione è tale che non basta guardarsi da un tipo di nemico, ma bisogna vigilare su fronti diversi.

Soprattutto, per evitare un sentiero pericoloso, non buttatevi a occhi chiusi su quello opposto. Il nemico dell’umana natura ha infatti inventato tutto un ventaglio di proposte contrastanti per attirare il maggior numero di pecorelle nelle sue trappole, scegliendo la rete da usare a seconda dei gusti e dell’inclinazione di ciascuna.

C’è chi difende a spada tratta un fossile di “Tradizione” senza vita che genera fanatici di un mondo scomparso; abbiamo ormai imparato a riconoscerli. C’è invece chi si presenta come paladino della conservazione rispetto a una versione già adulterata del cattolicesimo; siamo nel campo dei diversi movimenti.

C’è chi irretisce la gente nel labirinto di presunte rivelazioni tutte definitive (non si sa bene in quale ordine), presentate come indispensabili alla salvezza individuale e collettiva, ma di fatto inefficaci per la crescita nella grazia; è il regno di veggenti e santoni.

C’è poi chi sbandiera le acquisizioni della nuova teologia, di cui lo Spirito Santo avrebbe tenuto all’oscuro la Chiesa per due millenni, ma che ora avrebbe finalmente svelato con l’effetto di una revisione completa di dogma e morale e della piena riabilitazione dei peggiori eretici della storia; è l’appannaggio delle facoltà teologiche, delle curie diocesane e degli uffici delle conferenze episcopali. Sullo sfondo, la vexata quaestio dell’interpretazione del Vaticano II, dalla quale sembra di non poter uscire.

Quali sono, in concreto, gli agenti patogeni da cui bisogna immunizzarsi per non contrarre qualche grave morbo dell’anima? Non pretendo certo di offrirne una rassegna completa, ma provo lo stesso a individuarne almeno i più comuni.

Il primo che mi viene alla mente sono quelle pretese evidenze indiscutibili che in realtà non lo sono affatto, ma vengono imposte come tali al fine di puntellare prassi e teorie inaccettabili; un esempio a caso: appellarsi a un autoproclamato stato di necessità per legittimare un ministero illegittimo e creare una Chiesa a parte.

Solo apparentemente più credibile è quell’acribia puntigliosa con cui, sulla scorta di canoni e definizioni, si cerca di giustificare quanto è oggettivamente ingiustificabile; per esempio, che un testo del magistero pontificio derubrichi il peccato grave manifesto e incoraggi di fatto a perseverarvi in quanto sarebbe volontà di Dio in una particolare situazione.

A ciò si allea spesso il ricorso a ragionamenti contorti o capziosi miranti a dimostrare un asserto prestabilito, ma evidentemente falso o ripugnante alla retta ragione: sono i classici sofismi, come quelli di chi tenta di equiparare un concubinaggio adulterino al sacramento del matrimonio.

Dalla spudorata arroganza dei rivoluzionari in abito clericale non si discosta poi più di tanto, nella pratica, il lealismo ottuso dei conservatori di facciata, che vanifica l’essenziale della Legge divina in nome di norme puramente umane che dovrebbero garantirne l’osservanza e si risolvono invece nel suo svuotamento; basti pensare, fra tanti casi di ordinaria incoerenza, alla severità apodittica con cui si prescrive la comunione sulla mano sulla fragilissima base di un indulto concesso in risposta all’istanza, non dei vescovi né dei fedeli, ma di ignoti burocrati delle conferenze episcopali.

La debolezza di questa e altre impostazioni simili è spesso camuffata, su vari versanti, con la cortina fumogena di una sterile erudizione funzionale alla dimostrazione di tesi controverse: che si tratti di sdoganare il doppio papato come una situazione normalissima (quando invece è innegabilmente del tutto inedita) o, per altro verso, di negare la sacramentalità dell’episcopato dandosi curiosamente la zappa sui piedi o, ancora, di legittimare una visione troppo elastica dello sviluppo della dottrina o dell’evoluzione della prassi sacramentale, è sempre la stessa propensione ai fuochi d’artificio che accomuna obiettivi e tendenze anche diametralmente opposti.

Di fronte a tutte queste complicazioni, è abbastanza comprensibile – anche se non ammissibile – che molti saltino a piè pari, con grande fervore, in trappole micidiali da cui non si viene più fuori, se non per miracolo.

Una è quel semplicismo fondamentalistico che scavalca distinzioni pur necessarie nel discernere i fatti, arroccandosi in un certo numero di rozze certezze assolute e lanciando a destra e a manca, dall’alto di questa “torre d’avorio”, anatemi e patenti di eresia.

Un’altra è rappresentata da quel dedalo multiforme delle nuove correnti di spiritualità apparentemente cattolicissime, ma in realtà profondamente alienanti, in quanto rinchiudono gli adepti in un mondo parallelo distogliendoli dal compimento dei loro doveri di stato e dal bene che potrebbero fare, ma illudendoli di compiere la volontà divina con esercizi puramente mentali che non migliorano minimamente la condotta pratica né tanto meno contribuiscono alla correzione di peccati e difetti.

A questo proposito tenete presente che non esistono “ere definitive” cui darebbe accesso una pretesa rivelazione finale: la Rivelazione pubblica si è chiusa con la morte dell’ultimo apostolo, mentre la pienezza dei tempi, iniziata con l’Incarnazione, si protrae fino alla Parusia, la quale soltanto ci introdurrà nel compimento preannunciato dal Signore.

In definitiva, bisogna diffidare a priori di tutti i fenomeni che non abbiano ottenuto una chiara e incontestabile approvazione (se non del fenomeno stesso, almeno del culto che ne è scaturito) da parte dell’autorità ecclesiastica competente.

Il fideismo e la credulità in una soprannaturalità a buon mercato sono perfettamente funzionali agli scopi di chi nega il soprannaturale, perché creano miti che possono poi essere facilmente irrisi e sconfessati; è la stessa tattica di chi inventa falsi complotti per screditare i cosiddetti complottisti e le loro denunce, che portano in genere su fatti reali.

Per il resto, occorre curare molto la propria formazione nella dottrina perenne della Chiesa, senza ottuse rigidità mentali né, d’altro canto, interessate ambiguità o subdoli equivoci.

Fuggite i ragionamenti contorti, le costruzioni intellettuali artificiose, le sottigliezze troppo ardite e le saccenti distinzioni senza fine, come pure le arrampicate sui vetri e i sezionamenti dei capelli.

Chiedete invece senza sosta la grazia di ottenere o conservare una mente limpida e lineare, una coscienza lucida e retta, la purezza d’intenzione e l’onestà dei costumi.

Lo Spirito Santo non suole negarsi a chi cura le giuste disposizioni interiori e si sforza sinceramente di correggere le proprie storture, nel pensiero e nell’azione, aborrendo i sofismi, le acrobazie cerebrali e le forzature ideologiche con cui si erigono cattedrali immaginarie che si reggono sugli stecchini.

Questo è qualcosa che possiamo fare tutti; a ciò che non è in nostro potere provvederà il Signore.

Tu hai dato i tuoi precetti perché siano osservati fedelmente. Siano diritte le mie vie nel custodire i tuoi decreti. Ai mentitori verrà chiusa la bocca (Sal 118, 4-5; 62, 12).

La Scure

torna su▲