La bellezza della famiglia


Famiglia_anonimoL’Osservatore Romano del 9 settembre 2014 –  Per quale ragione oggi si pubblicano tre pagine intere di nomi sul quotidiano della Santa Sede? Perché a questi nomi corrispondono i volti di persone provenienti da tutto il mondo, che dal 5 al 19 ottobre prenderanno parte all’assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi sulle sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione.

Lo scopo dell’incontro è di proporre al mondo odierno la bellezza e i valori della famiglia, che emergono dall’annuncio di Gesù Cristo che dissolve la paura e sostiene la speranza.

 

Synodus — che vuol dire “fare strada insieme” — è l’espressione che indica il luogo ecclesiale in cui si conviene per incontrarsi e riflettere — nella duplice fedeltà a Dio e all’uomo — di fronte alle sfide della famiglia di oggi.

L’elenco che segue è composto dai rappresentanti dei cinque continenti, così suddivisi: 114 presidenti delle Conferenze episcopali, 13 capi delle Chiese cattoliche orientali sui iuris, 25 capi dicastero della Curia romana, 9 membri del Consiglio ordinario di segreteria, il segretario generale, il sotto-segretario, 3 religiosi eletti dall’Unione superiori generali, 26 membri di nomina pontificia. Altri partecipanti: 8 delegati fraterni, 38 uditori, di cui 13 coppie di sposi, 16 esperti. Il totale delle persone partecipanti all’assemblea sinodale è di 253.

Nella dinamica di rinnovamento della Chiesa voluto da Papa Francesco, l’aggiornamento dell’istituzione sinodale si esplica specialmente nel suo processo preparatorio e nello svolgimento delle assemblee stesse.

Questo progetto, iniziato con l’indizione dell’assemblea sinodale, si sta sviluppando in una maniera nuova o rinnovata con azioni concrete. Il criterio di rinnovamento è quello di dipingere prima il quadro e poi mettere la cornice. La normativa in vigore è il binario su cui corre il treno del rinnovamento.

Andando avanti si compiranno i passi necessari per emendare norme o eventualmente mettere mano ad una vera e propria ristrutturazione dell’organismo sinodale.

L’itinerario del prossimo Sinodo sarà scandito in due tappe: l’assemblea generale straordinaria del 2014 e l’assemblea generale ordinaria del 2015. Si applicherà una nuova metodologia interna dei lavori, che renderà lo svolgimento più dinamico e partecipativo, con interventi e testimonianze, il cui percorso terrà presente la continuità verso la seconda tappa, dopo la quale sarà pubblicato il documento sinodale.

Lorenzo Baldisseri
Cardinale segretario generale del Sinodo dei vescovi 

 

l’articolo, con l’elenco dei nomi, continua su L’Osservatore Romano