Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

La testimonianza del figlio di Gianna Beretta Molla e dei bambini del “Family 2012

Il 28 aprile 1962, all’età di soli 39 anni, si spegneva la vita di Gianna Beretta Molla. Madre di tre figli in tenera età e in attesa della quarta, decise di rinunciare a curare un tumore all’utero che l’aveva colpita per non arrecare danni al feto. Una scelta consapevole – la Beretta Molla era medico di professione e cristiana impegnata – che la porterà nel 2004 alla canonizzazione.

Ieri pomeriggio, nell’ambito dell’Incontro Mondiale delle Famiglie – in un incontro a Varese – il figlio maggiore, Pierluigi Molla, ha raccontato come sua madre seppe conciliare i doveri della professione con la vita familiare, grazie alla sua fede. Alessandro De Carolis lo ha intervistato:

R. – Mia mamma lo visse con molta naturalezza. Quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario dalla morte di mia madre, e se penso a lei, ripenso ad una figura di estrema modernità, perché aveva saputo coniugare e far coesistere, con estremo equilibrio, i suoi impegni professionali e la sua vita familiare; quello che poi oggi è uno dei temi e dei focus dell’Incontro mondiale delle famiglie. Già cinquant’anni fa, mia madre con estremo equilibrio e naturalezza, certamente c’era riuscita ad armonizzare queste due dimensioni. Questo è il ricordo che ho di lei, ed è quello che ho avuto attraverso il ricordo di mio padre in particolare.

D. – La prima mamma canonizzata, cristiana impegnata, medico, donna certamente dei nostri tempi, della nostra epoca, Gianna Beretta Molla dice con la sua vita, come la Chiesa ripete sempre a tutti i cristiani, che la santità è davvero per tutti…

R. – Certamente. Mamma è un esempio straordinario di come l’aveva definita il cardinale Martini “La Santa della quotidianità”. La cosa veramente particolare è che, attraverso l’eccellenza nella sua professione, la sua storia è venuta alla luce, ed è stata conosciuta dalla Chiesa. Il primo riconoscimento di mia mamma venne dato dalla provincia di Milano, nel dicembre del 1962, pochi mesi dopo la sua scomparsa, per la sua attività professionale. Alla cerimonia era presente l’allora cardinale Montini, futuro Paolo VI, che venne a conoscenza della storia della mia mamma e da lì diede avvio, impulso, agli eventi che seguirono.

D. – Oggi in molte parti del mondo, specie nel mondo occidentale, si preferisce rinunciare ai figli per avere più spazio per sé. Sua mamma rinunciò a se stessa per dare spazio a voi, ai suoi figli: questa testimonianza, cosa dice oggi alle famiglie del mondo?

R. – Mamma è stata, fino in fondo, coerente con la sua Fede, a tutto quello che proveniva dall’educazione che aveva ricevuto. É stata coerente in modo normale perché, per lei, il diritto alla vita di mia sorella era esattamente equivalente al diritto che avevamo noi da nati. Fondamentalmente, lei si è sacrificata perché era convinta, che in quel momento, era lei l’unico strumento per poter far sì che il diritto alla vita di mia sorella si manifestasse. É stata una scelta di coerenza con quello che era stata la sua vita e tutto quello che aveva realizzato e vissuto fin dalla sua infanzia.

D. – Vostra mamma vi ha dato la vita in tanti modi; ve l’ha data nella carne, ma anche nello spirito. Come vivete voi questa realtà?

R. – Certamente è un’esperienza straordinaria. Aver avuto una mamma eccezionale, una mamma il cui ricordo si è rinnovato per tanti anni, perché attraverso tutto il processo di Beatificazione è stato sì un rinnovo del dolore, ma fondamentalmente, un sentirla presente sempre. Poterla festeggiare il giorno dei Santi, invece di commemorarla il giorno dei defunti, è una grande grazia.

Fonte: Radio Vaticana del 1 giugno 2012

torna su▲