La vera santità giudicata da S. Filippo Neri, il santo della gioia, della carità e dell’umiltà.


Ritratto di S. Filippo NeriOggi basta poco per convincersi della santità di qualcuno, è sufficiente mostrarsi caritatevoli e apparentemente buoni per essere considerati vocati al Paradiso, anche quando insieme alla bontà compaiono certi atteggiamenti che, neanche tanto nascostamente, rivelano arroganza e superbia. Perciò molto istruttivo è un episodio che riguarda la vita di S. Filippo Neri, una vicenda che in una sua biografia è titolata molto opportunamente “La falsa santità”.

Ecco di cosa si tratta: “In un convento di Roma viveva una monaca che godeva fama di grande santità. Correva voce fra il popolo che la religiosa, arricchita di doni celesti, conoscesse il futuro ed operasse prodigi meravigliosi.

Quando il Papa venne a conoscenza di questo, mandò Padre Filippo in quel convento, perché vedesse che cosa vi fosse di vero sulle virtù taumaturgiche della religiosa.

In quei giorni era piovuto molto e le strade erano tutte fangose, sicché Filippo arrivò al monastero con le scarpe tutte insudiciate di fango. Ivi chiese subito di parlare con la monaca creduta santa, la quale, appena scesa in parlatorio, con un profondo inchino, disse: “In che posso servirla”?

Il Santo, che stava comodamente sdraiato sulla poltrona, senza neppure rispondere al saluto, le porse il suo piede dicendo: “Prima di tutto, Reverenda Madre, la pregherei di togliermi queste scarpe infangate e poi di pulirmele per bene”.

La monachella si tirò indietro inorridita e, con parole molto risentite, fece le sue rimostranze contro un modo di procedere così villano, dicendo: “Mi meraviglio come voi vi permettete di farmi simili proposte”; Filippo tacque e alzatosi tranquillamente uscì dal convento per ritornare a casa.

Presentatosi il giorno dopo dal Papa, per riferire sul risultato della sua missione, disse: “Beatissimo Padre, quella monaca certamente non è una santa e non fa miracoli, perché le manca la virtù fondamentale”.

Il Santo sapeva troppo bene che la miglior prova della santità è l’umiltà” (Oreste Cerri, S. Filippo Neri, Ed. Il Villaggio del fanciullo, Roma, 1986, pp. 106-107).

Riportato nell’articolo Attenzione ai falsi carismatici