Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Lasciateci fare i porci comodi

«Il mondo diventa tanto più indifferente quanto più i cattolici si rifiutano di essere differenti». (Joseph Vandrisse).
Rotti gli argini, ecco le conseguenze: «Sì alle famiglie di tutti i tipi: per me pari son!»
Via, voglio tornare via. Senza giornali, senza telegiornali. L’istinto, al rientro dalle vacanze, è questo. L’avevo sulla punta del cuore e della lingua e l’ho detto. Ecco. Riprendo i contatti con la cronaca e trovo… di tutto. Elencherò qualcosa in disordine, come viene viene, perché di dis-ordine si tratta. Cominciamo (ma sono solo alcuni esempi… sic!).

Fonte: Cultura Cattolica

torna su▲