Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Leader dei sindaci ribelli: «Hollande ci lasci liberi di non celebrare le nozze gay o sarà totalitarismo»

Sono più di 20 mila sindaci e aggiunti, etero e omosessuali, di destra e di  sinistra, sanno che «la legge si applica per tutti» e non vogliono «violare la  libertà di nessuno» ma neanche «agire contro la propria coscienza». Il  Collettivo dei sindaci per l’infanzia si è opposto alla legge sul matrimonio gay in Francia e ora che  è stata approvata chiede che i suoi membri possano astenersi dal celebrare i  matrimoni gay in nome del «diritto all’obiezione di coscienza».

Franck Meyer,  portavoce del Collettivo e primo cittadino di Sotteville sous le Val, in  Alta Normandia, spiega a tempi.it perché la Francia rischia di diventare un  «sistema totalitario» minacciando sanzioni che vanno dai 45 mila euro di multa  fino al carcere per tutti quei sindaci che si rifiutino di applicare una legge  dannosa «per l’avvenire del nostro paese».

 

Sindaco Meyer, perché non volete celebrare i matrimoni  gay? Nel diritto francese, il codice civile lega insieme la  famiglia, il matrimonio e il diritto del bambino. La legge Taubira modifica il  diritto della famiglia e soprattutto il diritto dei figli. Adesso, le persone  che per ora nel nostro paese non possono accedere alla fecondazione assistita, possono andare all’estero,  essere inseminate e far nascere figli che poi saranno adottati dal coniuge dello  stesso sesso.

 

l’articolo continua su Tempi.it

torna su▲