Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

L’ex nunzio negli Stati Uniti sullo scandalo McCarrick: “Francesco sapeva. Si dimetta” – di Sandro Magister

Bergoglio-McCarrickNella notte tra il 25 e il 26 agosto, mentre papa Francesco riposava a Dublino, è uscito in italiano sul quotidiano “La Verità, in inglese sul “National Catholic Register” e “LifeSite News” e in spagnolo su “InfoVaticana” – introdotto rispettivamente da Marco Tosatti, Edward Pentin, Diane Montagna e Gabriel Ariza – lo sconvolgente atto d’accusa dell’ex nunzio apostolico negli Stati Uniti Carlo Maria Viganò contro chi, ai gradi più alti della Chiesa a cominciare dallo stesso papa, sapeva da tempo delle scandalose pratiche omosessuali del non più cardinale Theodore McCarrick ma nonostante ciò non ha agito di conseguenza.

Viganò è stato ambasciatore della Santa Sede a Washington tra il 2011 e il 2016, dopo essere stato, tra il 1998 e il 2009, a Roma, delegato per le rappresentanze pontificie, con facoltà di controllo dei dossier personali dei candidati all’episcopato.

E ha avuto prova che fin dal 2000 le autorità vaticane erano state informate dalla nunziatura negli Stati Uniti sulla condotta immorale di McCarrick, senza tuttavia che ciò impedisse la sua promozione ad arcivescovo di Washington e a cardinale.

Nel 2006 fu Viganò in persona a trasmettere all’allora segretario di Stato Tarcisio Bertone un dossier contro McCarrick approntato negli anni precedenti dagli allora nunzi negli Stati Uniti Gabriel Montalvo e Pietro Sambi.

E altrettanto fece nel 2008 inoltrando alle massime autorità vaticane un rapporto redatto da uno dei più attenti indagatori degli abusi sessuali negli States, Richard Sipe.

In entrambi i casi non ebbe risposta. Quando però le informazioni raggiunsero, non si sa per quali vie, Benedetto XVI in persona, un effetto ci fu. In una data imprecisata tra il 2009 e il 2010 a McCarrick furono imposte – scrive Viganò – le seguenti sanzioni:

“Il cardinale doveva lasciare il seminario in cui abitava, gli veniva proibito di celebrare in pubblico, di partecipare a pubbliche riunioni, di dare conferenze, di viaggiare, con obbligo di dedicarsi ad una vita di preghiera e di penitenza”.

Le sanzioni furono comunicate a McCarrick dall’allora nunzio Sambi. Ma non furono mai messe in pratica, col pieno appoggio dell’arcivescovo di Washington, il cardinale Donald Wuerl, che continuò ad ospitare il reprobo nel seminario della sua diocesi e a trattarlo con tutti gli onori, salvo oggi dichiarare di non aver mai saputo nulla delle sue malefatte.

Poi, nel 2013, fu eletto papa Jorge Mario Bergoglio, che il 23 giugno ricevette in udienza Viganò, nel frattempo divenuto nunzio negli Stati Uniti. Il quale così riferisce oggi le parole che disse e la reazione del papa:

“‘Santo Padre, non so se lei conosce il cardinale McCarrick, ma se chiede alla congregazione per i vescovi c’è un dossier grande così su di lui. Ha corrotto generazioni di seminaristi e di sacerdoti e papa Benedetto gli ha imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza’.

Il papa non fece il minimo commento a quelle mie parole tanto gravi e non mostrò sul suo volto alcuna espressione di sorpresa, come se la cosa gli fosse già nota da tempo, e cambiò subito di argomento”.

Sta di fatto che Francesco non solo non obbligò McCarrick a sottostare alle sanzioni che gli erano state imposte da Benedetto XVI, ma se lo è tenuto stretto fino a poche settimane fa come suo primo consigliere nelle nomine chiave che stanno ridisegnando la gerarchia cattolica negli Stati Uniti, promuovendo i suoi protetti. “Solo quando vi è stato costretto dalla denuncia di un abuso su un minore – scrive Viganò – ha preso provvedimenti nei suoi confronti”.

Ma a giudizio dell’ex nunzio negli Stati Uniti, per papa Francesco il caso non può ritenersi chiuso. Scrive Viganò al culmine della sua requisitoria:

“Francesco sta abdicando al mandato che Cristo diede a Pietro di confermare i fratelli. Anzi, con la sua azione li ha divisi, li induce in errore, incoraggia i lupi nel continuare a dilaniare le pecore del gregge di Cristo.

In questo momento estremamente drammatico per la Chiesa universale riconosca i suoi errori e in coerenza con il conclamato principio di tolleranza zero, papa Francesco sia il primo a dare il buon esempio a cardinali e vescovi che hanno coperto gli abusi di McCarrick e si dimetta insieme a tutti loro”.

La “Testimonianza” di Viganò è molto circostanziata e chiama in causa altri importanti cardinali, da Pietro Parolin a Sean Patrick O’Malley a Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga. Va assolutamente letta per intero:

Il suo testo integrale in italiano:

> Testimonianza di Mons. Carlo Maria Viganò…

 

Settimo Cielo

torna su▲