Libro consigliato. “Le antiche fonti della fede” di Stefano Biavaschi


coverDiamo notizia di un interessante libro di Stefano Biavaschi, edito in questi giorni dalla casa editrice Fede & Cultura, dal titolo Le Antiche Fonti della Fede, un approfondimento quanto mai opportuno in un’epoca in cui appare sempre più evidente la perdita dell’identità non solo religiosa ma anche storica della nostra civiltà. Abituati come ormai siamo a procedere per luoghi comuni e frasi fatte in tutti i campi della conoscenza, la scoperta delle origini e del primo dispiegarsi nei secoli della nostra religione apporta conferme alla fondatezza del nostro credere, svelandoci il percorso attraverso il quale il cristianesimo è giunto fino a noi.

Ci riferisce Biavaschi che la nostra fede è stata coltivata primariamente da un gruppo di persone che sigillavano anfore e correvano a cavallo. Una di queste fu Eusebio di Cesarea, vescovo della Palestina tra il 265 e il 340, che per 25 anni ha raccolto antichi manoscritti, lettere, testimonianze, attraversando da un luogo all’altro le terre del primo cristianesimo. Senza di lui un patrimonio enorme sarebbe andato perduto, e sapremmo molte meno cose sulla chiesa prima di Costantino.

Tre secoli di fondamentale importanza per la nostra conoscenza sulla nascita e diffusione del cristianesimo, attraverso testimonianze di fede e di martirio, di cui anche Eusebio fu testimone oculare, fino a quando lui stesso vide l’alba della prima libertà religiosa.

Con l’acume dello storico e la saggezza del pastore, Eusebio ha ricostruito la preziosa trama del cristianesimo dai tempi di Gesù e degli apostoli fino a lui, scrivendo la prima storia della Chiesa che l’umanità possiede: un’opera vastissima, dalla quale l’autore ha estratto il meglio di Eusebio, proprio per il lettore moderno più incline a leggere delle sintesi che non dei volumi interi.

 In Le Antiche Fonti della Fede Stefano Biavaschi ha inoltre inserito le più importanti fonti greco-latine su Cristo e i Cristiani, da Plinio a Traiano, da Giuseppe Flavio all’autore della Lettera a Diogneto: un materiale apologetico preziosissimo che sarebbe altrimenti reperibile solo consultando un oceano di pubblicazioni.

Naturalmente, per non appesantire l’opera, l’autore ci riferisce di non aver riportato tutte le fonti e in modo integrale, ma un estratto di esse che ha poi raccolto per argomenti, in modo da poter rispondere, capitolo dopo capitolo, alle più pressanti curiosità del lettore e alle sue domande di maggior spessore, tra cui:

Cosa accadde agli apostoli negli anni successivi alla morte di Gesù? Dove andarono? Di quali città divennero pastori? Come morirono? Chi venne nominato al loro posto? Come affrontarono le sfide di coloro che erano dediti alle arti magiche? Quale fu il destino di Simon Mago? E di Erode? E di Pilato? Come reagirono Tiberio e il Senato romano dopo che Ponzio Pilato sottopose la sua relazione circa la morte e la risurrezione di Gesù?

E anche:

Cosa c’era scritto nelle lettere imperiali riguardanti Gesù e i cristiani? Come si svolse la distruzione di Gerusalemme? Avvenne come dissero le profezie? E negli anni delle persecuzioni verso i cristiani come venivano condotti gli arresti e gli interrogatori da parte della polizia romana?

E ancora:

Come vivevano i credenti? Che stile di vita conducevano? Che atteggiamento avevano dinanzi ai beni, alle leggi, al matrimonio, all’aborto? Chi ha stabilito l’elenco dei testi sacri? Come si è formato il canone del Nuovo Testamento? Quali sono i primi elenchi di testi sacri neotestamentari?

Le Antiche Fonti della Fede intende essere un agile strumento per rispondere alle sfide di oggi ed alle principali obiezioni storiche, che non dovrebbero mai lasciarci senza risposta.

 

L’Autore

BiavaschiStefano Biavaschi è nato a Milano nel 1955. Laureato in Lettere Moderne ed in Scienze Religiose, insegna nelle Scuole Superiori di Milano e collabora con la Cattedra di Teologia dell’Università Cattolica.  Ha operato nel campo della prevenzione e del disagio giovanile, ed è Formatore di insegnanti e catechisti. Scrive da circa un trentennio per riviste e quotidiani, pubblicando su: Corriere della Sera, Il Giorno, La Repubblica, Oggi, Avvenire, Domenica del Corriere, Il Timone, Radici Cristiane. Ha contribuito alla formazione etica dei nuovi funzionari iracheni per conto di Transparency International Italia, dopo il conflitto in Iraq. Ha collaborato per Rai, Mediaset, e diverse emittenti radiofoniche, conducendo anche trasmissioni a carattere culturale. Ha pubblicato raccolte di poesie in Italia e all’estero. (da Il Timone)

 

Le Antiche Fonti della Fede, casa editrice Fede & Cultura, in edizione cartacea ed e-book