Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Mons. Tomasi: minoranze cristiane minacciate nel mondo, in Occidente attacchi sofisticati contro la libertà religiosa

Si è conclusa ieri a Ginevra, in Svizzera, la 20.ma sessione del Consiglio Onu dei Diritti Umani. Tanti gli argomenti affrontati. La Santa Sede è stata rappresentata dall’osservatore permanente presso l’Ufficio Onu della città elvetica, mons. Silvano Maria Tomasi. Il presule ha denunciato, in particolare, le crescenti violenze anticristiane nel mondo. Sergio Centofanti lo ha intervistato:


R. – Il Consiglio dei diritti umani, in questa 20.ma sessione, ha trattato temi molto caldi. La preoccupazione che ha espresso, attraverso le risoluzioni adottate, indica che c’è ancora molta strada da fare. Si è parlato in particolare di Paesi che hanno una violazione sistematica dei diritti umani, secondo i rapporti degli esperti e dell’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite. Un tema che la Santa Sede da sempre porta avanti è quello della libertà religiosa, vedendo che in vari Paesi ci sono violenze contro gruppi religiosi. Abbiamo avuto dei casi molto eclatanti in Nigeria, in Kenya, in altre parti del mondo, dove credenti – soprattutto cristiani – mentre pregano sono attaccati con bombe o violenze, che lasciano sul terreno decine e decine di morti. Quindi, preoccupato di questa situazione, di questa recrudescenza della violenza contro le comunità religiose – specialmente le minoranze religiose cristiane – io sono intervenuto ancora una volta, dicendo appunto che se si rispetta la libertà di espressione, di religione, le convinzioni più profonde del popolo di un Paese, anche gli altri diritti umani vengono rispettati. C’è, inoltre, una correlazione, un legame tra il rispetto dei diritti umani e la possibilità della libertà religiosa in particolare e la possibilità di vivere assieme pacificamente e, quindi, nei Paesi in via di sviluppo, soprattutto, di facilitare il progresso del Paese e fare in modo che le forze sane e creative di una popolazione siano messe a disposizione del bene comune e non incanalate verso attività di conflitto e di odio, che portano solo morte e distruzione. Per questi motivi, argomentando appunto che la libertà di religione è sempre più evidente essere un diritto al centro e al fondamento di tutti i diritti umani, la comunità internazionale ha una responsabilità: di creare una mentalità che rispetti questa libertà e provveda ai meccanismi e alle misure che, di fatto, in concreto, la possano attuare e fare rispettare.

D. – Oggi non ci sono solo persecuzioni, ma anche pericolose limitazioni, pensiamo all’emblematico caso degli Stati Uniti, dove i vescovi hanno lanciato una campagna a difesa dell’obiezione di coscienza, oggi seriamente minacciata…

R. – Nel mondo occidentale l’atteggiamento verso la religione non si esprime attraverso una violenza fisica, ma attraverso meccanismi che sono molto più sofisticati e con modi che entrano poi nella legislazione di un Paese cercando di imporre una filosofia laica, che di fatto non è neutra – lasciando spazio, dicono, a tutte le espressioni culturali, religiose, di convinzioni anche di non credenti – ma impone uno stile di vita e un modo di pensare che lascia poco spazio alle convinzioni religiose. Davanti a questa realtà è importante che la comunità internazionale, soprattutto le comunità dei credenti – la comunità cristiana in particolare – prendano le loro responsabilità e facciano davvero comprendere che la libertà vera implica una possibilità concreta di esercitare non solo il culto, la preghiera a livello individuale, ma di poter partecipare collettivamente alla vita della società, attraverso opere sociali e attraverso la libertà di dire le proprie convinzioni e i propri valori facendo in modo che anche questi possano essere parte del bene comune.

Fonte: Radio Vaticana 7/7/12

torna su▲