Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Neppure a Natale i cristiani di Gaza possono visitare Betlemme o festeggiare in città

Gaza (AsiaNews/ Agenzie) – I cristiani di Gaza vivono a soli 73 km da Betlemme, ma per la maggior parte di essi è impossibile festeggiare il Natale nel luogo in cui è nato Gesù. Come ogni anno anche per il 2013 il governo israeliano ha respinto centinaia di richieste di visti inoltrati dalla Chiese greco-ortodossa e cattolica.

Suzy e Samer, sono una giovane coppia ortodossa. Lei ha 22 anni, lui 30. Entrambi rientrano nel divieto di espatrio per i palestinesi fra i 16 e i 35 anni in occasione di feste religiose e per visitare i parenti residenti nella West Bank. Tuttavia, da anni inviano la loro domanda per andare a Betlemme, anche se essa viene rifiutata.

Intervistata dal quotidiano online al-Monitor, Suzy racconta: “Speravamo di passare il Natale nella chiesa della Natività di Betlemme, ma purtroppo questo è impossibile per noi. Qui a Gaza è molto difficile festeggiare il Natale a causa della crisi economica e delle restrizioni di Hamas”. Samer sottolinea che “poter andare a Betlemme è il sogno di ogni cristiano di Gaza. Anche se geograficamente è molto vicino, nessuno di noi può entrare”.

Il vescovo greco-ortodosso Alexios afferma: “Vivo a Gaza da oltre 12 anni. Sono stato testimone dei conflitti avvenuti nella Striscia e delle sanzioni imposte alla città e ai suoi abitanti. Lancio un appello alle potenze mondiali affinché facciano pressioni per consentire ai cittadini della Striscia di uscire ed entrare normalmente, perché l’amore è ovunque, ma dobbiamo vederlo nei nostri cuori”. “

Ogni anno – aggiunge – la nostra Chiesa raccoglie le richieste di permessi”, ma non ha alcun potere sulle autorità israeliane”. Per il prelato sono la guerra e l’odio fra israeliani e palestinesi ad aver generato questa situazione che colpisce soprattutto i giovani.

Jabr el-Jaldeh, responsabile delle relazioni religiose della Chiesa greco-ortodossa di Gaza, afferma che migliaia cristiani di tutte le confessioni hanno presentato richieste di permessi di viaggio a Betlemme attraverso il Patriarcato di Gerusalemme per il 7 gennaio. Alcuni hanno ricevuto il visto, ma ben 214 giovani sono stati respinti perché la loro età era compresa fra 16 e i 35 anni”.

Per il 2013 il governo islamista di Hamas ha fatto alcune concessioni ai cristiani, consentendo di addobbare alcuni negozi con decorazioni natalizie e di erigere un albero di Natale nella città colpita in questi giorni da una devastante alluvione che ha allagato la maggior parte della Striscia.

Tuttavia i festeggiamenti consentiti si limitano all’aspetto laico della festa, quelli religiosi sono confinati nelle chiese.

Lisa al-Souri, 20 anni e suo marito Tarek di 27 anni sono una coppia di cattolici. Come il resto dei giovani di cristiani di Gaza hanno celebrato il loro ultimo Natale a Betlemme oltre 10 anni fa. Lisa fa però notare che ora è anche difficile festeggiare il Natale nella stessa Gaza.

“Nel 2005 – racconta – era stato eretto un grande albero illuminato nel centro della città e tutti partecipavano alle celebrazioni. Questo purtroppo risale a ben otto anni fa. Il mio desiderio era festeggiare il Natale a Gaza come cristiano di Gaza, come è sempre avvenuto in passato”.

torna su▲