Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Preghiera di don Camillo

“Signore, si potrebbe anche dire che fa un caldo infernale, ma è semplicemente estate. Meno male. Qui nella Bassa i ritmi rallentano, c’è più tempo per pensare e pregare.

Per i cristiani perseguitati nel mondo, per gli embrioni uccisi nel grembo materno o sbattuti nel congelatore, per i terremotati, gli ammalati e gli agonizzanti.

Per il Papa e la Chiesa perché si liberino di corvi e corvacci, per la nostra Italia che si liberi di politicanti, affaristi, grilli e cicale, per tutti perché possiamo liberarci dalle nostre miserie.

Infine, Signore, ci liberi sopratutto dalla libertà religiosa, quella patinata, che se ne frega del vero e del falso, per cui tra una seduta dal mago, il buddismo salottiero, un rito satanico e una Messa cattolica, sarebbe solo una questione di gusti. La nostra coscienza sia libera per il bene e mai per il male. Amen”.

Fonte: Libertà e Persona

torna su▲