Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. 18 – 25 gennaio 2013


Inizia domani 18 gennaio la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che terminerà il giorno 25 di questo stesso mese. In occasione del suo centenario, a redarre la  stesura dei  testi e gli spunti per le meditazioni e le preghiere è stato invitato il Movimento degli studenti cristiani dell’India (SCMI) unitamente alla Federazione universitaria cattolica indiana e al Consiglio nazionale delle Chiese in India. Meditazioni e preghiere in italiano

Nel corso di questa tappa preparatoria, il significato della Settimana di preghiera per l’unità  ha fatto emergere che in un contesto di gravi ingiustizie verso i Dalit, tanto nella società indiana quanto nella Chiesa, non bisogna dissociare la ricerca dell’unità visibile dallo smantellamenteo del sistema delle caste e  dalla valorizzazione del contributo all’unità dei più poveri fra i poveri.

Nel contesto indiano i Dalit costitutuiscono delle comunità considerate “fuori-casta”. Sono le popolazioni  più colpite dal sistema delle caste, che è una forma rigida di stratificazione sociale basata su principi di purità e impurità rituali. In questo sistema ciascuna casta è considerata o “più alta” o “più bassa”.  Le comunità Dalit sono considerate come quelle più impure e che rendono impuro; le si colloca quindi al di fuori del sistema delle caste, e una volta erano qualificati  addirittura come “gli intoccabili”. Da questo sistema ne deriva perciò che i Dalit  sono socialmente emarginati, politicamente sotto-rappresentati,  economicamente sfruttati e culturalmente sottomessi. Ora, quasi l’80% dei cristiani indiani sono di origine dalit.

Il problema delle caste, in quanto divide la Chiesa, è una questione dottrinale spinosa. E’ in questo contesto che la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ci invita ad approfondire il noto testo biblico di Michea 6,6-8, con particolare attenzione alla domanda “cosa aspetta da noi il Signore” che la rende il tema principale. L’esperienza Dalit serve così da spunto per consentire l’emergere di riflessioni teologiche a partire dal tema biblico.

Traduzione dal Francese dal sito della Santa Sede 

Cliccare sulla lingua che interessa: Francese, Inglese, Portoghese, Spagnolo, Tedesco

Redazione La Madre della Chiesa