«Si sieda sul water e non guardi giù, puliamo tutto noi». Così funziona l’aborto fai da te in America


Il gruppo pro life “Live Action” ha pubblicato la sesta di una serie di inchieste video che mirano a rendere noto  al grande pubblico – dopo il clamoroso processo al medico abortista Kermit Gosnell, condannato per crimini orribili sui  neonati e sulle donne – quello che avviene normalmente nelle cliniche abortive  degli Stati Uniti.

In quest’ultimo documentario Live Action rivela la crudeltà dell’aborto  quando questo è effettuato su bambini alle prime settimane di vita: il  protocollo seguito dai medici in questi casi è altrettanto terribile e per di  più, diversamente da quanto accade per l’aborto chirurgico, la donna è lasciata  sola a vivere in piena coscienza tutto quello che avviene.

La procedura abortiva descritta nel filmato è quella basata sul ricorso a  sostanze medicinali letali per il bambino. Si tratta di un metodo che comprende  l’induzione del parto: con un ago inserito nel ventre della madre vengono  iniettate sostanze velenose nel liquido amniotico e con altri medicinali si  provocano le doglie per l’espulsione del bambino morto.

Il documentario è  costruito con le registrazioni di conversazioni telefoniche intercorse fra le  pazienti e i medici della Southwestern Women’s Options Clinic di Albuquerque,  nel New Mexico. Il video contiene immagini piuttosto forti.

Qui di seguito proponiamo una nostra traduzione dei dialoghi.

l’articolo continua su Tempi.it