Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

« Tutti cavalcano l’onda Pride » di Raffaella Frullone

Sul sito ufficiale dell’Onda Pride è riportato ancora il manifesto dello scorso anno: «L’Onda Pride nasce dalla volontà comune di mettere in rete le tante e diverse realtà dell’associazionismo, per coinvolgere le istituzioni, i cittadini e le cittadine, amici e amiche, familiari e vicini di casa in un grande sforzo unitario per affermare diritti, uguaglianza e visibilità per tutte le persone e tutte le famiglie e combattere ogni forma di discriminazione, a partire da quelle per orientamento sessuale e identità di genere. […] Il Pride è di tutt*»

Veramente è di tutti, pare. Hanno aderito idealmente al Pride Month, appunto il mese del cosiddetto “Orgoglio Gay”, nientepopodimeno che brand come Google, Facebook, Apple, Android, Microsoft,  YouTube, Disney, H & M, Mac Cosmetics, Adidas, Nike, Reebok, Levi’s, American Eagle, Calvin Klein, Michael Kors, Converse, Ralph Lauren, Dr Martens, Diesel, Sephora, Banana Republic, Hunter, Ugg, Gap, Fossil, Ray-Ban, Eastpack, Ikea, Starbucks…

Ci fermiamo a trenta brand ma potremmo andare avanti parecchio, talmente parecchio che diventa difficile anche solo pensare a un boicottaggio, sia perché ormai solo un piccolo gregge ha la reale consapevolezza di quale sia la portata di manifestazioni di questo tipo, sia perché l’adesione del mondo commerciale è ormai quasi totale e include perfino quell’Oreo dei biscotti, quella Vitasnella degli yogurt, quella Barilla che fino a quarant’anni fa era sinonimo di casa, o Gillette che negli anni Novanta era «il meglio di un uomo».

Non sembra possibile sottrarsi alla dittatura del pensiero unico Lgbt. Perfino la Listerine ha fatto un collutorio arcobaleno per l’occasione, come dire: chi non si piegherà per principio, dovrà farlo per timore dell’alito cattivo, o del dentista.

E intanto l’Onda va, da Varese a Siracusa, da Torino a Trieste, da Cagliari a Gallipoli passando per Campobasso, benedetta non solo dai più potenti e ricchi marchi commerciali ma anche da diverse sigle politiche, in primis il Partito Democratico e il Movimento Cinque Stelle, dalle amministrazioni di moltissime regioni,  province, città e comuni, dai principali quotidiani italiani, dalla Cgil e dall’Anpi in diverse città.

E poi ancora, in Toscana tra i sostenitori del Pride c’è la Scuola Normale di Pisa, in Lombardia l’Ordine degli psicologi sostiene i “pride” di Bergamo e Brescia così come l’Ordine degli psicologi della Sardegna sostiene quello che si svolgerà a Cagliari, eccetera. Il tutto ovviamente accompagnato dall’appoggio pressoché totale del mondo artistico e televisivo. È questa la discriminazione?

Ma non c’è tempo di rispondere, il Pride di Milano è già avanti e scrive nel manifesto: «Esigiamo che vi sia libero accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita per tutte le persone, abrogando quindi il divieto dell’accesso a tali percorsi da parte di coppie di donne o single.

Rivendichiamo la necessità di iniziare un percorso di riflessione che, nel pieno rispetto della libertà di autodeterminazione e nella piena tutela delle persone coinvolte, porti anche in questo paese ad un inquadramento che disciplini la gestazione per altre e altri».

L’unico antidoto resta la consapevolezza di questo piccolo gregge e la necessità di recuperare e conservare uno sguardo realmente cristiano, che sappia giudicare ciò che è male e ciò che è bene e non si trinceri dietro l’ipocrisia del «basta che non tocchino i bambini».

Se concediamo a questa ideologia di fare qualunque cosa, per quale ragione dovrebbero star lontani dai bambini?

Il Timone

torna su▲