Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Un silenzio eloquente

Edimburgo, 21.  Un gesto simbolico, ma eloquente ed efficace. Il cardinale Keith O’Brien, arcivescovo di Edimburgo e presidente della Conferenza episcopale scozzese ha sospeso la comunicazione diretta con il Governo scozzese in segno di protesta per il supporto che questo sta offrendo per l’introduzione nel Paese di norme che  legalizzano  le unioni dello stesso sesso. Il cardinale ha rifiutato un invito a discutere la questione, lasciando eventuali colloqui ai funzionari.

 

Il Governo scozzese ha deciso di cambiare la legge in vigore nonostante l’opinione pubblica sembri considerare la riforma non necessaria. Nonostante ciò, come detto, l’Esecutivo si è impegnato, quest’anno,  a portare avanti un progetto di legge sul tema e  ha indicato che le prime cerimonie con persone dello stesso sesso  potrebbero avvenire all’inizio del 2015.

Il cardinale O’Brien,  in merito alla proposta di legalizzazione del «matrimonio» omosessuale in Inghilterra e Galles, torna dunque ad alzare la sua voce in difesa della società civile. Non è la sua  una posizione cattolica ma  semplicemente civile. Il porporato si erige a baluardo  della ragione e del buon senso.

Questo mese il Governo scozzese avvia una consultazione sulle unioni tra persone dello stesso sesso, chiedendo all’opinione pubblica se il «matrimonio omosessuale» debba essere introdotto in Inghilterra e Galles. «Spero – ha auspicato il cardinale – che saranno in molti a rispondere e a riflettere sulla possibilità di firmare la petizione a sostegno del matrimonio tradizionale»

Fonte: L’Osservatore Romano

torna su▲