Uruguay. Invito della Chiesa: votate per indire il referendum contro l’aborto


La Chiesa cattolica nel Uruguay ha invitato la popolazione a partecipare domenica 23 giugno alla votazione per decidere se indire o meno un referendum contro la legge “ingiusta” che depenalizza l’aborto. I vescovi uruguayani invitano a partecipare a “questo atto civico” che definiscono come “uno sforzo di uomini e donne di buona volontà” per garantire che la legge uruguaiana rispetti il diritto alla vita umana fin dal concepimento.

I vescovi hanno insistito che i diritti umani e, in particolare, il “diritto alla vita” non può essere soggetto a maggioranze circostanziali di un gruppo legislativo o elettorale, pur riconoscendo che i cittadini hanno nelle loro mani la scelta dei mezzi che ritengono necessari per cambiare la legislazione.

Una nota inviata all’agenzia Fides riferisce che il 23 giugno, 2,6 milioni di uruguayani, iscritti alle liste elettorali, saranno chiamati a partecipare a un “atto d’adesione” volontario, nel quale si potrà votare se tenere o meno un referendum per abrogare la legge dell’aborto che è entrata in vigore alla fine dello scorso anno.

I vescovi, lo scorso 3 maggio in una lettera pastorale (dal titolo “La vida esta primero”) avevano proposto di ricorrere al referendum per abolire la legge dell’aborto; una iniziativa che è stata accolta da diversi politici del Paese. (R.P.)
 
Testo proveniente dal sito di Radio Vaticana