Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Le apparizioni della Madonna e la storia d’Europa

Le apparizioni della SS. Vergine, quelle riconosciute dalla Chiesa Cattolica, non sono mai casuali, ma si inseriscono in una logica di interventi della Divina Provvidenza nella storia dell’umanità, disegno che conosce solo il Signore e la cui interezza è spesso ignota persino agli stessi Ministri di Dio che pure le approvano.

Questo sta a dimostrare che veramente nella Chiesa soffia lo Spirito Santo, il cui piano di salvezza sugli uomini si riesce a comprendere integralmente solo negli eventi storici successivi e nel tempo preciso stabilito dalla SS. Trinità.

In questo progetto della Misericordia la Madre di Gesù si pone come Mediatrice di Grazie e Avvocata dell’umanità, potentissimo Intercessore e Serva del Signore, tutta a nostro favore.

In tale ottica analizziamo il mirabile  filo conduttore che congiunge le apparizioni di Gesù a S. Margherita Maria Alacoque e quelle della S. Vergine a S. Caterina Labouré e ai tre pastorelli di Fatima con le Rivoluzioni scoppiate fra il XVIII e il XX secolo.

Andiamo indietro nel tempo di quattrocento anni e inquadriamo, brevemente, quel periodo storico. Nel 1517 erano state pubblicate le tesi di Lutero e ne era seguita una sanguinosa guerra di religione, che coinvolgendo ed indebolendo tutta l’Europa, non aveva mancato d’attirare i Turchi con guerre che avevano scatenato carestie e pestilenze.

Negli stessi anni Enrico VIII, Re d’Inghilterra, per potersi risposare senza il permesso della Chiesa Cattolica, di cui fino ad allora era stato defensor fidei, decise di staccarsi da Roma per attuare una sua riforma protestante, proclamandosi capo della Chiesa Anglicana.

Nonostante la Chiesa, con il Concilio di Trento (1545-1563), avesse ribadito le verità della fede mettendo in campo quella che fu definita la Controriforma,l’unità culturale e morale d’Europa era ormai compromessa. E, quel che è peggio, queste spaccature createsi all’interno del Cristianesimo avevano portato l’uomo del XVI secolo ad una profonda crisi spirituale.

Spostiamoci ora in Francia. Per far terminare definitivamente le guerre di religione fra i protestanti e i cattolici, nel 1638 re Luigi XIII aveva voluto la consacrazione della Francia alla Madonna e fatto il voto solenne di festeggiare ogni anno l’Assunzione con una processione.

Nel 1689, cinque anni dopo il fallito tentativo dei Turchi di entrare in Vienna, sulle cui barricate, a difendere la cristianità, si era portato persino S. Marco D’Aviano (proclamato poi Patrono d’Europa), sul trono di Francia sedeva Luigi XIV, per i cui fasti e l’autorità assoluta era stato denominato il Re Sole.

In una località allora poco conosciuta, chiamata Parey Le Monial, nel Convento delle Visitandine viveva la Suora Margherita Maria Alacoque, la quale riceveva le confidenze di Nostro Signore Gesù Cristo che le mostrava le pene del Suo Sacratissimo Cuore offeso dagli uomini  e le spiegava il modo per confortarLo e riparare.

Nella corrispondenza intercorsa dalla fine di febbraio al 28 agosto del 1689 fra Margherita e Madre Saumaise, la sua prima superiora e confidente, si legge “… ecco le parole che ho inteso a proposito del nostro re: – Fai sapere al figlio primogenito del mio Sacro Cuore, che come la sua nascita temporale è stata ottenuta grazie alla devozione alla mia Santa Infanzia, allo stesso modo otterrà la nascita alla grazia ed alla gloria eterna attraverso la consacrazione che farà di se stesso al mio Cuore adorabile, che vuole trionfare sul suo, e con la sua mediazione raggiungere quelli dei grandi della terra. Vuole regnare sul suo palazzo, essere dipinto sui suoi stendardi, stampato sulle insegne, per renderlo vincitore su tutti i nemici, abbattendo ai suoi piedi le teste orgogliose e superbe, per farlo trionfare su tutti i nemici della Santa Chiesa”. E ancora: “…il Padre Eterno volendo riparare alle amarezze ed all’angoscia che l’Adorabile Cuore del Suo Figlio divino ha sofferto nelle case dei principi della terra attraverso le umiliazioni e gli oltraggi della sua passione, vuole stabilire il suo impero nella corte del nostro grande monarca, di cui vuol servirsi per l’esecuzione del proprio disegno, che deve compiersi in tal modo: far costruire un edificio dove sarà sistemato un quadro del Sacro Cuore per ricevervi la consacrazione e gli omaggi del re e di tutta la corte.“ E infine: “…c’è ancora un’altra cosa che mi preme… che questa devozione corra nei palazzi dei re e dei principi della terra… servirebbe di protezione alla persona del nostro re e potrebbe condurre alla gloria le sue armi, procurandogli grandi vittorie. Ma non è a me che spetta dirlo, bisogna lasciare agire la potenza di questo adorabile Cuore

Luigi XIV non aderì mai alla proposta, per quanto padre La Chaise, indicato da Margherita nella sua lettera come uno degli esecutori delle richieste di Gesù, fosse stato dal 1675 al 1709 il suo direttore spirituale.

Portiamoci in avanti nel tempo e spostiamoci a Parigi. Siamo nel luglio 1830 e il giorno 27 scoppierà quella che gli storici hanno definito la seconda rivoluzione francese, una sanguinosa sommossa popolare che in tre giorni scalzò dal trono Carlo X, ultimo re borbonico, per eleggere il giacobino, liberal-massone e anticlericale Filippo D’Orleans, con il nome di Luigi Filippo.

Al numero 140 di Rue de Bac, pochi giorni prima, precisamente il 18 di quel mese, la S. Vergine apparve ad una novizia della Congregazione delle Suore della Carità di S. Vincenzo de’ Paoli il cui nome era Caterina Laburé. Le apparirà tre volte e l’ultima, il 27 novembre di quello stesso anno, le chiederà di far coniare una medaglia con la Sua effigie da una parte e sul retro i Sacratissimi Cuori di Gesù e Maria. Per le immediate guarigioni e le grazie ottenute da chi la portava al collo verrà chiamata la Medaglia Miracolosa.

Veniamo ora al 1917, l’anno delle apparizioni della SS. Vergine a Fatima, durante le quali aveva annunciato che la guerra stava per terminare ma che una ancora peggiore sarebbe scoppiata se gli uomini non avessero smesso di offendere Dio. La Madonna aveva anche chiesto la consacrazione della Russia al Suo Cuore Immacolato per scongiurare che espandesse i suoi errori su tutta terra. Sappiamo che, pochi giorni dopo la fine di quelle apparizioni, in Russia scoppiò la rivoluzione bolscevica, chiamata appunto la Rivoluzione d’ottobre.

Che cosa lega tra loro queste apparizioni? E’ la stessa Madre del Signore ad offrircene la soluzione. Leggiamo infatti nel libro “Memorie di Suor Lucia”, edito da Secretariato dos Pastorinhos, P-2496 Fatima Codex – Portogallo, Imprimatur Fatimae, 1995, Seraphnus Episc. Leir.-Fatimensis, alla pagina 233, nell’Appendice II, quanto dice Suor Lucia dell’apparizione da lei avuta il 13 giugno 1926:

- … Poi la Madonna mi disse: “E’ arrivato il momento in cui Dio chiede che il Santo Padre faccia, in unione con tutti i Vescovi del Mondo, la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato, promettendo di salvarla con questo mezzo. Sono tante le anime che la giustizia di Dio condanna per i peccati commessi contro di Me, che vengo a chiedere riparazione: sacrificati per questa intenzione e prega.” … Più tardi, per mezzo di una comunicazione intima, la Madonna mi disse lamentadoSi: ”Non vollero soddisfare la Mia richiesta!… Come il Re di Francia si pentiranno e lo faranno ma sarà tardi. La Russia avrà già sparso i suoi errori per il mondo, provocando guerre, persecuzioni alla Chiesa: il Santo Padre avrà molto a soffrire.”

Con quelle parole la Madre di Dio e degli uomini aveva ricordato come Gesù, con la richiesta a Luigi XIV, per mezzo di S. Margherita Maria Alacoque, di consacrare il regno di Francia al Suo Sacratissimo Cuore voleva preservare l’Europa intera dalle terribili conseguenze della Rivoluzione Francese.

Nel 1792  Re Luigi XVI, ormai prigioniero nella torre del Tempio, tentò di porvi rimedio, ma ormai era tardi: il 21 luglio dell’anno seguente venne ghigliottinato.

Le conseguenze di quella rivolta si protrassero per tutto il secolo successivo nell’intera Europa procurando morti e sofferenze ingiuste, persecuzioni contro la Chiesa Cattolica, le sue istituzioni e i suoi Ministri e minando la fede di molti. Particolarmente, in Francia si ebbero pestilenze, moti interni, assedi e guerre: ecco perché la SS. Vergine offrì la Sua Medaglia come protezione.

Veniamo al secolo appena trascorso. Nel 1983 la Russia aveva già abbondantemente sparso i suoi errori da un confine all’altro della terra e le tensioni con il mondo occidentale stavano toccando tale culmine da temersi un imminente scontro nucleare.

Il 25 marzo 1984 Papa Giovanni Paolo II consacrò la Russia al Cuore Immacolato di Maria nella forma da Lei richiesta, in comunione solenne con l’Episcopato, davanti a migliaia di persone e alla statua della Madonna di Fatima fatta appositamente arrivare dal Santuario.

L’anno successivo, con la salita al potere di Gorbaciov, il comunismo sovietico cominciò incredibilmente a dissolversi sul piano militare ed economico, sbriciolando il sistema sovietico come le pietre del muro di Berlino, smantellato l’8 marzo 1989, a cinque anni esatti dalla Consacrazione.

Il giorno 8 dicembre 1991, festa dell’Immacolata Concezione, i presidenti di Russia, Ucraina e Bielorussia annunciarono al mondo la dissoluzione dell’URSS; il successivo giorno 25 dicembre, Natale di Nostro Signore, il presidente dell’Urss Gorbaciov si dimise. Il partito comunista fu dichiarato fuorilegge, la bandiera rossa ammainata e la capitale Leningrado tornò immediatamente a chiamarsi S. Pietroburgo.

Rimandiamo alle letture individuali sui periodi citati l’approfondimento su quali siano state le conseguenze che le riforme protestanti del XVI secolo hanno innescato nella storia dell’umanità sino ad oggi, a livello politico quanto sul piano filosofico ed ideologico.

Quello che ci interessa rilevare è come Gesù e Sua Madre abbiano sempre cercato di proteggere gli uomini da loro stessi, invitandoli a rivolgersi a Loro come unica Tavola di Sicurezza e come le Loro apparizioni non siano mai casuali o generiche, né per quanto riguarda i veggenti, né per quanto riguarda i luoghi o i momenti storici, ma siano sempre inserite in un più ampio disegno salvifico nel quale Dio, nella Sua Infinita Misericordia, vuole introdurci.

 
Paola de Lillo
 

Articoli correlati:
Perché la Madonna è apparsa proprio a Lourdes
Le apparizioni di Rue du Bac e la bandiera europea 
- L’apparizione della Madonna a La Salette: le profezie si avverarono
- La Medaglia miracolosa – Storia e significati

torna su▲