Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Assolta Asia Bibi. Radicali islamici in rivolta

Islamabad (AsiaNews) – La Corte Suprema ha cancellato la condanna a morte che pesava su Asia Bibi, una donna cristiana che è stata condannata per blasfemia nel 2010. Il suo caso, un’evidente manipolazione della cosiddetta “legge nera” del Pakistan, ha suscitato ondate di solidarietà nel mondo, ma anche forti reazioni nel Paese. Anche quest’oggi, la sede della Corte suprema era circondata da gruppi di poliziotti per timore che vi fossero violenze verso i giudici e la stessa Asia Bibi.

« Dialogo senza verità, l’agenda Lgbt fa tappa nel santuario di Caravaggio » di Andrea Zambrano

locandina CaravaggioAd accendere la miccia è stata la locandina che ha urtato i fedeli: raffigura in forma stilizzata e su sfondo arcobaleno, uomini che si tengono per mano e donne che fanno altrettanto. Il titolo ha provocato l’incendio: “Quale presenza per i giovani LGBT nella chiesa?”. E la location scelta ha infine causato la deflagrazione: il santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio, luogo sacro per eccellenza e punto di riferimento per la fede mariana almeno del nord Italia.

«Il sinodo, la comunicazione e quella voglia di controllo» di Aldo Maria Valli

Big BrotherIl documento finale del sinodo sui giovani, un mattone indigeribile, scritto da qualcuno che aspira all’onniscienza, tocca anche il tema dell’uso delle tecnologie della comunicazione. Lo fa nella sezione intitolata La missione nell’ambiente digitale, dove, dopo aver sostenuto che «l’ambiente digitale rappresenta per la Chiesa una sfida su molteplici livelli», si afferma che sono «gli stessi giovani a chiedere di essere accompagnati in un discernimento sulle modalità mature di vita in un ambiente oggi fortemente digitalizzato che permetta di cogliere le opportunità scongiurando i rischi» (n. 145).

Comunità cattoliche di tutto il mondo promuovono eventi contro Halloween

Diverse diocesi, parrocchie e comunità cattoliche sparse in tutto il mondo stanno promuovendo un’iniziativa creata alcuni anni fa e che sta già diventando una tradizione: gli “Holywins”. Lo scopo della proposta è, attraverso le attività svolte dalle comunità cattoliche locali, di riprendersi il 31 ottobre come festa di Ognissanti, facendo celebrare ai bambini il dono di una vocazione universale alla santità.

« Chi lo ha detto che gli italiani sono ultimi? » Francesco Vidotto, scrittore ed esperto finanziario

« Riscaldamento globale, il Vaticano sfida la Polonia » di Riccardo Cascioli

Si avvicina la nuova Conferenza del Clima e in Vaticano i motori sono già al massimo. Così ancora una volta il cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, radunerà in Vaticano il fior fiore dei catastrofisti mondiali, e poco importa se gli stessi sono convinti che per salvare il Pianeta bisogna applicare una drastica riduzione delle nascite o bloccare lo sviluppo, e magari anche sospendere i processi democratici per conseguire più rapidamente i citati obiettivi.

« Sinodo, documento finale tra il vago e l’ambiguo » di Lorenzo Bertocchi

La Chiesa «è una Madre santa con figli peccatori, e a causa dei nostri peccati il Grande Accusatore approfitta e gira cercando di accusare e in questo momento accusa forte, e diventa persecuzione: come i cristiani in oriente. L’accusa continua è fatta per sporcare la Chiesa. I figli sono sporchi, ma la Madre no. E’ ora di difendere la Madre con preghiera e la penitenza. E’ un momento difficile, l’Accusatore attacca la Madre e la Madre non si tocca!»

« Bando revocato, serve legge per tracciare i fondi islamici » di Andrea Zambrano

“Il bando della chiesa di Bergamo sarà revocato e la Regione procederà ad acquistare il luogo di culto”. L’assessore al Territorio della Regione Lombardia Pietro Foroni svela alla Nuova BQ le intenzioni della giunta Fontana dopo la notizia dell’asta pubblica attraverso la quale un’associazione islamica si è aggiudicata il bene in uso alla comunità ortodossa.

Una fotografia nuda e cruda sull’attuale periodo storico

« Il PD è ancora il primo partito. Solo nei Tg nazionali » di Ruben Razzante

Proprio mentre Lega e Cinque Stelle si preparano a spartirsi le direzioni delle reti e dei tg Rai, secondo il più classico dei copioni, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha fornito gli ultimi dati, riferiti a settembre, relativi allo spazio riservato alle singole forze politiche durante le varie edizioni dei telegiornali. La prima impressione scorrendo le cifre relative alla presenza dei partiti nel Tg1 è che la tv di Stato è rimasta ferma a prima delle elezioni del 4 marzo. 

« Moschea in chiesa, il vuoto a perdere del Cristianesimo » di Lorenzo Formicola

A Bergamo nascerà una moschea nei locali di una chiesa. L’Associazione Musulmani di Bergamo s’è aggiudicata all’asta la cappella degli ex Ospedali Riuniti, messa in vendita lo scorso 20 settembre. Dai frati cappuccini, la chiesa era passata già tre anni fa circa alla comunità ortodossa nella città orobica. Ma oggi è l’associazione islamica ad essersi aggiudicata l’asta grazie a un rialzo dell’8%, partendo da una base fissata a 418.700 euro.

“Angelelli beato? Sbagliato, farà vacillare la fede” di Andrea Zambrano

Targa commemorativa: “Con un odio al popolo e un altro al Vangelo. In questo luogo assassinarono mons. Enrique Angelelli,  vescovo di Rioja dal 2-8-68 fino al 4-8-76, impegnato nella sua pastorale, giustizia e pace, fu la voce di quelli senza voce. Oggi è martire dei poveri.”

Giornata de La Bussola del 21 ottobre 2018 – Vittorio Messori, Rosanna Brichetti Messori e Costanza Miriano

I manifesti sulla maternità surrogata e le reazioni del Comune di Roma. Facciamo un po’ di chiarezza.

Dopo tanti annunci e comunicati stampa alla fine il Comune di Roma ha notificato a Generazione Famiglia e a Pro Vita una “memoria di giunta” con la quale definisce “campagna pubblicitaria discriminatoria e lesiva dei diritti e delle libertà individuali” quella promossa contro la maternità surrogata e la genitorialità delle coppie omosessuali. (due volte clic sull’immagine per ingrandirla)

« La sinistra che non capisce la bellezza. Portiamo in Italia la “Sagrada Familia” » di Antonio Socci

Potrà sembrare un’idea pazza, ma mi piacerebbe che il Papa (visto che proprio Benedetto XVI la consacrò nel 2010) facesse smontare la “Sagrada Familia” di Antoni Gaudì e da Barcellona la facesse trasportare a Roma, dove ricostruirla pezzo per pezzo. Come – per la costruzione della diga di Assuan sul Nilo, in Egitto – furono smontati i templi di Abu Simbel (del XIII secolo a.C.), sezionati in 1030 blocchi e trasportati in altra zona dove tutto fu ricostruito. Un’operazione che impiegò cinque anni, dal 1964 al 1969.

« A proposito di giovani (e di sinodi) » di don Elia

No, ragazzi cari, non ci siamo proprio. Ma non è tutta colpa vostra. Il vuoto morale, intellettuale e spirituale in cui vi hanno tirato su vi costringe ad annaspare nella pressoché completa assenza di riferimenti e di punti fermi per le vostre scelte, facendovi al tempo stesso presumere di potervi dare da soli risposte alle domande fondamentali. Nel numero di maggio scorso del glorioso Bollettino salesiano, fondato (come si ricorda in copertina) da san Giovanni Bosco nel 1877, subito dopo il Messaggio del Rettor Maggiore, proprio in apertura sono riportate, senza alcun commento, le riflessioni di tre di voi riguardo alla cosiddetta legge sul fine-vita (qui), che in Italia ha da poco aperto il varco a pratiche eutanasiche.

« Veri e falsi santi del nostro tempo » di Roberto de Mattei

Tra gli anniversari del 2018 ce n’è uno che è passato inosservato: i sessant’anni dalla morte del Venerabile Pio XII, avvenuta a Castelgandolfo il 9 ottobre del 1958, dopo 19 anni di regno. Eppure la sua memoria oggi è viva, soprattutto, come osserva Cristina Siccardi, per la sua immagine sacrale, degna di un Vicario di Cristo, e per la vastità del suo Magistero, sullo sfondo di vicende tragiche, come la Seconda Guerra mondiale esplosa sei mesi dopo la sua elezione al Pontificato, il 20 marzo 1939.

« Populismo a stelle e strisce? » di don Elia

La domanda sorge spontanea ed è più che legittima: perché Steve Bannon, ex-consigliere strategico di Donald Trump, l’ideologo dell’America first, si è trasferito da noi per lanciare un movimento politico in Europa? Quali sono le motivazioni che lo hanno spinto a questo passo? Sono ragioni davvero disinteressate o ha scopi non dichiarati? Senza voler essere malevoli o complottisti a priori, non riusciamo proprio a soffocare il sospetto che The Movement sia in realtà una testa di ponte per prolungare la supremazia statunitense nel Vecchio Continente utilizzando le nuove forze politiche che, sostenute dal malcontento popolare, si stan facendo strada in diversi Paesi.

« Le persone sbagliate di cui Francesco non si libera » di Sandro Magister

L’ex cardinale Theodore McCarrick non è l’unica persona sbagliata su cui Francesco ha scommesso. Perché se ne possono segnalare almeno altre tre, ai gradi alti della gerarchia, ciascuna legata a filo doppio ai cambiamenti che questo papa vuole introdurre nella Chiesa. Di McCarrick anche Francesco conosceva da tempo la cattiva condotta, i suoi corteggiamenti di giovani e di seminaristi, portati in gita e poi a letto. Eppure se l’è tenuto ben stretto fino all’ultimo, come suo primo consigliere nelle nomine mirate a rovesciare i rapporti di forza tra i vescovi degli Stati Uniti, a vantaggio dell’ala progressista.

« Avvenire “sfotte” i miracoli nel giorno del Miracolo » di Andrea Zambrano

Almeno facesse ridere potremmo consolarci. Invece la vignetta che Staino ha pubblicato ieri su Avvenire non fa ridere e forse questo è il problema principale dato che, dovendo di mestiere fare il comico, se questi perde il sale dell’ironia, non si vede per quale motivo deve continuare a occupare pagina 2 di un giornale prestigioso come Avvenire. E per giunta la domenica.

Della rubrica Hello, Jesus curata dal dissacratore vignettista toscano abbiamo già scritto. Ma bisogna tornarci perché all’insipienza di Staino questa volta si unisce la coincidenza del tema scelto della striscia domenicale, che anche un lettore non attento non può non collegare ad una scelta redazionale. Il tema del giorno era infatti la canonizzazione di Papa Paolo VI, dettagliatamente raccontata in apertura di giornale anche in riferimento al miracolo di Amanda che ha portato Paolo VI agli altari.

torna su▲