Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

“Il segreto di Benedetto XVI. Perché è ancora papa”. Il libro di Antonio Socci di prossima uscita.

Benedetto XVI - SocciUscirà il prossimo 27 novembre, ricorrenza dell’apparizione della Madonna della Medaglia miracolosa a S. Caterina Laburè, il nuovo libro di Antonio Socci dal titolo “Il segreto di Benedetto XVI. Perché è ancora papa”, editore Rizzoli. Socci è uno scrittore e giornalista che sembra nato per spaiare le carte con i suoi libri di inchiesta, che sono sempre dirompenti perché scatenano una quantità di polemiche e di attacchi alla sua persona da fare desistere chiunque dal voler riprovarci.
Ma dopo le tempeste mediatiche, quando non sono propri e veri insulti, alla fine anche i suoi più acerrimi nemici devono far i conti con le sue affermazioni, che sono il risultato di indagini sempre accuratamente documentate e verificabili.

« Riscaldamento globale, dal Vaticano le nuove Tavole della Legge » di Riccardo Cascioli

Sachs e SorondoTempo 15 anni e saremo tutti obbligati a diventare vegetariani (o come alternativa a mangiare insetti), spostarci solo su macchine elettriche, piantare pannelli solari in giardino per poterci scaldare. Non è un brutto sogno, è la nuova dittatura mondiale che sta avanzando nel nome della lotta ai cambiamenti climatici, il cui programma sintetico è stato presentato giovedì 15 novembre in Vaticano, nel corso della Conferenza internazionale su “Cambiamenti climatici, salute del pianeta e futuro dell’umanità”.

« Assassino trans e studentessa cristiana: due pesi, due misure » di Benedetta Frigerio

Isabella Chow e Peter LaingQuello che sta passando Isabella Chow, studentessa della University of California di Berkeley, è sconcertante, sebbene lo sia ancora di più la forza e l’amore con cui sta reagendo ai suoi aggressori. Isabella, di origine malsana-cambogiana, iscritta contemporaneamente al terzo anno di Business Economics e a quello di Musica, senatrice del consiglio accademico per il partito Student Action, due settimane fa si è rifiutata di votare una risoluzione, presentata dall’associazione Lgbt Queer Resource Center (Quarc), che condannava l’amministrazione Trump per aver proposto la ridefinizione del sesso come un dato biologico presente fin dalla nascita.

Approvata dalla Cei la nuova versione del messale romano. Forti polemiche tra i cattolici sulla modifica del “Padre nostro”.

nuovo messale romanoA voler parlar forbito, l’avversione al nuovo in italiano si definisce “misoneismo”, termine derivato dalla crasi di due parole greche, mίsos (odio) e néos (nuovo). Il termine viene usato in genere con intento dispregiativo, perché chi ha la mente chiusa alle novità è giudicato un individuo nostalgico, retrogrado, tradizionalista, conservatore e neofobico, vale a dire un ottuso.

E le citate parole del greco antico, insieme al latino, in questi giorni hanno dato dimostrazione di essere tutt’altro che morte e chi le ha studiate ha avuto la soddisfazione di scoprire che mai tanta fatica è stata così ben ricompensata, perché sono ancora vivissime e attuali.

« Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco » di Roberto de Mattei

Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano La Stampa e responsabile del sito web Vatican Insider, il quale, in collaborazione con il giornalista Gianni Valente, ha appena pubblicato Il Giorno del Giudizio, un ampio saggio sul “caso Viganò”, dall’eloquente sottotitolo: Conflitti, guerre di potere, abusi e scandali. Cosa sta davvero succedendo nella Chiesa (Edizioni Piemme, 255 pp.).

Lettera del Santo Padre Francesco al fondatore del Monastero di Bose in occasione del 50.mo anniversario della comunità monastica.

In occasione del 50° anniversario di fondazione della Comunità di Bose papa Francesco ha ritenuto di inviare a Enzo Bianchi una lettera di auguri e di incitamento a proseguire nella via intrapresa, lodando le attività materiali e spirituali in atto. Con dolore, ma nella libertà dei figli di Dio non possiamo non dissociarci dall’opinione che il nostro pontefice nutre nei confronti di un eretico dichiarato il cui unico scopo è l’attuazione di un sincretismo religioso che non ci appartiene. Pochi giornalisti ormai si azzardano a criticare quello che è diventato un’eminenza grigia del Vaticano, rispettato e consultato in tutte  le occasioni di confronto sui contenuti della nostra fede.

«Compagno Drago e gli altri: i serial killer protetti dal Pci» di Andrea Zambrano

cecchini comunistiMolti di loro vennero decorati con la medaglia d’oro, altri diventarono persino deputati del Pci o segretari dell’Anpi locale. Ad altri ancora la vita non fu facile, dovettero conoscere la dura fatica nei campi di patate nella Cecoslovacchia sovietica, ma poi dopo pochi anni tornarono a casa dove poterono così ricominciare la loro vita, come se niente fosse.

« Benedetta, beata colei che ha abbracciato la croce » di Ermes Dovico

Il 7 novembre papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle cause dei santi a promulgare diversi decreti, tra cui quello riguardante il riconoscimento del primo miracolo attribuito all’intercessione della venerabile Benedetta Bianchi Porro (8 agosto 1936 – 23 gennaio 1964), che quindi sarà presto proclamata beata. Il miracolo riguarda la guarigione dell’allora ventenne Stefano Anerdi, andato in coma il 21 agosto 1986 dopo un gravissimo incidente con la moto e dichiarato cerebralmente morto dai medici, che avevano pure dato il via libera all’espianto degli organi.

« Perchè Salvini sull’immigrazione ha convinto gli italiani e i cattolici che preferiscono lui a Bergoglio » di Antonio Socci

Bergoglio - BoninoE’ accaduto qualcosa di eccezionale sotto i nostri occhi e non ce ne siamo resi conto. Per anni, fino a poco tempo fa, sono sbarcati sulle nostre coste a centinaia migliaia. Un assalto massiccio e incontrollato che – prima di tutto – decretava la fine dello Stato italiano per la sua incapacità di proteggere i propri confini. Erano immigrati irregolari. E tutti – ministri, giornalisti, intellettuali, papa e organismi internazionali – ci ripetevano: non ci si può far niente, bisogna subire, accoglierli e ospitarli a spese degli italiani (circa 5 miliardi all’anno) perché è un fenomeno epocale, inevitabile, sarebbe come pretendere di fermare il vento con le mani.

« Parola d’ordine: resistere » di don Elia

Care monache di clausura, da qualche mese una nuova, seppur prevedibile, tempesta si è scatenata su di voi. Questa volta, a volere la vostra morte o almeno la vostra dispersione, non è il sanguinario regime rivoluzionario che, alla fine del XVIII secolo, imprigionò o decapitò tante di voi, né il neonato Stato unitario che dopo la metà del XIX vi rubò i monasteri e ve ne cacciò fuori, né ancora una legge di “separazione” tra Chiesa e Stato emanata all’inizio del XX, nonostante il ralliement del Vaticano, da una repubblica massonica nata dall’ennesima rivoluzione, e nemmeno quella analoga che la riprodusse quasi alla lettera, tredici anni dopo, in un Paese lontano appena caduto, con la regia dei “fratelli” d’Occidente, sotto uno dei regimi più feroci che la storia ricordi.

Incredibile discorso tenuto da Papa Francesco alle Clarisse nel suo primo viaggio ad Assisi

 

« Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco » di Cristina Siccardi – Come S. Chiara resistette a cardinali e papi

Francesco e ChiaraIl “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che la demolizione dell’autonomia giuridica (sui juris) di ogni chiostro viene messa in azione per attuare (con la realizzazione di: Federazione di monasteri, Associazione di monasteri, Conferenza dei monasteri, Confederazione di monasteri, Commissione Internazionale, Congregazione monastica) un livellamento di regime ad un modello unico, definito «affiliazione», ma che ai singoli monasteri,con poche monache, verrà chiesta una «presa di coscienza della propria realtà, in un dialogo con la Santa Sede e con le figure di riferimento previste dalla Commissione», come ha specificato, nella conferenza stampa dello scorso maggio, Monsignor José Rodríguez Carballo, Segretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica.

« Chi sa ha parlato: dagli archivi Pci la verità sui crimini rossi » di Andrea Zambrano

partigiani col mitraAl posto della pipa c’è il sigaro. Per il resto è in tutto e per tutto simile al commissario Maigret impersonato da Gino Cervi. Anche nelle coincidenze del destino di un personaggio che sembra avere con lui più di una somiglianza: Cervi è stato il Peppone di guareschiana memoria, in quanto al commissario nato dalla penna di Simenon, il suo è un lavoro principalmente di indagine. (clic due volte sulle immagini per ingrandirle)

« Asia Bibi scarcerata, portata in un luogo segreto » di Anna Bono

Asia Bibi è stata liberata. Ma c’è incertezza sulla sua sorte. La Afp riferisce che il suo avvocato, Saif-ul-Muluk, fuggito dal paese il 3 novembre e attualmente in Olanda, ha detto che Asia nel pomeriggio del 7 novembre è stata trasferita sotto scorta dal carcere di Multan a un aeroporto vicino alla capitale Islamabad e lì imbarcata insieme ai famigliari su un aereo con cui ha lasciato il Pakistan per una destinazione che l’avvocato sostiene di ignorare.

« Ici, ma quale condanna? Corte Ue dà ragione alla Chiesa » di Andrea Zambrano

La sentenza della Corte di Giustizia UE: l’Italia recuperi l’ICI non versata dalla Chiesa“: così titolavano ieri, con minime variazioni stilistiche, le principali testate giornalistiche presenti in rete. E’ davvero così? La Nuova BQ lo ha chisto all’avvocato Francesco Farri, tributarista, dottore di ricerca nell’Università La Sapienza di Roma e socio del Centro Studi Rosario Livatino. E ha scoperto che le cose non stanno affatto così, anzi, la sentenza stabilisce un principio: che gli enti ecclesiastici non non sono enti commerciali. Ma anche questa è una battaglia Radicale e i media si adeguano nel solco dell’anticlericalismo. 

« Gomorra nel secolo XXI. L’appello di un cardinale e storico della Chiesa » di Sandro Magister

“La situazione è paragonabile a quella della Chiesa nell’XI e XII secolo”. Da autorevole storico della Chiesa e da presidente del pontificio comitato di scienze storiche dal 1998 al 2009, il cardinale Walter Brandmüller, 89 anni, non ha dubbi quando vede la Chiesa attuale “scuotersi fin nelle sue fondamenta” a motivo del dilagare di abusi sessuali e di omosessualità “in modo quasi epidemico tra il clero e perfino nella gerarchia”.

Asia Bibi è di nuovo in carcere. L’appello del marito: ‘Pregate per noi’

famiglia di Asia BibiIslamabad (AsiaNews) – Asia Bibi, la donna cristiana assolta dall’accusa di blasfemia, ma per la quale i radicali islamici del Pakistan continuano a chiedere l’impiccagione “è tornata di nuovo in carcere a Multan”. Lo dichiara ad AsiaNews Joseph Nadeem, direttore esecutivo di Reinassance Education Foundation, mentre è in compagnia del marito di Asia, Ashiq Masih, e di sue due figlie. Dopo la lettura della sentenza d’innocenza, gli estremisti hanno ottenuto dal governo la revisione del verdetto.

Papa Francesco confessa: “Io ho salvato Medjugorje”

Il blog “Medjugorje tutti i giorni” (qui) ha riportato la trascrizione di un intervento che ha fatto nel giorno di tutti i Santi Chiara Amirante, la fondatrice della comunità Nuovi Orizzonti, che si trova a Medjugorje in questi giorni con don Davide Banzato e il cantante Nek.

La Amirante ha detto di avere avuto l’occasione di parlare con papa Francesco per un’ora su Medjugorje.

Asia Bibi, continuano le proteste: cancellate le messe per il giorno dei defunti

Lahore - cimitero chiusoLahore (AsiaNews) – Le diocesi del Pakistan hanno cancellato le messe in programma per la commemorazione dei defunti, per timore delle violente proteste scatenate in tutto il Paese dai radicali islamici che contestano la liberazione di Asia Bibi, la donna cattolica assolta dalla condanna a morte per blasfemia. P. Nasir William, parroco della chiesa cattolica di St. Francis Xavier a Sargodha, nel Punjab, afferma ad AsiaNews: “La messa che doveva svolgersi nel cimitero è stata cancellata, mentre verrà celebrata all’interno della chiesa. Speriamo che le scuole cattoliche possano riaprire la prossima settimana”.

Festività di tutti i Santi

Da in alto a sinistra: Beata Chiara Luce Badano; Giulia Gabrieli; Chiara Corbella; Giovanna Rita di Maria (Kiri); Venerabile Carlo Acutis; Beato Giorgio Frassati; Servo di Dio Salvo d’Acquisto; Carlotta Nobile; Santa Gemma Galgani. E non sono tutti.

C’è una ragione per la quale nel XX secolo morti in santità sono stati tanti giovani?

Ma al sinodo appena terminato sono stati presentati ai ragazzi che vi hanno partecipato?

Clic due volte per ingrandire

torna su▲