Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

« Da Siena a New York (passando per Roma, Londra e Bruxelles) il crollo della sinistra come uno choc storico » di Antonio Socci

Siena di notteFra le allegre e colorate vie di Siena, in festa per il Palio della Madonna di Provenzano, a una settimana dallo tsunami elettorale, si aggirano come naufraghi certi notabili e intellettuali della Sinistra cittadina che, interpellati dai giornali nazionali, si dicono “sotto choc” e sbigottiti per il crollo di un dominio rosso durato 70 anni.

« Vergine irrisa, ecco la sobrietà chiesta ai gay dal vescovo » di Andrea Zambrano

Vergine irrisaLa fiera dell’osceno sotto gli occhi della Madonna del Rosario. Eccolo il rispetto chiesto dal vescovo di Pompei agli organizzatori e partecipanti del PompeiPride2018: una donna di rosso vestita che ostenta alcuni Rosari e tende le braccia imitando l’iconografia della Madre di Dio che accoglie i suoi figli in un abbraccio. Una “Madonna gay”, Dio ci perdoni l’accostamento blasfemo, a pochi passi dal Santuario mariano e in aperto sberleffo alla fede cattolica.

« L’Italia farà da sola, il vertice segna la fine dell’Europa » di Gianandrea Gaiani

VerticePoco importa che al termine del vertice di Bruxelles tutti cerchino di rivendicare un successo da spendere presso la propria opinione pubblica ed elettorato ma il verdetto del summit è che l’Europa, semplicemente, non esiste. Nella Storia non si era mai visto uno Stato, un’alleanza o comunque un soggetto geopolitico incapace di gestire persino la difesa delle proprie frontiere esterne dall’assalto di criminali e immigrati illegali.

« E’ la protestantizzazione della Chiesa » di Marco Tosatti

Card. Gerhard MüllerIl Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, il card. Gehrard Mueller, in un’intervista al Catholic World Report lancia il suo allarme per una Chiesa che si sta convertendo al mondo, invece che cercare di convertire il mondo a Dio. Ne abbiamo tradotto alcuni brani, che ci sono parsi particolarmente interessanti.

« Addio business, pacchia finita per le coop dell’accoglienza » di Andrea Zambrano

migranti accoglienzaL’ultimo caso in ordine di tempo risale ad appena due giorni fa: una struttura per richiedenti asilo sequestrata a Latina e sei persone finite in manette per maltrattamenti, truffa aggravata e frode nelle forniture pubbliche. L’operazione della Procura laziale era partita su segnalazione di alcuni ospiti richiedenti asilo che si lamentavano delle scarse condizioni igieniche del Cas gestito da una onlus del posto.

“Munchau: E’ la paura che ha tenuto in riga l’Italia per decenni facendola accettare cose contrarie al suo interesse” di Antonio Socci

Savona-SalviniDunque aveva ragione Paolo Savona. Il tempo è galantuomo e dopo appena un mese si sta verificando esattamente quello che l’economista sardo aveva previsto, quello che voleva prevenire e che proponeva di governare: l’implosione dell’Unione Europea. Tale preveggenza, che doveva essergli riconosciuta come un merito, gli è invece costata cara. Per essa infatti ha dovuto rinunciare al ministero del Tesoro su cui avevano posto il veto Mattarella e la Germania.

« I ballottaggi premiano la Lega. Sinistra a pezzi » di Ruben Razzante

SalviniIl secondo turno delle elezioni amministrative non partorisce verdetti eclatanti ma conferma le tendenze in atto nell’elettorato italiano. Alle urne 2 milioni 793 mila italiani in 75 comuni, tra cui 14 capoluoghi di provincia. Anzitutto l’affluenza alle urne cala vistosamente, complice il bel tempo, che ha spinto verso le spiagge assolate moltissimi aventi diritto, e la mancanza di candidati graditi agli elettori dei partiti rimasti fuori dal ballottaggio, in primo luogo quelli pentastellati. 

« L’Italia umiliata e impoverita dal partito delle elite rialza la testa e ritrova la speranza a l’orgoglio » di Antonio Socci

SalviniSalvini di qua, Salvini di là. Ieri (s)parlavano di lui l’editoriale del “Corriere della sera” e il titolo d’apertura della prima pagina. Ma pure l’editoriale di “Repubblica”, il suo titolo d’apertura e il titolo di taglio della prima (con un altro richiamo sulla stessa prima). Anche gli altri quotidiani stavano così sull’argomento. Più lo attaccano e più Salvini accresce la sua popolarità tra la gente.

« Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa » di Giampaolo Crepaldi

Vescovo di TriesteIl ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha rilanciato la proposta della chiusura degli esercizi commerciali nel giorno di domenica, intendendo così abolire la normativa di completa liberalizzazione attuata da precedenti governi. La proposta è oggetto di discussione e sia i partiti che i soggetti sociali stanno prendendo posizione.

« Migranti irregolari, un business da 7 miliardi di dollari » di Anna Bono

Si intitola “Studio mondiale sul contrabbando di emigranti 2018”: è il rapporto pubblicato il 13 giugno dall’Unodc, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine. In 170 pagine lo studio – il primo globale – descrive dettagliatamente le attività dei contrabbandieri, i rischi a cui vanno incontro gli emigranti, chi sono i trafficanti e le persone che ad essi si affidano e inoltre suggerisce alcune linee di azione per combattere il contrabbando.

« Il cardinale Burke e le miserie dell’Avvenire » di Riccardo Cascioli

tarquinioUn cardinale di santa Romana Chiesa scopre di essere stato infamato e insultato dal quotidiano dei vescovi italiani. Allora scrive al direttore del giornale per chiedere ragione di tale comportamento e anche smentire frasi che gli vengono attribuite, e indovinate? Si becca un’altra sequela di accuse e insulti. Potrebbe sembrare la trama di un mediocre romanzo, invece è l’incredibile verità. I protagonisti sono il cardinale Raymond Leo Burke e, ovviamente, Avvenire.

« L’Italia s’è desta » di Antonio Socci

TifoChe l’Italia si trovi ad essere fuori dai Mondiali di calcio – che ci hanno sempre visto protagonisti e molte volte vincitori – provoca un senso di frustrazione e umiliazione. Anche perché il calcio è stato l’unico modo in cui gli italiani per anni hanno potuto esprimere il loro patriottismo e il loro orgoglio nazionale. I Mondiali ci hanno permesso di sventolare il tricolorenelle strade (riconoscendosi tutti in esso) cosa che – in tutti gli altri giorni dell’anno – esponeva al sospetto, se non all’accusa, di fascismo. La stessa parola Patria è bandita da tempo.

“Io, immigrato e italiano vi dico che questo è schiavismo” di Andrea Zambrano

Toni Iwobi“Non è questa l’immigrazione che ho conosciuto io”. Toni Iwobi ha appena finito il suo intervento al Senato. L’aula di Palazzo Madama è in totale silenzio. E’ un emiciclo stranamente muto: ha di fronte a sé l’unico tra gli eletti italiani che può parlare di immigrazione a ragion veduta. Il senatore leghista di origini nigeriane è un simbolo scomodo perché la prima volta che il Parlamento ha tra i suoi rappresentanti un afroamericano, e non è il “nero” che ti aspetti.

Esortazione apostolica post-sinodale “Ecclesia in Europa” del Santo Padre Giovanni Paolo II

Giovanni Paolo

“Questa non è immigrazione, ma traffico di esseri umani” di Andrea Zambrano

Immigrati“Il tweet da fare non era quello evangelico sullo straniero da accogliere, ma doveva essere più o meno così: eri criminale e adesso ti ho fermato”. Per il giudice Alfredo Mantovano, già sottosegretario agli Interni, la vera posta in gioco con il caso Aquarius non è quella che la stampa e la politica stanno strombazzando attraverso fasulli sensi di colpa e retoriche del ricatto morale di un occidente opulento e un sud del mondo povero.

Il punto di vista di Alfio Krancic

Krancic

« Contro il “governo xenofobo”, il piano dei cronisti embedded » di Andrea Zambrano

aquariusNessuno è in pericolo di vita. Se qualcuno dei migranti a bordo della nave Aquarius lo fosse la notizia farebbe il giro del mondo. Per il semplice motivo che il natante di proprietà della Ong Sos Mediterrèe ha a bordo anche persone capaci di farsi intendere nelle redazioni. Giornalisti. Giornalisti a bordo, emebedded, si direbbe mutuando una terminologia bellica. Ingaggiati per raccontare che cosa succede dentro la nave, ma forse anche qualcosa di più.

« Pd e Berlusconi meditano sulle loro macerie » di Ruben Razzante

elezioni-amministrative-2018Non ci sono state particolari sorprese nel voto amministrativo di domenica, tanto più che le sfide di maggior impatto si decideranno nei ballottaggi di domenica 24 giugno. Nel complesso, i candidati del centrodestra vanno molto bene perché trainati da una Lega in forte avanzata. Forza Italia appare sempre più in affanno, tanto che lo stesso Silvio Berlusconi ieri, in una lettera al Corriere della Sera, ha annunciato una vera e propria rifondazione del partito, con l’innesto di forze nuove, del mondo delle professioni e della società civile, per frenare l’emorragia di voti che rende il suo partito sempre più subalterno al Carroccio.

« Come Matteo Salvini ha reinventato la Lega facendone la protagonista della politica nazionale e di una svolta storica per l’Italia » – di Antonio Socci

Alberto da GiussanoIl fenomeno politico più sorprendente della terza Repubblica (e in ascesa) è la Lega di Matteo Salvini. Alle elezioni del 4 marzo ha conquistato la leadership del centrodestra, poi è diventata il pilastro del nuovo governo (a cui dà la sua forte impronta), miete consensi anche al Centro e al Sud Italia ed è accreditata dai sondaggi nazionali fra il 25 e il 28 per cento. Eppure il Giornale Collettivo del Pensiero Unico e gli intellettuali ne parlano solo per scagliare anatemi e sberleffi.

« Il pregiudizio universale. Tutti i giornali contro il Governo prima ancora che nasca » di Antonio Socci

salvini-conte-savona-di-maioCaro Direttore (di “Libero”),

i giornali, nella quasi totalità, sono schierati contro il nascente governo e sparano a palle incatenate, da settimane, ancor prima della sua formazione.

torna su▲