Messaggio del 25 dicembre 2014

Cari figli! Anche oggi vi porto tra le braccia mio Figlio Gesù e cerco da Lui la pace per voi e la pace tra di voi. Pregate e adorate mio Figlio perché nei vostri cuori entri la sua pace e la sua gioia. Prego per voi perché siate sempre più aperti alla preghiera. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.  

Esortazione apostolica post-sinodale “Ecclesia in Europa” del Santo Padre Giovanni Paolo II

Giovanni Paolo

“Questa non è immigrazione, ma traffico di esseri umani” di Andrea Zambrano

Immigrati“Il tweet da fare non era quello evangelico sullo straniero da accogliere, ma doveva essere più o meno così: eri criminale e adesso ti ho fermato”. Per il giudice Alfredo Mantovano, già sottosegretario agli Interni, la vera posta in gioco con il caso Aquarius non è quella che la stampa e la politica stanno strombazzando attraverso fasulli sensi di colpa e retoriche del ricatto morale di un occidente opulento e un sud del mondo povero.

Il punto di vista di Alfio Krancic

Krancic

« Contro il “governo xenofobo”, il piano dei cronisti embedded » di Andrea Zambrano

aquariusNessuno è in pericolo di vita. Se qualcuno dei migranti a bordo della nave Aquarius lo fosse la notizia farebbe il giro del mondo. Per il semplice motivo che il natante di proprietà della Ong Sos Mediterrèe ha a bordo anche persone capaci di farsi intendere nelle redazioni. Giornalisti. Giornalisti a bordo, emebedded, si direbbe mutuando una terminologia bellica. Ingaggiati per raccontare che cosa succede dentro la nave, ma forse anche qualcosa di più.

« Pd e Berlusconi meditano sulle loro macerie » di Ruben Razzante

elezioni-amministrative-2018Non ci sono state particolari sorprese nel voto amministrativo di domenica, tanto più che le sfide di maggior impatto si decideranno nei ballottaggi di domenica 24 giugno. Nel complesso, i candidati del centrodestra vanno molto bene perché trainati da una Lega in forte avanzata. Forza Italia appare sempre più in affanno, tanto che lo stesso Silvio Berlusconi ieri, in una lettera al Corriere della Sera, ha annunciato una vera e propria rifondazione del partito, con l’innesto di forze nuove, del mondo delle professioni e della società civile, per frenare l’emorragia di voti che rende il suo partito sempre più subalterno al Carroccio.

« Come Matteo Salvini ha reinventato la Lega facendone la protagonista della politica nazionale e di una svolta storica per l’Italia » – di Antonio Socci

Alberto da GiussanoIl fenomeno politico più sorprendente della terza Repubblica (e in ascesa) è la Lega di Matteo Salvini. Alle elezioni del 4 marzo ha conquistato la leadership del centrodestra, poi è diventata il pilastro del nuovo governo (a cui dà la sua forte impronta), miete consensi anche al Centro e al Sud Italia ed è accreditata dai sondaggi nazionali fra il 25 e il 28 per cento. Eppure il Giornale Collettivo del Pensiero Unico e gli intellettuali ne parlano solo per scagliare anatemi e sberleffi.

« Il pregiudizio universale. Tutti i giornali contro il Governo prima ancora che nasca » di Antonio Socci

salvini-conte-savona-di-maioCaro Direttore (di “Libero”),

i giornali, nella quasi totalità, sono schierati contro il nascente governo e sparano a palle incatenate, da settimane, ancor prima della sua formazione.

Ecco cosa ha risposto veramente Salvini sulla frase del ministro Fontana: “la famiglia è fatta da un padre e da una madre”

« Numeri, equilibri e leadership: tutte le fragilità del governo » di Ruben Razzante

nuovo governoIl governo Conte ha giurato nelle mani del Presidente della Repubblica e si presenterà alle Camere all’inizio della prossima settimana per ottenere la fiducia. Dopo 88 giorni di febbrili e concitate trattative, Lega e Cinque Stelle hanno trovato la quadra e, superati tutti gli ostacoli di un problematico dialogo con il Quirinale, hanno raggiunto lo scopo di dar vita a un esecutivo politico. C’è grande entusiasmo da parte dei protagonisti, i leader di partito Matteo Salvini e Luigi Di Maio, ma anche tra i componenti del nuovo governo, a cominciare dal premier Conte, che ieri ha subito voluto dare un segnale tangibile di apertura alle istanze dei più deboli, incontrando, fuori da Montecitorio, una delegazione di lavoratori a rischio dell’azienda americana FedEx.

Il mio commento al nuovo Governo

bandiera italianaDa quello che ho letto nei profili dei miei contatti facebook e sui siti cattolici, sentendo un po’ in giro anche fra parenti, amici e conoscenti, i credenti  sono contenti di questa svolta, perché noi non siamo i beceri tradizionalisti che vogliono descrivere tutti i sinistrorsi.

Il presidente del Consiglio dei Ministri incaricato, prof. Giuseppe Conte, presenta il nuovo Governo

« Fine del governo: Conte se ne va. Il voto si avvicina » di Ruben Razzante

Sergio MattarellaIl professor Giuseppe Conte ha rimesso il mandato nelle mani del Presidente della Repubblica. Non è riuscito a formare il cosiddetto “governo del cambiamento”. A far naufragare il suo tentativo il veto del Quirinale sul nome di Paolo Savona, proposto con forza da Lega e Cinque Stelle per il ruolo di Ministro dell’Economia.

Perché è cosa buona e giusta destinare l’8×1000 alla Chiesa cattolica

Rembrandt_Cristo nella tempesta sul lago di GalileaE’ ormai sotto gli occhi di tutti la deriva spirituale e morale intrapresa da svariati ed eminentissimi uomini di Chiesa, deriva tanto più grave quanto più è elevato il loro grado nelle gerarchie ecclesiastiche. Ma anche semplici presbiteri assurgono sempre più frequentemente alla ribalta della cronaca per comportamenti penalmente condannabili, quando non si fanno carico di intollerabili abusi liturgici o di vere e proprie blasfemie come anche di esternazioni eretiche.

Sentinelle in Piedi censurate: la democrazia sta morendo

Sentinelle a SienaSono passati 40 anni da quel 22 maggio del 1978 in cui nel nostro Paese è stato legalizzato l’aborto e mancano all’appello 6 milioni di nostri connazionali, e i figli che da loro sarebbero nati. L’approvazione della legge 194 è stata possibile grazie ad una delle più grandi fake news della storia, ovvero quella del disastro di Seveso del 1976 in cui la dispersione di una nube di diossina mise in moto la macchina della propaganda che convinse le donne in attesa ad abortire per timori di danni sul feto: nessuno di quei bambini risultò essere ammalato, molti di loro furono uccisi.

« Se la messa diventa un Lego da costruire e disfare » di Aurelio Porfiri

LegoUna notizia recente ha catturato la mia attenzione. La celebrazione sabato 19 maggio di una cosiddetta “messa rock” celebrata su un altare fatto di Lego (?!?) nel palazzetto Guido Riba di Caraglio. Questo evento è stato organizzato dalla diocesi di Cuneo e dal suo ufficio per la pastorale giovanile e avrebbe visto, alla sua settima edizione, la partecipazione di 2000 ragazzi (La Stampa ne indicava poco più di 1500 ma non è importante).

La storia edificante del “generale arruolato da Dio” in un libro scritto da un suo antico studente

ChitiLe Edizioni Ares presentano domani a Roma un libro scritto dal sen. Vincenzo Manca su Gianfranco Chiti, la cui vicenda umana fu talmente straordinaria sia per le sue imprese che per la sua testimonianza cristiana da essere stato avviato il processo ecclesiastico per la sua beatificazione. L’autore che ne ha steso la biografia ebbe la ventura di conoscerlo personalmente essendo stato un suo allievo e gli ha dedicato questo libro come tributo di riconoscenza per averlo avuto dapprima come docente di matematica e poi come direttore spirituale.

Marcia per la Vita: un fiume umano per le vie di Roma

Marcia per la vita

« Il Royal Wedding segna il declino della monarchia » di Paolo Gulisano

matrimonioLa Gran Bretagna, come noto, è l’ultimo dei Regno che potremmo definire Ancient Regime: una monarchia ereditaria, niente costituzione, niente codice di diritto civile. In compenso consuetudini e una tradizione tanto dinamica che non si capisce più che cosa conservi e tramandi.
Il Royal Wedding del Principe Harry, lo scavezzacollo di Casa Windsor, l’ex “wild child” come veniva chiamato, con le sue gogliardate a volte di pessimo gusto, come quando si vestì da nazista e marciò col passo dell’oca, forse ha segnato la fine di quanto restava della vecchia Inghilterra. La Monarchia inglese, così come l’abbiamo conosciuta per secoli, è agli sgoccioli.

« Omofobia, la pretesa di pregare per una imposizione » di Stefano Fontana

VegliaL’adesione di vescovi cattolici italiani alle veglie contro l’omofobia ha qualcosa in incredibile. Sia dal punto di vista dottrinale che pastorale. I due aspetti sono sempre legati tra loro, anche nella forma negativa: quando fallisce l’uno fallisce anche l’altro. Essi si giocano sempre insieme, inutile pensare che sia possibile tenere ferma la dottrina facendo scelte pastorali ambigue o sbagliate, alla fine anche la dottrina ne risente.

« In marcia per la vita e per i sei milioni di non nati » di Valerio Pece

Marcia per la vita- movimenti anti abortistiSabato 19 maggio Roma prenderà il via l’VIII edizione della Marcia nazionale per la Vita. Per le migliaia di partecipanti il ritrovo è in Pazza della Repubblica (ore 14.30), per arrivare poi fino a piazza Venezia. La Marcia sarà preceduta dall’ormai consueto convegno annuale (17 e 18 maggio) presso la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino (Angelicum). “Vera e falsa coscienza”, questo il tema del Convegno che vede tra i relatori il card. Raymond Burke, il vescovo Athanasius Schneider, mons. Livio Melina, nomi noti di pro-life come John Smeaton, John-Henry Westen, Roberto de Mattei e il professor Stéphane Mercier (quest’ultimo sospeso dall’Università Cattolica di Lovanio per aver proposto alle sue matricole di Filosofia un testo dal titolo La filosofia per la vita, in cui si affronta anche il tema dell’aborto).

torna su▲